Persone

Paolo Borsellino

Paolo Borsellino è stato un magistrato italiano. Ucciso nell’attentato di mafia di via D’Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, è considerato un eroe al pari di Giovanni Falcone, suo amico e collega.

Laureato in Giurisprudenza a Palermo, nel 1963 Paolo Borsellino ha vinto il concorso in magistratura. Due anni più tardi è stato mandato al tribunale civile di Enna, come uditore giudiziario. Nel 1967 Borsellino ha ottenuto l’incarico di Pretore a Mazara del Vallo, per poi essere trasferito alla pretura di Monreale. Al tribunale di Palermo, nel 1975 è entrato all’Ufficio istruzione processi penali, dove ha lavorato alla prima indagine sulla mafia. Membro del pool antimafia composto anche da Falcone e Barrile, nel 1984 ha portato all’arresto di Vito Ciancimino. Nel 1986 Paolo Borsellino è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala. Il 19 luglio 1992 è rimasto vittima della strage di via d’Amelio, organizzata dalla mafia. Una Fiat 126 parcheggiata davanti alla casa della madre del giudice è esplosa al passaggio di Paolo Borsellino, uccidendo anche gli agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L'unico sopravvissuto è stato Antonino Vullo, ferito mentre parcheggiava uno dei veicoli della scorta.

Paolo Borsellino era sposato e aveva due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paolo Borsellino
    • News24

    Falcone e Borsellino, il ricordo di Matarella

    «Sarebbe un peccato se la legislatura finisse prima che ci sia una legge sui beni confiscati alla mafia» a dirlo, nell'aula bunker dell'Ucciardone è il ministro dell'Interno Marco Minniti. Ad ascoltare, in insieme a una platea di ragazzi, il capo dello stato Sergio Mattarella e la ministra

    – di Patrizia Maciocchi

    • Agora

    25 anni dopo Capaci/3 Il «miglior segnale» del Csm era quello di non promuovere Falcone all'ufficio Istruzione di Palermo

    Adorati lettori di questo umile e umido blog come sapete da venerdì della scorsa settimana sto ricordando con atti ufficiali (quelli del Consiglio superiore della magistratura) la memoria del giudice Giovanni Falcone che esattamente 25 anni fa perì nella strage di Capaci con la moglie e i tre agenti di scorta. Ma torniamo - come abbiamo fatto nei giorni scorsi - indietro con la memoria. Per capire bisogna infatti conoscere. E' il 19 gennaio 1988. Il consiglio superiore della magistratura (Csm)...

    – Roberto Galullo

    • News24

    La nuova Cosa nostra: silente e mercatista

    Venticinque anni dopo la strage di Capaci - nella quale il 23 maggio 1992 persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie e i tre agenti di scorta - capisci che Cosa nostra è cambiata. E se è cambiata lo ha fatto per tenere fede al proprio codice genetico, in grado di evolvere e anticipare

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Lo sprint mercatista di Cosa nostra

    L'insegnamento investigativo del «grande amico» dell'Fbi Giovanni Falcone - secondo il quale per scoprire la mafia bisogna seguire i soldi - continua a vivere nel Federal bureau of investigation.

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Mattarella in memoria di Falcone. «Magistratura fondamentale contro la mafia»

    Nell'Aula del Consiglio superiore della magistratura ricordare la strage di Capaci, con l'assassinio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta «assume il significato di ribadire l'importanza fondamentale dell'azione di contrasto delle forze giudiziarie e delle forze

    – di Nicola Barone

    • Agora

    Mafia: cosa resta del metodo Falcone? Chiacchiere, distintivi e un sistema da cambiare

    Ogni volta è una meraviglia. Non si capisce quanto vera, genuina. "La mafia ha cambiato pelle" dice questo o quel politico, questo o quel magistrato.  O addirittura, negli ultimi tempi, "La mafia è stata sconfitta". Punto e basta. Anzi addirittura il problema è ora l'antimafia. Potrebbe essere un'idea sbarazzarci anche di quella. In fondo basta il sospetto o il racconto di qualche pentito per tenere aperto un  procedimento all'infinito. Chissà cosa ne avrebbe detto Giovanni Falcone che invece su...

    – Nino Amadore

    • News24

    Oltre mille studenti sulla Nave della Legalità diretta a Palermo

    "Gli uomini passano le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini". Le gambe sulle quali cammina l'idea della legalità sono quelle dei 70mila studenti che, a Palermo e nelle piazze d'Italia, si incontreranno martedì 23 per ricordare le stragi di Capaci e di via D'Amelio,

    – di Patrizia Maciocchi

    • News24

    Strage di Capaci, errori e veleni affossano la rivolta delle coscienze

    Il 3 aprile 2017 un lungo lancio dell'agenzia di stampa Ansa batte questa notizia: «Si è concluso con 11 assoluzioni e cinque condanne il processo, celebrato in abbreviato dal gup Omar Modica, nei confronti di capimafia, gregari ed estortori dei clan mafiosi di Bagheria, Villabate, Ficarazzi,

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Matteo Messina Denaro al riparo di una superloggia deviata

    "Sua latitanza" da Castelvetrano Matteo Messina Denaro, in chissà quale eremo, il 26 aprile ha compiuto 55 anni, gran parte dei quali trascorsi nella clandestinità mafiosa. Correva l'estate 1993 quando, dopo una dorata vacanza a Forte dei Marmi (Lucca), diventò uccel di bosco per lo Stato, che

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Sommerso dalla zona grigia

    Brandelli di un diario scritto soltanto ora. Conobbi Falcone un pomeriggio d'autunno del 1979 in una stanzina che gli faceva da ufficio al pianterreno del Palazzo di Giustizia di Palermo, intimidente e avvelenato da sempre. Sostituto procuratore per 15 anni a Trapani, era arrivato alla fine

    – di Corrado Stajano

1-10 di 365 risultati