Parole chiave

Ayatollah

È un titolo di grado elevato che viene concesso agli esponenti più importanti del clero sciita, che in Iran esercitano una pesante influenza politica sulla società. Il termine significa "segni di Allah" o "segni di Dio" e coloro che hanno questo titolo sono esperti in studi islamici come la giurisprudenza, l'etica, la filosofia e il misticismo.Non c'è un modo gerarchicamente preciso con cui si possa raggiungere il titolo di Ayatollah: solitamente viene concesso ad un esperto di studi religiosi che abbia ottenuto la stima, il rispetto e l'ammirazione dei suoi superiori e dei suoi pari grazie alla sua conoscenza del canone islamico e alla sua condotta. Solo pochi dei più importanti Ayatollah vengono riconosciuti come Grandi Ayatollah.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Ayatollah
    • News24

    Iran, il «falco» di Trump minaccia sanzioni ad aziende europee

    Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. Più che un monito, quello del consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il "superfalco" John Bolton, suona come una vera e propria minaccia. Perché l'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare

    • News24

    Iran e nucleare, regime più debole per scioperi e caro vita

    Che succede in Iran alla vigilia della possibile uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare firmato in pompa magna nel 2015 dal presidente americano, Barack Obama, Cina, Russia e partner europei? Qual è lo stato attuale del Paese cinque mesi dopo la violenta rivolta di dicembre che aveva

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Quale Brexit? Dazi e Iran avvicinano Londra alla Ue

    Nelle ultime quarantotto ore i tre leader dei più importanti paesi europei si sono sentiti al telefono due volte: la triangolazione fra il francese Macron, la britannica May e la tedesca Merkel si sviluppa attorno a due questioni cruciali: resistere ai dazi di Trump che dovrebbero scattare da

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Gli Stati Uniti verso il ritiro dalla Siria e dal Medio Oriente (salvo ripensamenti)

    L'accordo sul nucleare iraniano? Barack Obama lo aveva salutato come «una storica intesa». Per Donald Trump è solo «uno dei peggiori accordi mai fatti dagli Stati Uniti». Le relazioni con l'Arabia Saudita? Erano precipitate ai minimi storici con Obama. Per Trump l'alleanza forgiata lo scorso giugno

    – di Roberto Bongiorni

    • Agora

    May Madness - L'Iran, la Bomba e Trump

    "Se Trump incontrerà Kim, perché non anche Rouhani?", si chiede su Al-Monitor Akiva Eldar, ex grande firma del quotidiano israeliano Ha'aretz. In fondo sempre di programmi nucleari si tratta. Ci sarebbe più di una logica ragione perché americani e iraniani si riguardino negli occhi per cercare la strada verso un graduale raffreddamento della loro disputa, diventata il cuore della più grande disputa mediorientale. Invece non accadrà e diversamente da Eldar, altri israeliani, quelli dei vertici m...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Iran-Arabia Saudita, cosa unisce i due acerrimi nemici del Golfo

    I due acerrimi nemici hanno molto più in comune di quanto vogliano mostrare al mondo. Entrambi ambiscono da tempo a divenire la potenza regionale del Golfo Persico, sulle cui sponde opposte si affacciano. Ed entrambi puntano a isolare il rivale. Che si tratti degli ayatollah sciiti o della

    – di Roberto Bongiorni

    • Agora

    Iran: la stanchezza di una rivoluzione

    "I movimenti di protesta in Medio Oriente si trovano sempre di fronte all'enorme ostacolo della repressione e raramente hanno un lieto fine. Quando riescono ad abbattere un autocrate, raramente riescono a porre fine all'autocrazia", spiegava qualche giorno fa sul sito di "The Atlantic" Karim Sadjadpour, senior fellow di Carnegie. Sarà così anche in Iran: il governo del moderato Hassan Rouhani è un po' più debole di prima; lo "stato profondo" più conservatore, formato dal clero, dagli apparati m...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 446 risultati