Parole chiave

Amministrazione straordinaria

L’amministrazione straordinaria si attiva con la procedura speciale ricavata dal decreto Marzano del 2003. La sua è una finalità conservativa del patrimonio dell'impresa: mira cioè al risanamento dell'azienda che si trova in uno stato di insolvenza così da evitare la dispersione del patrimonio e la perdita di un gran numero di posti di lavoro. L’ingresso nell’amministrazione straordinaria ha un effetto protettivo immediato: il commissario può infatti sterilizzare tutti i pagamenti non strettamente necessari all’operatività dell’azienda stessa.

Ultimo aggiornamento 08 giugno 2017

Ultime notizie su Amministrazione straordinaria
    • News24

    Fallimenti, la riforma cerca lo sprint al Senato

    Decolla la riforma del diritto fallimentare. Che a questo punto potrebbe diventare uno dei punti veramente qualificanti di questo scorcio finale della legislatura. All'interno della maggioranza, si fa sapere dal ministero della Giustizia, è stata raggiunta l'intesa politica per arrivare a una

    – di Giovanni Negri

    • News24

    Ilva, Carrubba: 1,1 miliardi per bonifiche e decontaminazione delle zone storiche di Taranto

    «Al netto dell'attivo e del passivo l'Amministrazione Straordinaria dell'Ilva potrà disporre di 800 milioni di euro da destinare alle bonifiche e alla decontaminazione delle zone storiche di Taranto». ... «Grazie al trasferimento del miliardo e centomila euro» derivanti dal patteggiamento con il gruppo Riva, l'Amministrazione straordinaria «gode di una significativa provvista di cassa per far partire i lavori di bonifica» ha aggiunto Carrubba, quantificando poi questa provvista in 800 milioni di...

    • News24

    Gozzi: «L'acciaio cresce, ma servono politiche infrastrutturali»

    La ripartenza della nuova Ilva, i nodi della ex Lucchini di Piombino, la necessità di contenere la concorrenza, spesso in dumping, dei Paesi emergenti (e in parallelo la minaccia della chiusura delle frontiere da parte degli Stati Uniti), insieme all'accusa (e le sanzioni) di cartello ai produttori

    – di Matteo Meneghello

    • News24

    Cevital, ultimatum al 31 ottobre

    Il braccio di ferro tra il ministero dello Sviluppo e Cevital (il gruppo algerino che controlla Aferpi, la holding che ha rilevato gli asset di Piombino dall'amministrazione straordinaria) prosegue nel solco delle regole dell'Addendum, firmato dalle parti lo scorso 30 giugno. Ieri, in un vertice al

    – di Matteo Meneghello

    • News24

    Piombino, «moral suasion» su Cevital per spingerla a cedere

    Esercitare la massima "moral suasion" possibile per fare uscire Aferpi di scena, constatata l'incapacità a mantenere gli impegni assunti per il mantenimento e lo sviluppo dell'attività siderurgica in Toscana, permettendo il subentro di un nuovo soggetto nella gestione del rilancio del polo di

    – di Matteo Meneghello

    • News24

    Ex Lucchini di Piombino: Cevital al capolinea, ritorna in campo Jindal

    Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda sancisce la fine dell'era Aferpi-Cevital. «E' arrivato il momento di cercare soluzioni alternative», ha spiegato ieri, ufficializzando l'avvio della procedura di rescissione del contratto con il gruppo algerino, che due anni fa aveva rilevato in

    – di Matteo Meneghello

    • News24

    Piombino, un piano di Jindal per rilevare l'acciaio di Cevital

    La battaglia per il mercato dei coils del Mediterraneo non è finita. Perso il braccio di ferro con ArcelorMittal su Taranto, Jindal south west punta su Piombino, per fare ripartire il ciclo integrale toscano allargando la gamma ai laminati piani, e creando un terzo polo in Italia, dopo quello

    – di Matteo Meneghello

    • News24

    L'ultimatum di Regione e sindacati: Cevital deve lasciare Piombino

    Si complica il rilancio del polo siderurgico di Piombino, dopo la fermata, due mesi fa, dell'attività di laminazione delle rotaie all'ex Lucchini, ora Aferpi, e lo slittamento della ripartenza (all'11 settembre, ma secondo la Cgil ci sarà un nuovo rinvio). A questo punto anche i sindacati e il

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Atac al concordato preventivo, ma il nodo è garantire i servizi

    La strada del concordato preventivo in continuità per Atac, «la grande malata delle partecipate romane», come l'aveva definita l'assessore Massimo Colomban, è decisa: il Campidoglio, con il neoassessore al Bilancio Gianni Lemmetti e l'imprimatur dei vertici M5S, sta lavorando a testa bassa con il

    – di Manuela Perrone

1-10 di 952 risultati