Persone

Paolo Borsellino

Paolo Borsellino è stato un magistrato italiano. Ucciso nell’attentato di mafia di via D’Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, è considerato un eroe al pari di Giovanni Falcone, suo amico e collega.

Laureato in Giurisprudenza a Palermo, nel 1963 Paolo Borsellino ha vinto il concorso in magistratura. Due anni più tardi è stato mandato al tribunale civile di Enna, come uditore giudiziario. Nel 1967 Borsellino ha ottenuto l’incarico di Pretore a Mazara del Vallo, per poi essere trasferito alla pretura di Monreale. Al tribunale di Palermo, nel 1975 è entrato all’Ufficio istruzione processi penali, dove ha lavorato alla prima indagine sulla mafia. Membro del pool antimafia composto anche da Falcone e Barrile, nel 1984 ha portato all’arresto di Vito Ciancimino. Nel 1986 Paolo Borsellino è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala. Il 19 luglio 1992 è rimasto vittima della strage di via d’Amelio, organizzata dalla mafia. Una Fiat 126 parcheggiata davanti alla casa della madre del giudice è esplosa al passaggio di Paolo Borsellino, uccidendo anche gli agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L'unico sopravvissuto è stato Antonino Vullo, ferito mentre parcheggiava uno dei veicoli della scorta.

Paolo Borsellino era sposato e aveva due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paolo Borsellino
    • Agora

    Lotta a Cosa nostra/ Il pool antimafia nel 1985 lavorò in media 20 ore al giorno per 11 mesi!

    Amati lettori di questo umile e umido blog, sto analizzando con voi l'audizione di Paolo Borsellino il 31 luglio 1988 davanti alla prima commissione referente-Comitato antimafia del Consiglio superiore della magistratura (Csm). Borsellino era chiamato a spiegare il senso di un'intervista rilasciata 11 giorni prima a Repubblica e Unità sul rischio di smantellamento del pool antimafia di Palermo. ...Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e altri loro colleghi.

    – Roberto Galullo

    • News24

    Mattarella: «La mafia non è un male ineluttabile»

    «Paolo Borsellino ha combattuto la mafia con la determinazione di chi sa che la mafia non è un male ineluttabile ma un fenomeno criminale che può essere sconfitto. ... Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella al Csjm, alla cerimonia di commemorazione di Paolo Borsellino e dei cinque agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. ... Il capo dello Stato ha sottolineato che sulla tragica morte di Paolo Borsellino e della sua...

    • Agora

    19 luglio 1992

    Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

    – Vitaliano D'Angerio

    • News24

    L'agenda rossa di Paolo Borsellino non trova pace

    C'è una costante che si ripete da 25 anni nella strage del 19 luglio 1992 nella quale, esattamente 25 anni fa, persero la vita a Palermo il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta. ... «Si sa chiaramente che Giuseppe Ayala prelevò la borsa di Paolo Borsellino dalla macchina - ha scandito la parlamentare - alterando quindi anche il luogo del delitto e consegnandola a non si sa chi (l'unica immagine che abbiamo è quella del dottor Arcangioli con in mano quella borsa) e si sa che dentro...

    – di Roberto Galullo

    • News24

    La lunga notte dei depistaggi sulla morte di Paolo Borsellino

    La domanda più ficcante sui depistaggi nella ricerca della verità giudiziaria sulla strage di via d'Amelio - di cui domani ricorre il venticinquennale e nella quale morirono il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta - l'ha fatta Laura Garavini (Pd).

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Noi e i 57 giorni di Borsellino

    Il 19 luglio è un giorno che racchiude in sé dolore, emozione e pensieri, ricordi, bilanci e promesse che trovano spazio all'ombra dell'ulivo piantato nel luogo in cui un tremendo boato trascinò con sé la vita di Paolo Borsellino, Emanuela Loi,... Quando penso a Paolo Borsellino, nella mia mente si affollano i ricordi di un uomo solare, simpatico, sempre pronto allo scherzo: memorabili i lanci di molliche di pane che puntualmente iniziava nelle seriose cene tra colleghi della Procura.

    – di Pietro Grasso

    • News24

    Su via D'Amelio risposte con il contagocce

    Presumo di sì ed allora lì c'è la pista per cui Giovanni Falcone e Paolo Borsellino vennero uccisi. ... Allora, di quel rapporto Paolo Borsellino chiederà copia quando si trova ancora a Marsala, quando è ancora procuratore della Repubblica di Marsala. Altro dato che emerge inquietante è che - spesso ci siamo soffermati a pensare a quest'aspetto - già nel 1991 Cosa Nostra vuole organizzare un attentato a Paolo Borsellino a Marsala. ...di Paolo Borsellino a Marsala.

    – di Roberto Galullo

1-10 di 323 risultati