Persone

Paolo Borsellino

Paolo Borsellino è stato un magistrato italiano. Ucciso nell’attentato di mafia di via D’Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, è considerato un eroe al pari di Giovanni Falcone, suo amico e collega.

Laureato in Giurisprudenza a Palermo, nel 1963 Paolo Borsellino ha vinto il concorso in magistratura. Due anni più tardi è stato mandato al tribunale civile di Enna, come uditore giudiziario. Nel 1967 Borsellino ha ottenuto l’incarico di Pretore a Mazara del Vallo, per poi essere trasferito alla pretura di Monreale. Al tribunale di Palermo, nel 1975 è entrato all’Ufficio istruzione processi penali, dove ha lavorato alla prima indagine sulla mafia. Membro del pool antimafia composto anche da Falcone e Barrile, nel 1984 ha portato all’arresto di Vito Ciancimino. Nel 1986 Paolo Borsellino è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala. Il 19 luglio 1992 è rimasto vittima della strage di via d’Amelio, organizzata dalla mafia. Una Fiat 126 parcheggiata davanti alla casa della madre del giudice è esplosa al passaggio di Paolo Borsellino, uccidendo anche gli agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L'unico sopravvissuto è stato Antonino Vullo, ferito mentre parcheggiava uno dei veicoli della scorta.

Paolo Borsellino era sposato e aveva due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paolo Borsellino
    • News24

    A Vienna una mostra fotografica racconta l'eredità di Falcone e Borsellino

    Una mostra fotografica su Falcone e Borsellino è stata allestita a Vienna nel complesso della Hofburg, la residenza imperiale. Inaugurata oggi in occasione del primo Consiglio permanente a Presidenza italiana dell'Osce l'esposizione, organizzata dall'agenzia Ansa, punta a mantenere alto il ricordo

    • News24

    A Palermo il primo "liceo" Slow Food

    E', si può dire, il primo progetto in Italia di liceo Slow legato alla cultura della Dieta mediterranea che è Patrimonio Unesco. L'iniziativa è stata avviata a Palermo dalla Condotta di Slow Food che ha inaugurato il primo corso di educatori per studenti. Saranno oltre trecento gli studenti

    – di Nino Amadore

    • News24

    Messina Denaro ma non solo. Chi sarà il nuovo capo di Cosa Nostra?

    Dopo Totò Riina chi? La domanda sulla successione di Cosa nostra è legittima visto che era ancora l'87enne corleonese l'ultimo capo riconosciuto. Né la Commissione provinciale né quella regionale, infatti, dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 e 24 anni di latitanza, sono mai più tornate a

    – di Roberto Galullo

    • News24

    La stagione delle stragi

    Condannato in contumacia all'ergastolo durante il "maxiprocesso", viene inchiodato dalle rivelazioni del primo pentito di rango, Tommaso Buscetta. Totò "u curto" si vendica facendogli uccidere undici parenti. Quando cominciano a fioccare gli ergastoli per gli "uomini d'onore", il padrino dichiara

    • News24

    Bbc: «Totò Riina, il temuto capo della mafia, muore a 87 anni»

    La Bbc riserva alla morte del boss mafioso una delle aperture del suo sito, spiegando che Riina «era condannato a 26 ergastoli e ritenuto colpevole di oltre 150 omicidi». L'emittente britannico ha ricostruito la carriera criminosa di Riina, soffermandosi sulla sua brutalità («Era soprannominato la

    • News24

    Morto il boss Totò Riina, l'ultimo capo di Cosa nostra

    E' morto Totò Riina, il capo di Cosa nostra. L'ultimo riconosciuto. Né la Commissione provinciale né quella regionale, infatti, dopo il suo arresto il 15 gennaio 1993 e 24 anni di latitanza, sono mai più tornate a riunirsi.La vita di Riina, 87 anni, che ha accumulato 26 condanne all'ergastolo per

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Strage di Via d'Amelio/3 La procura «para massonica», le «balle di Cancemi» e le sole firme di due giovani pm: Di Matteo e Tescaroli

    Cari amici di questo umile e umido blog tre settimane fa (rimando al link a fondo pagina) ho cominciato ad analizzare l'audizione del sostituto procuratore nazionale antimafia Nino Di Matteo il 13 settembre davanti alla Commissione bicamerale presieduta da Rosy Bindi. Questa settimana ho proseguito cominciando a descrivere gli spunti investigativi finora trascurati che il pm antimafia ha spiattellato alla Commissione presieduta da Bindi. Nel servizio di due giorni fa ho descritto la drammatica ...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Strage Via D'Amelio/1 Il pentito Santino Di Matteo e quella drammatica telefonata con la moglie sugli «infiltrati della Polizia»

    Cari amici di questo umile e umido blog tre settimane fa (rimando al link a fondo pagina) ho cominciato ad analizzare l'audizione del sostituto procuratore nazionale antimafia Nino Di Matteo il 13 settembre davanti alla Commissione bicamerale presieduta da Rosy Bindi. Nel frattempo è accaduto che la famiglia Borsellino si è rivolta al Consiglio superiore della magistratura (che ha aperto un fascicolo) per sapere se ci sono state negligenze di sorta sulla strage di via D'Amelio all'epoca delle p...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Premio Galdus, presentata la XII edizione per aspiranti poeti e artisti

    "Dove troverai un maestro? " è il tema della nuova edizione del Premio Galdus, il progetto culturale della scuola professionale Galdus che utilizza la forza comunicativa della parola e l'incontro personale con autori, artisti e imprenditori per stimolare i giovani a esprimere il loro potenziale

    – di Enrico Bronzo

1-10 di 339 risultati