Persone

Paolo Romani

Paolo Romani è una politico italiano. Attuale Ministro dello Sviluppo Economico del governo Berlusconi IV, è stato editore di canali televisivi e ha militato in politica, nelle fila di Forza Italia.

Dopo il diploma di maturità classica, Paolo Romani è diventato editore di televisioni locali come Tvl Radiotelevisione Libera, direttore generale dell'emittente Rete A, amministratore delegato di Telelombardia ed è stato inoltre a capo di Lombardia7. Paolo Romani ha intrapreso la carriera politica nel 1994: deputato di Forza Italia è entrato alla Camera, dove è stato confermato nel 1996 e nel 2001. Nel 2005 è stato nominato Sottosegretario alle Comunicazioni e dal 2007 al 2009 Paolo Romani ha rivestito la carica di Assessore all'Urbanistica del Comune di Monza. Nel 2008 invece è diventato Parlamentare del Popolo della Libertà nel IV Governo Berlusconi e Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni. L’anno successivo ha ricevuto l’incarico di Assessore del Comune di Monza con delega all'Expo 2015. Nel 2010 è stato nominato Ministro dello Sviluppo Economico.

Paolo Romani è sposato con tre figli. Inoltre è anche giornalista pubblicista.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paolo Romani
    • News24

    Comunali, Dia notifica obbligo di soggiorno a D'Alì

    Il senatore di Fi, Antonino D'Alì, ha sospeso la campagna elettorale come candidato sindaco a Trapani. Il parlamentare ieri ha ricevuto da parte della Dia di Palermo la notifica di una misura di prevenzione per obbligo di soggiorno nel comune di residenza da discutere nel prossimo mese di luglio,

    • News24

    Più sei ricco, meno siedi in Aula: la mappa di redditi e presenze in Parlamento

    Da una parte i venti parlamentari più assenteisti da inizio legislatura; dall'altra i «superpresenzialisti», i dieci deputati e i dieci senatori che da febbraio 2013 hanno partecipato a quasi tutte le 22mila votazioni in Aula. Cosa accade se si calcola il reddito complessivo cumulato da inizio

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    La proposta Pd fa scattare il gioco del cerino ma con la «rete» del Legalicum

    L'annuncio della proposta Pd che un po' ricalca il sistema tedesco e un po' il Mattarellum ha un effetto politico: quello di far partire il gioco del cerino. Nel senso che il partito di Renzi, dopo mesi di attesa, mette finalmente il suo testo sul tavolo e lascia agli altri partiti l'onere di

    – di Lina Palmerini

    • News24

    Trattativa a tre sul Legalicum: Fi prima «apre», poi si spacca

    Scontro in Fi sulla legge elettorale. Il partito di Silvio Berlusconi ieri alla Camera ha lanciato la proposta di partire da un testo base che preveda l'estensione dell'Italicum al Senato raccogliendo l'adesione del M5s, di Ap e di Mdp. Poco dopo però è arrivato l'altolà del capogruppo al Senato

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    Rapporti Ong-scafisti, il caso del procuratore di Catania finisce al Csm

    Le dichiarazioni del procuratore di Catania sui rapporti tra scafisti e Ong impegnate nel salvataggio dei migranti nel Mediterraneo («A mio avviso alcune Ong potrebbero essere finanziate dai trafficanti») finiscono sotto la lente del Csm. Lo ha annunciato il vicepresidente di palazzo dei

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Def, via libera delle Camere. Ok a taglio cuneo per giovani e stop aumento Iva

    Senato e Camera hanno approvato la risoluzione di maggioranza sul Def, il Documento di econiomia e finanza varato dal Consiglio dei ministri l'11 aprile scorso. A palazzo Madama i sì sono stati 158, i no 99 (con due astenuti). A Montecitorio i voti a favore sono stati 284, i contrari 150 (cinque

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Francia, l'effetto Macron sulla politica italiana

    Sul paesaggio politico francese è passato «un uragano positivo che si chiama Emmanuel Macron» dice il sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi. Il giorno dopo la politica italiana riflette sulle novità, un misto di prevedibile e sperato, in arrivo da Oltralpe. Lezioni naturalmente non

    – di Nicola Barone

    • News24

    Lotti, Mdp non voterà con M5S. Di Maio: «Renzi non poteva non sapere»

    Da una parte il Movimento 5 stelle non molla la presa. Con Luigi Di Maio che torna ad attaccare sul caso Consip e questa volta se la prende direttamente con Matteo Renzi e non più solo con suo padre Tiziano, indagato con l'ipotesi di traffico illecito d'influenze, e con il ministro per lo Sport ed

    – di Emilia Patta

    • News24

    Centrodestra, Romani: «Porte chiuse ad Alfano»

    «Porte chiuse ad Alfano perché secondo me si è spinto troppo in là nell'appoggiare il governo Renzi. Noi non siamo un taxi, ma siamo qui per fare una nuova proposta che - ad esempio al Senato - potrebbe avere già un punto dipartenza». Lo ha detto Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia a palazzo

1-10 di 1079 risultati