Persone

Paolo Scaroni

Paolo Scaroni è un banchiere ed alto dirigente, attualmente Vicepresidente dalla banca d'affari britannica Rothschild. Ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio, tra cui quello di Amministratore Delegato di Enel (2002-2005) e di ENI (2005-2014). Scaroni siede inoltre nei Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 ore, del Teatro alla Scala, di Generali e fa parte del consiglio di sorveglianza di ABN Amro e della Columbia University.
Diplomatosi al Liceo Classico "Antonio Pigafetta" di Vicenza, Paolo Scaroni si laurea in economia all’Università Bocconi e consegue un master in business administration alla Columbia University di New York.

Inizia la sua carriera professionale nella società di consulenza McKinsey. Ricopre presto ruoli di rilievo in diverse società, tra cui il gruppo Saint-Gobain e Techint, per la quale gestisce le privatizzazioni delle controllate SIV, Italimpianti e Dalmine.
Dal 1997 al 1999 è presidente del Vicenza calcio.

Paolo Scaroni lavora anche all’estero: nel 1996 si trasferisce in Gran Bretagna dove ricopre la carica di amministratore delegato di Pilkington fino al 2002, anno in cui abbandonerà l'incarico per diventare amministratore delegato e direttore generale di ENEL.

Durante il suo incarico in ENEL completa la cessione della società controllata Wind.

Visti i risultati ottenuti in ENEL, nel 2005 viene nominato Amministratore Delegato di Eni, portando la società a profitti record nel 2006, grazie anche all'elevato prezzo del petrolio.

Dal 2014 è diventato Vicepresidente di Rothschild.

E' stato insignito delle seguenti onorificienze:

— Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia, novembre 2007);

— Cavaliere del Lavoro (Roma, 2014).

E' sposato con Francesca Zanconato, i due hanno tre figli: Clementina (1974), Bruno (1977) ed Alvise (1986).

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paolo Scaroni
    • News24

    Eni: Descalzi e Scaroni a processo per presunte tangenti in Nigeria

    L'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e il suo predecessore Paolo Scaroni sono stati rinviati a giudizio, insieme ad altri undici persone, con l'accusa di corruzione internazionale per una presunta tangente da 1,3 miliardi di dollari che sarebbe stata versata da Eni e Shell a politici

    • Agora

    Mr Li, 25 milioni da iniettare entro fine anno sul Milan (dopo i 35 versati)

    Riflettori su Yonghong Li per le ulteriori iniezioni di capitale sul Milan. Sarebbero circa 25 milioni di euro, i soldi attesi come ulteriori tranche di aumento di capitale per il Milan. L'imprenditore cinese, dopo aver versato circa 35 milioni in tranche differenti, è ora chiamato a terminare l'aumento di 60 milioni approvato al momento dell'acquisizione del club. Per il versamento dei 25 milioni non ci sarebbe una scadenza precisa, ma sarebbe collegata alle esigenze di cassa . In ogni caso pot...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Scaroni all'Ansa: "Nel Milan c'è un unico proprietario e non è in discussione in alcun modo il ruolo di presidente"

    "Nel Milan c'è un unico proprietario, è presidente della società e non è in discussione in alcun modo il ruolo di presidente. Se mai dovesse porsi il problema non è il mio mestiere fare il presidente di una squadra di calcio. Tanto più che io sono tifoso del Vicenza". L'ex a.d dell'Eni, Paolo Scaroni, consigliere della società rossonera, nega con l'ANSA le ipotesi di stampa che lo vedrebbero prendere il posto del cinese Yonghong Li qualora il fondo americano Elliott assumesse il controllo del c...

    – Marco Bellinazzo

    • Agora

    Scaroni esclude la presidenza del Milan: i paletti del fondo Usa Elliott

    Non sarà Paolo Scaroni, anche nella peggiore delle ipotesi, a prendere la presidenza del Milan. L'ex manager di Eni ha escluso un'ipotesi di questo tipo. Del resto è nel consiglio soltanto in rappresentanza di Elliott, vive a Londra e in più è tifoso del Vicenza. Sembrano così smontarsi le congetture delle ultime ore che paventavano questa ipotesi nel caso in cui ci fossero stati problemi di cassa nei prossimi mesi per Yonghong Li, tali da accelerare l'ingresso di Elliott sulla scena. Tanto più ...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Milan, arrivano i 22 milioni del primo aumento di Li: da Hong Kong via Rossoneri Lux

    Yonghong Li, azionista di controllo del Milan, mette mano al portafoglio per il primo aumento di capitale da 60 milioni del club rossonero. Sarebbero infatti arrivati ieri in Lussemburgo, secondo scadenza anche se in Zona Cesarini, i primi 22 milioni dell'aumento da 60 milioni di euro. I soldi, secondo i rumors, sarebbero arrivati da un conto bancario di Hong Kong fino ai conti in Lussemburgo della holding Rossoneri Lux nella giornata di ieri. I capitali arriveranno in Italia presumibilmente nel...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Massimo Cellino, dopo il Leeds, vicino all'acquisto del Brescia Calcio per 10 milioni

    L'ex patron del Cagliari Massimo Cellino è sempre più vicino all'acquisto del Brescia Calcio. I rumors parlano di incontri tra i legali con il coinvolgimento dello studio Pirola Pennuto Zei. Cellino ha finalizzato proprio nei giorni scorsi il passaggio del 50% delle sue quote del Leeds ad Andrea Radrizzani, disimpegnandosi ufficialmente dalla compagine inglese che ha fallito la promozione in Premier League. E ora, dopo il Cagliari, potrebbe ripartire in Italia da un club di serie B. Il prezzo p...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Milan, bilancio con super-perdita. I pegni di Elliott su ogni bene del club: compreso il marchio

    Il Milan chiude il bilancio 2016 con una perdita di 74,9 milioni. Il bilancio sarà approvato nell'assemblea del 18 maggio, che dovrà anche dare il via libera all'aumento di capitale della nuova proprietà cinese di Yonghong Li: 60 milioni più altri 60 milioni affidati al Cda. Marco Fassone, il nuovo amministratore delegato, si trova a dover affrontare una situazione di bilancio pesante: ora bisognerà vedere se il tanto decantato business plan della nuova proprietà, capace secondo le attese di far...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Galliani: non ho preso un euro di liquidazione dal Milan. Smentiti i rumors sui 30 milioni

    Quanto vale l'uscita di Adriano Galliani dal Milan? Se lo stanno chiedendo diversi addetti ai lavori dopo il riassetto che ha portato il cinese Yonghong Li ad essere nuovo proprietario del club. La cifra che circola, in ambienti finanziari, è una buonuscita attorno ai 30 milioni per la militanza trentennale in veste di Ad nel club rossonero. Tuttavia è Galliani stesso a smentire: «Non è vero. Non ho preso un euro di liquidazione dopo il 14 aprile scorso. Il mio non era un incarico con un contra...

    – Carlo Festa

1-10 di 859 risultati