Parole chiave

Attività economica

Per il diritto dell'Ue costituisce attività economica qualsiasi attività che consiste nell'offrire beni e servizi in un mercato. Per rilevare i presupposti necessari a escludere la natura commerciale non è determinante l'assenza dello scopo quanto il carattere non economico che deve qualificarla. Questo vale anche nei settori disciplinati dal regolamento Imu Chiesa: attività assistenziale, sanitaria, didattica, ricettiva, culturale ricreativa e sportiva

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Attività economica
    • Econopoly

    Tra le città e AirBnB, l'Europa da che parte sta?

    Pubblichiamo un post di Raffaello Zanini, fondatore del portale Planethotel.net. Laureato in urbanistica, assiste gli investitori del settore turistico alberghiero con studi di fattibilità, consulenza ai progettisti, selezione di opportunità - Un mese fa terminavo un mio post scrivendo: "Questi fenomeni spontanei - AirBnB - oggi salutati come positivi dalla maggioranza dei cittadini (quelli che a causa della crisi economica e dell'evoluzione demografica hanno uno o più immobili sfitti, che poss...

    – Econopoly

    • News24

    Protezione da estendere alle persone giuridiche

    Il 25 maggio prossimo entrerà in vigore il Regolamento Ue n.679 del 27 aprile 2016 sul trattamento dei dati personali. E' encomiabile l'opera che, da alcune settimane, sta promuvendo il Sole 24 Ore per diffonderne la conoscenza.

    – di Guido Alpa

    • News24

    Colf, badanti e baby sitter: le nuove regole su «Soldi & Famiglia»

    Al pari di quel che accade per le imprese, anche le famiglie hanno un loro "indotto": cioè quell'insieme di servizi e forniture, più o meno stabili, che consentono alla famiglia di funzionare e che derivano dall'attività economica della famiglia stessa. Collaboratrici domestiche, badanti, aiuti

    • News24

    La sfida delle imprese per capire il futuro

    Proprio perché celebra le lotte e le conquiste dei lavoratori, la festa del lavoro è necessariamente anche un'opportunità per riflettere.

    – di Andrea Goldstein

    • News24

    Web tax, l'Italia guarda alle riunioni di Eurogruppo ed Ecofin

    Sulla web tax l'Italia frena e guarda a Eurogruppo ed Ecofin. Dopo aver monopolizzato il dibattito nei giorni del via libera all'ultima legge di bilancio, va ora a sfumare la tassa sui proventi dei colossi del web: un'imposta del 3% sul valore della singola transazione a partire dal 2019. La legge

    – di Andrea Carli

    • News24

    La Bce resterà «paziente» e «persistente»

    «Pazienza, persistenza, prudenza». Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha ripetuto la formula magica della politica monetaria di questa fase non più tardi di venerdì scorso. Ha di fatto escluso qualunque sorpresa - per altro già giudicata improbabile - dalla riunione di aprile

    – di Riccardo Sorrentino

    • Info Data

    Allarme del Fondo monetario internazionale sul debito. I numeri dell'outlook

    Il Fondo monetario internazionale ha lanciato l'allarme debito: nel mondo ha raggiunto "massimi storici, essendo arrivato al picco record di 164mila miliardi di dollari nel 2016, equivalente al 225% del Pil mondiale". Qui l'articolo sul .com sdasdsada Nel suo Fiscal Monitor, il rapporto pubblicato oggi nell'ambito degli Spring Meetings in corso a Washington, l'istituto guidato da Christine Lagarde spiega che "attualmente il mondo è più indebitato del 12% del Pil rispetto al picco precedent...

    – Infodata

    • News24

    Se la bolla finanziaria si trasforma in recessione

    Il Fondo monetario internazionale (Fmi) si è ieri aggiunto alla Banca dei regolamenti internazionali (Bis) nel mandare pubblicamente un monito a Paesi e mercati che suona più o meno così: c'è un rischio di recessione da bolla finanziaria che sotto alcuni aspetti ricorda quello che ha preceduto la

    – di Donato Masciandaro

    • Info Data

    Tutte le strade portano a Roma. Si sa, ma quanto hanno contribuito allo sviluppo economico?

    Sappiamo che tutte le strade portano a Roma. Ma quello di cui non siamo poi così sicuri è se abbiano portato anche benessere e progresso. In un articolo pubblicato sul World Economic Forum si ragiono appunto sule conseguenze delle antiche strade romane. L'impero romanao al suo apice poteva contare su una rete stradale di 80.000 km. A colpo d''occhio sembra esserci un collegamento (in forma ridotta) tra la posizione delle antiche strade e l'attività economica di oggi. Come si vede nel grafico ...

    – Infodata

1-10 di 2167 risultati