Parole chiave

Alta velocità cinese

La rete ferroviaria ad alta velocità cinese è la più lunga del mondo, con i suoi 8.400 chilometri. Inaugurata nell'aprile del 2007, ha conosciuto una crescita esplosiva, fino ad arrivare a una media di 800mila passeggeri al giorno nel 2010. Secondo gli ambiziosi piani del Governo (sospesi dopo l'incidente del 23 luglio), entro il 2012 le strade ferrate super-rapide dovrebbero raggiungere un'estensione di 13mila chilometri, per poi salire a 16mila entro il 2020. Per quella data i treni ad alta velocità saranno in grado di collegare più di 250 città e di trasportare 4 miliardi di viaggiatori l'anno. Il 1° luglio scorso è stata inaugurata la linea ad alta velocità che collega Shanghai e Pechino (1.070 chilometri di distanza) in sole 5 ore. Il progetto è costato 34,1 miliardi di dollari.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Alta velocità cinese
    • Casa2011

    Il mobile a caccia dei grandi appalti

    MILANO - E' considerato da molti un settore chiave per affacciarsi e consolidarsi sui nuovi mercati. Il contract (ovvero la progettazione e produzione di arredi

    – di Laura Cavestri e Giovanna Mancini

    • News24

    L'alta velocità cinese deraglia in Borsa

    L'incidente ferroviario del 23 luglio scorso fa deragliare una serie di grandi collocamenti azionari nel settore in Cina. L'ultima indiscrezione è che l'Ipo da

    • News24

    Grandi stazioni per gli emergenti

    L'alta velocità spinge il business degli impianti avveniristici e ridisegna gli spazi urbani - GARA DI STILE ED EFFICIENZA - Beijing South Railway benchmark per altri hub Investono anche Mumbai, New Delhi, Canton e il Golfo La nuova frontiera degli Usa

    • News24

    Le maxi-opere nei paesi emergenti al via nel 2010

    L'alta velocità spinge il business degli impianti avveniristici e ridisegna gli spazi urbani - GARA DI STILE ED EFFICIENZA - Beijing South Railway benchmark per altri hub Investono anche Mumbai, New Delhi, Canton e il Golfo La nuova frontiera degli Usa

    – di Alfredo Sessa