Parole chiave

Attività finanziarie scudate

Anche le atività finanziarie "scudate" devono pagare l'imposta di bollo. Ma quali attività rientrano in questa definizione? Una loro elencazione è stata data dalla circolare 45/E del 13 settembre 2010 dell'Agenzia delle Entrate. In generale si parla di attività i cui redditi sono corrisposti da soggetti non residenti e, per i residenti, generano redditi di capitale e diversi di natura finanziaria. Tra i casi richiamati dalla circolare dell'Agenzia delle Entrate possono essere ricordate le partecipazioni in società estere; obbligazioni e titoli similari; titoli pubblici italiani emessi all'estero; fondi comuni di investimento; conti correnti accesi all'estero; finanziamenti erogati a soggetti esteri; contratti derivati stipulati al di fuori del territorio dello stato; previdenza complementare organizzata e gestita da soggetti di diritto estero.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016