Parole chiave

Africa subsahariana

Con la definizione «Africa subsahariana» ci si riferisce generalmente a 47 Paesi africani che, da soli, contano una popolazione di oltre 880 milioni di abitanti. Tra questi, gli 11 Paesi ritenuti più attrattivi per le aziende dei mobili italiani: Sud Africa, Nigeria, Costa d’Avorio, Congo, Kenya, Ghana, Senegal, Etiopia, Angola, Camerun e Tanzania), che da soli assorbono prodotti made in Italy per quasi 158 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento 27 agosto 2017

Ultime notizie su Africa subsahariana
    • News24

    Per i prodotti del "bello e ben fatto" italiano crescita potenziale del 75% nei prossimi sei anni

    Un dato cruciale è che la maggioranza di questi nuovi clienti saranno giovani Millennials: in 23 dei 30 mercati analizzati, la quota di popolazione sotto i 30 anni supera il 50% del totale, con punte del 70% per i paesi dell'Africa subsahariana, un dato che apre nuove sfide alle aziende, chiamate a comunicare i loro prodotti nei canali prediletti da questa generazione, dunque soprattutto quelli digitali.

    – di Chiara Beghelli e Marta Casadei

    • News24

    Curare gli immigrati, sfida difficile dei medici

    Il disallineamento tra la formazione ricevuta nelle aule universitarie e le sfide professionali da affrontare sul campo costituisce di per sé un problema. In ogni professione. Quando il mismatch riguarda i medici - e quindi la tutela della salute pubblica - l'asimmetria formativa rischia di

    – di Eugenio Bruno

    • News24

    Venduta all'asta per 715mila euro la Lamborghini di Papa Francesco

    E' stata battuta per una cifra record di 715 mila euro quasi quattro volte il prezzo della vettura che costa 185 mila euro all'RM Sotheby's di Montecarlo la Huracan LP580-2 donata dalla Casa di Sant'Agata al Papa. L'esemplare unico donato il 15 novembre 2017 a Sua Santità ha attirato le offerte dei

    – di Corrado Canali

    • News24

    Il rischio dei venti populisti sulle riforme dell'Europa

    C'è un'Europa che crede nella solidarietà come elemento fondante dell'Unione, e che in questa fase cruciale per il disegno del futuro della Ue è impegnata nel contenere le derive populiste che dall'Est (il cosiddetto gruppo di Visegrad) e dal Centro (Austria) stanno via via contagiando anche i

    – di Carlo Marroni

    • Info Data

    Lo 0,50% del reddito nazionale europeo ai Paesi in via di sviluppo. Il caso Italia

    La Ue e gli Stati membri continuano a essere i primi fornitori di aiuto pubblico allo sviluppo nel mondo con 75,7 miliardi nel 2017. Lo indica la Commissione europea sulla base dei dati Ocse-Dac. Si tratta dello 0,50% del reddito nazionale Ue, ben superiore allo 0,21% medio degli Stati non Ue che fanno parte del Comitato per l'assistenza allo sviluppo. Gli interventi del Dac sono calati da 131 miliardi nel 2016 a 130 miliardi nel 2017. Gli aiuti ai Paesi in via di sviluppo nel 2017 hanno total...

    – Infodata

    • News24

    In vacanza con i punti Fragola: i viaggi low cost offerti dai supermercati

    Dalla fila in cassa alle crociere nel Mediterraneo. Come? Questione di poche settimane, un carrello pieno e l'0cchio fisso sugli ultimi sconti pubblicati fra le brochure e portali online. Le principali catene di supermercati si fanno gara (anche) sulle offerte di pacchetti di vacanza low cost,

    – di Alb.Ma.

    • News24

    A Cosmoprof Worldwide Bologna protagonista l'innovazione made in Italy

    Con un valore di 11 miliardi di euro, in crescita del 4,3% trainato dall'export che sale a 4,7 miliardi, e un surplus della bilancia commerciale al livello record di 2,5 miliardi, la cosmetica si conferma uno dei settori più in buona salute del made in Italy. L'eccellenza della filiera cosmetica è

    – di Marika Gervasio

    • Agora

    Gli africani e noi

    E' innegabile che una delle ragioni del successo elettorale della Lega sia stata la questione dei migranti africani, i cosi detti migranti economici. Per troppi anni l'impatto di questo fenomeno era stato sottovalutato. Si guardava al numero assoluto degli sbarchi - molto basso rispetto alle migrazioni in Francia, Germania e Gran Bretagna - ma non alla loro concentrazione nelle città e nelle province dove c'era più lavoro. Il lavoro non era abbastanza per tutti; l'organizzazione dell'accoglienz...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 501 risultati