Parole chiave

Adeguata verifica

L’adeguata verifica della clientela è finalizzata a consentire al professionista di stabilire per chi sta “realmente” lavorando e a cosa sono finalizzate le prestazioni richieste, così da appurare se vi sia un rischio di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. L’adempimento si sostanzia nell’identificazione e nella verifica dell’identità del cliente e di quello che deve essere considerato il titolare effettivo dell’operazione

Ultimo aggiornamento 31 maggio 2017

Ultime notizie su Adeguata verifica
    • News24

    Aggiornato l'elenco dei Paesi con «archivi trasparenti»

    La normativa internazionale sul punto indica infatti per questi operatori degli specifici obblighi di adeguata verifica fiscale sia per i conti preesistenti di persone fisiche sia per i nuovi conti e ovviamente in ossequio al nuovo approccio internazionale derivante dalla normativa antiriciclaggio e antiterrorismo non dovranno fermarsi ai soli aspetti formali quando ad esempio si troveranno di fronte a delle società od enti schermo.

    – di Valerio Vallefuoco

    • News24

    Segnalazione immediata prima di eseguire l'incarico

    L'adeguata verifica della clientela andrà fatta prima del conferimento dell'incarico e, in ogni caso, entro 30 giorni dal suo conferimento. ...dell'adeguata verifica, importo, causale e mezzi di pagamento dell'operazione.

    – di Ranieri Razzante

    • News24

    Confermato l'esonero per l'attività di difesa

    L'obbligo di segnalazione ha importanza anche in connessione con l'articolo 42 - astensione dalla prestazione/operazione, - in quanto si prescrive che i soggetti obbligati che si trovino nell'impossibilità oggettiva di effettuare l'adeguata verifica della clientela si astengano dall'instaurare, eseguire o proseguire il rapporto, la prestazione professionale e le operazioni e valutino se effettuare una segnalazione di operazione sospetta.

    • News24

    Furti d'identità, escalation nel 2016

    E' stato esteso l'accesso al sistema di prevenzione Scipafi ai destinatari degli obblighi di adeguata verifica della clientela, quali istituti di pagamento e di moneta elettronica, secondo modalità previste da una convenzione con il ministero dell'Economia», aggiunge Roberta Cadoni, business consultant del centro di competenza Crif fraud prevention & compliance solutions.

    – di Nicola Borzi

    • News24

    Libretti al portatore, è l'ora dell'addio. Stop dal 4 luglio

    Decodificato, significa che banche e uffici postali potranno proporre ai risparmiatori solo libretti nominativi, sui quali sarà ovviamente d'obbligo la «adeguata verifica della clientela», cioè tutta la procedura di identificazione di chi agisce e di chi, eventualmente, è il titolare effettivo.

    – di Alessandro Galimberti

    • News24

    Antiriciclaggio, stress test sui clienti

    Si amplia la lista degli adempimenti e degli obblighi antiriciclaggio per professionisti legali e contabili dopo l'approvazione da parte del Governo delle nuove regole europee. Il provvedimento che recepisce la direttiva Ue 2015/849 (nota come IV direttiva antiriciclaggio) prepara notevoli

    – di Benedetto Santacroce e Luigi Fruscione

    • News24

    Antiriciclaggio, stress test sui clienti

    Si amplia la lista degli adempimenti e degli obblighi antiriciclaggio per professionisti legali e contabili dopo l'approvazione da parte del Governo delle nuove regole europee. Il provvedimento che recepisce la direttiva Ue 2015/849 (nota come IV direttiva antiriciclaggio) prepara notevoli

    – Benedetto Santacroce

    • News24

    Antiriciclaggio con nuovi «oneri»

    Le nuove disposizioni antiriciclaggio risolvono questioni importanti e delicate lungamente dibattute: si pensi, fra le tante, alla nuova gradazione delle sanzioni o all'esclusone di tutti i professionisti patrocinanti presso le commissioni tributarie (e non solo degli avvocati) dalla segnalazione

    – di Antonio Iorio

    • News24

    Antiriciclaggio, esoneri per gli studi

    Un antiriciclaggio più a misura di professionisti. Con un esonero "pesante" per quanto riguarda l'obbligo di segnalazione di operazioni sospette nella fase iniziale delle consulenze. Il testo finale del decreto di recepimento della quarta direttiva antiriciclaggio approvato ieri in Consiglio dei

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

1-10 di 158 risultati