Persone

Paolo Borsellino

Paolo Borsellino è stato un magistrato italiano. Ucciso nell’attentato di mafia di via D’Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, è considerato un eroe al pari di Giovanni Falcone, suo amico e collega.

Laureato in Giurisprudenza a Palermo, nel 1963 Paolo Borsellino ha vinto il concorso in magistratura. Due anni più tardi è stato mandato al tribunale civile di Enna, come uditore giudiziario. Nel 1967 Borsellino ha ottenuto l’incarico di Pretore a Mazara del Vallo, per poi essere trasferito alla pretura di Monreale. Al tribunale di Palermo, nel 1975 è entrato all’Ufficio istruzione processi penali, dove ha lavorato alla prima indagine sulla mafia. Membro del pool antimafia composto anche da Falcone e Barrile, nel 1984 ha portato all’arresto di Vito Ciancimino. Nel 1986 Paolo Borsellino è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala. Il 19 luglio 1992 è rimasto vittima della strage di via d’Amelio, organizzata dalla mafia. Una Fiat 126 parcheggiata davanti alla casa della madre del giudice è esplosa al passaggio di Paolo Borsellino, uccidendo anche gli agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L'unico sopravvissuto è stato Antonino Vullo, ferito mentre parcheggiava uno dei veicoli della scorta.

Paolo Borsellino era sposato e aveva due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paolo Borsellino
    • Agora

    Antonio Ingroia, Servitore dello Stato nelle sabbie mobili del sottogoverno politico, del servilismo dei media e della favola "italiani brava gente"

    Oggi scrivo di Antonio Ingroia, l'ex magistrato che ha lavorato fianco a fianco nella Procura di Marsala con Paolo Borsellino e da quest'ultimo espressamente voluto ancora al suo fianco nel 1992 nella Procura di Palermo. Ingroia - tanto per dirne alcune tra le tante - si è occupato di alcuni tra i più importanti processi sui rapporti tra la mafia e il mondo della politica, dell'imprenditoria, dell'economia, dei professionisti e della massoneria. Sia ben chiaro: stiamo parlando (nel migliore de...

    – Roberto Galullo

    • NovaCento

    Dario, Addiopizzo Travel, il lavoro e la legalità

    Caro Diario, Dario Riccobono è un altro degli incontri ravvicinati di lavoro ben fatto che  bellissime connessioni che ho potuto costruire grazie a Join Maremma Online 2018. Lui era lì per raccontare Addiopizzo Travel, ma quelli come lui raccontano molto di più di quello che debbono raccontare, e come sai io quelli come lui non me li faccio scappare. Senti come ha cominciato: «Diecimila anime. Poco distante dall'aeroporto e alle porte di una città di grande interesse storico-artistico, Palermo. ...

    – Vincenzo Moretti

    • News24

    Piera Aiello, candidata senza volto che ci ha messo faccia e cuore per il M5S

    Sul suo profilo facebook Piera Aiello, 51 anni di Partanna (Trapani), ha ringraziato i siciliani per aver dimostrato, con la matita, che quella cappa che premeva sul cielo della Sicilia «è stata soffiata via da una corrente inarrestabile di speranza e onestà». Il 30 luglio 1991 Piera Aiello ha

    – dal nostro inviato Roberto Galullo

    • News24

    Pietro Grasso, giudice a latere del maxiprocesso a Cosa Nostra

    Pietro Grasso, 73 anni, è il presidente uscente del Senato ed è il leader di Liberi e uguali. Ex magistrato, Grasso è stato giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra, tenutosi a Palermo tra il 10 febbraio 1986 ed il 10 dicembre 1987. Qui ebbe l'occasione di conoscere professionalmente e

    • News24

    A Vienna una mostra fotografica racconta l'eredità di Falcone e Borsellino

    Una mostra fotografica su Falcone e Borsellino è stata allestita a Vienna nel complesso della Hofburg, la residenza imperiale. Inaugurata oggi in occasione del primo Consiglio permanente a Presidenza italiana dell'Osce l'esposizione, organizzata dall'agenzia Ansa, punta a mantenere alto il ricordo

    • News24

    A Palermo il primo "liceo" Slow Food

    E', si può dire, il primo progetto in Italia di liceo Slow legato alla cultura della Dieta mediterranea che è Patrimonio Unesco. L'iniziativa è stata avviata a Palermo dalla Condotta di Slow Food che ha inaugurato il primo corso di educatori per studenti. Saranno oltre trecento gli studenti

    – di Nino Amadore

    • News24

    Messina Denaro ma non solo. Chi sarà il nuovo capo di Cosa Nostra?

    Dopo Totò Riina chi? La domanda sulla successione di Cosa nostra è legittima visto che era ancora l'87enne corleonese l'ultimo capo riconosciuto. Né la Commissione provinciale né quella regionale, infatti, dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 e 24 anni di latitanza, sono mai più tornate a

    – di Roberto Galullo

    • News24

    La stagione delle stragi

    Condannato in contumacia all'ergastolo durante il "maxiprocesso", viene inchiodato dalle rivelazioni del primo pentito di rango, Tommaso Buscetta. Totò "u curto" si vendica facendogli uccidere undici parenti. Quando cominciano a fioccare gli ergastoli per gli "uomini d'onore", il padrino dichiara

    • News24

    Bbc: «Totò Riina, il temuto capo della mafia, muore a 87 anni»

    La Bbc riserva alla morte del boss mafioso una delle aperture del suo sito, spiegando che Riina «era condannato a 26 ergastoli e ritenuto colpevole di oltre 150 omicidi». L'emittente britannico ha ricostruito la carriera criminosa di Riina, soffermandosi sulla sua brutalità («Era soprannominato la

    • News24

    Morto il boss Totò Riina, l'ultimo capo di Cosa nostra

    E' morto Totò Riina, il capo di Cosa nostra. L'ultimo riconosciuto. Né la Commissione provinciale né quella regionale, infatti, dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 e 24 anni di latitanza, sono mai più tornate a riunirsi.La vita di Riina, 87 anni, che ha accumulato 26 condanne all'ergastolo per

    – di Roberto Galullo

1-10 di 343 risultati