Parole chiave

Accordi di Basilea

Gli accordi di Basilea disciplinano i requisiti di capitale delle banche in base ai rischi che hanno in bilancio. Il primo accordo, del 1988, fissava un requisito minimo di capitale unico per le banche, in funzione del volume del loro attivo. Il secondo mirava a superare la rigidità di Basilea 1. Dopo Basilea 3 (2004), Basilea 3, dopo la crisi finanziaria, ha aumentato i requisiti prudenziali. Ora si tratta per una finalizzazione di Basilea 3,le cui revisione tuttavia è comunemente chiamata Basilea 3.5 o 4 . L’accordo su Basilea 4 doveva essere trovano a inizio 2017, ma le divergenze tra banche Usa e Ue, e la nomina di Trump alla Casa Bianca, hanno allontanato l’accordo. Tra i temi in discussione, quello della revisione della ponderazione degli attivi bancari a rischio.

Ultimo aggiornamento 23 agosto 2017

Ultime notizie su Accordi di Basilea
    • News24

    I Confidi si aprono ai professionisti fuori dagli Ordini

    Semaforo verde per i professionisti non appartenenti ad alcun ordine o collegio per l'accesso alle provvidenze dei Confidi. Lo prevede l'articolo 9 bis del Dl 148/2017 come modificato dalla legge di conversione (la n. 172/2017) che ritocca i commi 1 e 8 dell'articolo 13 del decreto-legge 30

    – di Alessandro Sacrestano

    • News24

    Draghi: con gli accordi di Basilea il sistema bancario è più robusto

    «Una pietra miliare che renderà più robusto il quadro delle regole sul capitale e migliorerà la fiducia nel sistema bancario». Così Mario Draghi - presidente della Bce e del Ghos (Group of Governors and Heads of Supervision) l'organismo che guida il comitato di Basilea - saluta l'accordo raggiunto

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Accordi di Basilea

    Gli accordi di Basilea disciplinano i requisiti di capitale delle banche in base ai rischi che hanno in bilancio. Il primo accordo, del 1988, fissava un requisito minimo di capitale unico per le banche, in funzione del volume del loro attivo. Il secondo mirava a superare la rigidità di Basilea 1.

    • Econopoly

    Perché le banche sono tanto odiate? Un decalogo per tirarle fuori dai guai

    La reputazione delle banche è ai minimi storici. La fiducia nei loro confronti pure. Ogni poco ne fallisce una. I correntisti hanno paura, i risparmiatori non si sentono tutelati, i cittadini considerano ingiusto che - con denaro pubblico - si salvi chi, per mero guadagno, ha provocato la crisi. Eppure, il loro ruolo è fondamentale. Senza banche l'economia non gira. Per funzionare, il sistema economico ha bisogno di: 1) banche commerciali, che raccolgano (con obbligo di rimborso) il risparmio d...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    • News24

    Regolatori europei e conflitti di interesse

    Una veloce ricerca su internet avente ad oggetto i modelli per la gestione dei rischi nei campi più disparati delle attività umane, dalla salute all'aereonautica passando per la geologia, l'impiantistica ecc. vede come comune denominatore dei risultati una frase banale "il rischio zero non esiste".

    – di Giovanni Sabatini

    • News24

    Tra i pirati e il Fintech la sfida dei regolatori

    «Nella Consob di domani ci sarà bisogno di più ingegneri e meno avvocati», chiosava lunedì mattina Giuseppe Vegas il passaggio della sua relazione dedicato al Fintech. Passaggio lungo e articolato, il suo, per alcuni dei presenti anche troppo. L'attacco hacker di venerdì suona come una parziale

    – di Marco Ferrando

    • News24

    Wall Street «rianima» le Borse europee

    Il Dow Jones a 19.066 punti non si era mai visto. Wall Street, seppur al piccolo trotto, continua a macinare record su record. Dopo la vittoria di Trump, l'indice dei titoli industriali è salito del 4%, il più corposo S&P 500 del 2,85% e il Russell 2000 (l'indice che raggruppa le piccole e medie

    – Vito Lops

    • News24

    Banche europee, con Basilea 4 rischio di aumenti di capitale per 860 miliardi

    Europa contro Stati Uniti e resto del mondo. Il 28 e il 29 novembre, a Santiago del Cile, si decideranno le sorti del comparto bancario globale. Per il Vecchio Continente si profila una sconfitta quasi certa. A meno che non si contesti l'arbitro, ovvero il Comitato di Basilea. Se sarà una sconfitta

    – di Luca Davi e Marco Ferrando

    • Econopoly

    Storia quasi breve del risk management nelle banche

    Pubblichiamo un post di Riccardo Tedeschi, senior specialist di Prometeia e professore a contratto presso l'Università di Bologna. L'articolo è stato pubblicato anche su L'Atlante, il blog di Prometeia - Il rischio è una "brutta bestia", perchè è immateriale e non si vede né si sente: per poter gestire il rischio occorre imparare a misurarlo. Misurare però è solo il primo passo per poter gestire il rischio, ma non è di per sé sufficiente, occorre poi imparare a governarlo. Intendiamoci bene: ...

    – Econopoly

    • News24

    «Conti, negoziato con la Ue sulla via giusta»

    «Il negoziato con la Commissione europea che riguarda l'approvazione definitiva del nostro Documento di economia e finanza sta andando nella direzione giusta». Il ministro Pier Carlo Padoan si sofferma, al temine dell'Ecofin di Amsterdam, sul pronunciamento che la Commissione europea dovrà dare a

    – Laura Serafini

1-10 di 69 risultati