Parole chiave

Anon

Sono coloro che parlano come portavoce degli attivisti digitali di Anonymous: in genere, non scelgono soprannomi personali (nickname), ma comunicano attraverso un'identità collettiva, Anon, appunto. Per esempio, scrivono i loro messaggi nelle pagine del social network Twitter e discutono con il pubblico online. Ma chi è dietro la tastiera cambia nel tempo. È una rete di hacker che ha sostenuto i progetti di WikiLeaks e ha lanciato attacchi informatici contro i siti web di alcuni governi, come Libia e Iran. Per le sue iniziative Anonymous ha impiegato la potenza di calcolo dei computer di utenti spesso inconsapevoli. E gran parte dei suoi iscritti non conosce gli altri che partecipano alle iniziative. Inoltre, utilizzano tecniche adoperate anche dai criminali elettronici per colpire i siti web e impedire l'accesso con incursioni Ddos.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Social network Twitter | Anonymous |

Ultime notizie su Anon
    • Econopoly

    Cosa è andato storto in Europa? Trent'anni dopo, rileggiamo il discorso di Bruges

    L'autore di questo post è Luca Bellardini, dottorando di ricerca in Management ­(indirizzo Banking & Finance) presso l'Università Tor Vergata - Riflettere sugli ultimi trent'anni di integrazione europea non può essere «un'arida cronaca di fatti oscuri nelle polverose biblioteche della storia», per citare il discorso che il 20 settembre 1988 Margaret Thatcher pronunciò a Bruges, nella sede del Collegio d'Europa. Da allora, una pletora di riforme ha cambiato in maniera significativa il volto dell...

    – Econopoly

    • Econopoly

    Le imprese crescono grazie agli eroi o alle regole? Marchionne e Riva, per esempio

    L'autore di questo post è Matteo Bonelli, partner dello studio Bonelli Erede. Si occupa di societario e contrattualistica commerciale - Nell'ultima assemblea annuale di AIdAF (Associazione Italiana delle Aziende Familiari) ho discusso con alcuni associati delle "regole che aiutano a crescere", parafrasando il noto libro di pedagogia di Asha Phillips. Tuttavia, mentre l'autrice del libro sostiene che la crescita dei figli dipende dalle "persone" dei genitori, io sostenevo che la crescita delle i...

    – Econopoly

    • Agora

    Verboten bambini, latinos, negri, musulmani, rom, gay.....!

    Non illudetevi che Donald Trump e Matteo Salvini abbiano cambiato idea, il primo liberando più di 2.300 bambini latinos dalle gabbie, il secondo rinunciando a schedare i rom. Si sono momentaneamente adattati ai sondaggi e a qualche regola per ora inevitabile come la pietà umana, le leggi statali e le Costituzioni. Quello che dicono e a volte riescono a fare, è parte del loro DNA. E' innegabile che i problemi posti dai due capipopolo/statisti presunti meritino di essere affrontati. L'emigrazione...

    – Ugo Tramballi

    • Agora

    Romano Dal Forno, con il suo Amarone fuori dal coro fa parlare il mondo

    Il Ripasso? "Preferisco produrre Amarone, Recioto e Valpolicella: sono le vere espressioni del nostro territorio". Zona classica o generica? "Un falso problema. Certo, la zona definita classica ha terreni ed esposizioni ottimali per produrre uve sane, ma non è la tradizione nè l'avere vigne in una tale area che fa fare grandi vini". E ancora: il club delle Famiglie storiche? "Sono amici, mi hanno invitato a parteciparvi, ma mi basta l'essere associato al Consorzio di tutela". Il VinItaly? "Una ...

    – Nicola Dante Basile

    • Agora

    L'evento clou della prima giornata di Vinitaly? Più che Di Maio e Salvini il nuovo logo di un Prosecco

    Salvini, Di Maio, Meloni e la presidente del Senato. Tanta politica oggi alla giornata inaugurale del Vinitaly. Che ha rischiato di oscurare, con i temi pressanti dell'attualità, il mondo del vino protagonista di questi quattro giorni veronesi. Ma il vero evento clou della giornata, con sala esaurita e posti in piedi, è sembrato la presentazione del nuovo logo di un marchio. Va bene che si parlava di Prosecco - bestseller e longrunner sui mercati da Oriente a Occidente - e che alla fine il cater...

    – Fernanda Roggero

    • NovaOther

    Shadow of the Colossus I classici di una volta

    https://www.youtube.com/watch?v=fGqkWVRQD1g E' un po' come tornare al liceo o alle superiori e ritrovarle uguali ma diverse, sostanzialmente sono come te le ricordi ma è come se fossero un po' cambiate. Come te. Da alcuni giorni è uscita la versione rimasterizzata di Shadow of the Colossus, un capolavoro classe 2005 dell'ultimo grande fragile visionario del videogioco giapponese. Giocare ai giochi di Fumito Ueda non è mai stato facile. Non sono giochi facili, sono sporchi tecnicamente, essenzia...

    – Luca Tremolada

1-10 di 262 risultati