Parole chiave

Aliquota contributiva

È percentuale di contribuzione calcolata sul reddito che lavoratori e datori di lavoro devono versare, cioè somme di danaro, diversamente calcolate a seconda del tipo di attività svolta, che alimentano un monte ( detto Fondo, Cassa o Gestione previdenziale ) cui si attinge nel corso della vita lavorativa in caso di cessazione del rapporto di lavoro o per una diminuzione della capacità lavorativa (sostegno al reddito) oppure alla fine della vita lavorativa per la liquidazione della pensione.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Aliquota contributiva
    • News24

    Giovani e lavoro: burocrazia e fondi i nodi da sciogliere

    In fondo alla classifica europea per tasso di occupazione, preceduti solo dalla Grecia. In testa, invece, in quella per self employment, quasi come una reazione alla mancanza di lavoro. Due dati opposti,che descrivono in modo efficace i giovani italiani su cui si concentrano le attenzioni del

    – di Francesca Barbieri, Michela Finizio e Valentina Melis

    • News24

    Come funzionerà la decontribuzione per i giovani allo studio del governo

    La misura allo studio del governo per rilanciare l'occupazione giovanile dovrebbe funzionare così: l'incentivo consiste nel dimezzamento dei contributi per i primi tre anni di contratto stabile firmato da un'azienda con un ragazzo. In pratica, ci si attesterebbe intorno al 15% di contribuzione

    – di Claudio Tucci

    • News24

    Cuneo e bonus «4.0»: l'occupazione al centro del pacchetto sviluppo

    C'è un filo rosso che unisce i principali capitoli del "pacchetto sviluppo" in preparazione per la prossima legge di Bilancio. E' la questione lavoro, declinata stavolta con una doppia chiave di lettura. Il martellante bisogno di rilanciare l'occupazione giovanile, rilanciato dagli ultimi dati Istat

    – di Carmine Fotina

    • News24

    Lavoro e produttività: welfare aziendale in un contratto su tre

    Nelle grandi aziende italiane si diffondono le piazze virtuali del welfare: i dipendenti entrano in una piattaforma telematica e, nell'ambito di un determinato plafond, sono liberi di scegliere il servizio che più interessa: un asilo nido, una polizza sanitaria, una palestra, un viaggio di

    – di Francesca Barbieri

    • News24

    Cuneo e formazione nel piano giovani

    Sgravio del 50% per i primi 2/3 anni di contratto stabile, seguito poi da un eventuale taglio strutturale di 3 punti di aliquota contributiva, per favorire l'ingresso nel mercato del lavoro dei giovani (si sta ancora discutendo se under29, o magari superare l'asticella dei 30 anni, arrivando forse

    – di Claudio Tucci

    • News24

    Cuneo fiscale, governo al lavoro su limite a 32 anni e misura «strutturale»

    Tentare di far salire l'asticella anagrafica almeno sopra i 30 anni, possibilmente arrivando a 32 anni. E contestualmente dare una fisionomia ancora più strutturale al taglio del cuneo per i nuovi contratti a tempo indeterminato a favore dei giovani partendo con il dimezzamento dei contributi per i

    – di Marco Rogari e Claudio Tucci

    • News24

    Le intese a livello aziendale spingono la produttività

    Mese dopo mese continua a salire il numero di contratti aziendali e territoriali sottoscritti per beneficiare della detassazione al 10% dei premi di produttività (o della completa esenzione fiscale in caso di conversione delle somme incentivanti in misure di welfare): al 16 agosto, ha reso noto

    – di Claudio Tucci

    • News24

    L'esonero contributivo punta sugli ex apprendisti

    Incentivare i datori di lavoro ad assumere studenti che abbiano svolto attività di alternanza scuola-lavoro o periodi di apprendistato nelle loro aziende. E' l'obiettivo dell'esonero contributivo introdotto dalla legge di Bilancio per il 2017 (legge 232/2016), per il quale l'Inps ha fornito le

    – di Ornella Lacqua e Alessandro Rota Porta

    • News24

    Premi di produttività «aiutati» dallo sconto sui contributi

    Sconto contributivo di 230 euro circa per ciascun dipendente che percepisce premi di produttività pari o superiori a 800 euro e può beneficiare delle modifiche contenute nella manovra correttiva (Dl 50/2017). Più precisamente: 160 euro in meno per il datore di lavoro e 73,52 euro per il dipendente

    – di Stefano Sirocchi

1-10 di 1445 risultati