Persone

Paolo Borsellino

Paolo Borsellino è stato un magistrato italiano. Ucciso nell’attentato di mafia di via D’Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, è considerato un eroe al pari di Giovanni Falcone, suo amico e collega.

Laureato in Giurisprudenza a Palermo, nel 1963 Paolo Borsellino ha vinto il concorso in magistratura. Due anni più tardi è stato mandato al tribunale civile di Enna, come uditore giudiziario. Nel 1967 Borsellino ha ottenuto l’incarico di Pretore a Mazara del Vallo, per poi essere trasferito alla pretura di Monreale. Al tribunale di Palermo, nel 1975 è entrato all’Ufficio istruzione processi penali, dove ha lavorato alla prima indagine sulla mafia. Membro del pool antimafia composto anche da Falcone e Barrile, nel 1984 ha portato all’arresto di Vito Ciancimino. Nel 1986 Paolo Borsellino è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala. Il 19 luglio 1992 è rimasto vittima della strage di via d’Amelio, organizzata dalla mafia. Una Fiat 126 parcheggiata davanti alla casa della madre del giudice è esplosa al passaggio di Paolo Borsellino, uccidendo anche gli agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L'unico sopravvissuto è stato Antonino Vullo, ferito mentre parcheggiava uno dei veicoli della scorta.

Paolo Borsellino era sposato e aveva due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paolo Borsellino
    • News24

    Si è spenta a 73 anni Rita Borsellino

    «Con grande dolore rendiamo noto che Rita Borsellino, presidente di questa associazione, è tornata alla casa del Padre - hanno annunciato nel pomeriggio i componenti del Centro studi Paolo Borsellino -.

    • News24

    Borsellino, Mattarella: non smettere ricerca verità

    presidente Sergio Mattarella in una dichiarazione nel ventiseiesimo anniversario della strage di via D'Amelio (il 19 luglio 1992) in cui hanno perso la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo... Sulla stessa lunghezza d’onde il premier Giuseppe Conte che su twitter scrive: «Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Cosina e Claudio Traina. ... «Il modo migliore per onorare la memoria di Paolo Borsellino...

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Omicidio Borsellino, Cafiero de Raho: presto scoperchieremo il calderone di sporcizia

    Nonostante intorno all'autobomba, che il 19 luglio di 26 anni fa uccideva il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta - Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina - si sia compiuto «uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana», come scritto dai giudici di Caltanissetta nelle motivazioni della sentenza del processo Borsellino quater.

    – di Raffaella Calandra

    • News24

    I giudici: depistaggio su Borsellino pilotato da uomini delle istituzioni

    Le istituzioni che cercavano la verità su Borsellino depistate da uomini delle istituzioni. Lo certifica la Corte d'Assise di Caltanissetta nelle 1865 pagine di motivazioni della sentenza con cui si è concluso, poco più di un anno fa, l'ultimo processo sulla strage di via d'Amelio: «Uno dei più

    • News24

    Chiedi chi era Ligresti: ascesa e declino del vicerè di Milano

    Se c'è un aggettivo adatto per descrivere la parabola di Salvatore Ligresti questo è «trasversale». Lui è stato trasversale al tempo, che ha scandito adattandosi a tutti i suoi mutamenti; allo spazio, che ha occupato fisicamente con le sue inconfondibili torri; alla politica, che ha cavalcato con

    – di Stefano Elli

    • Agora

    Antonio Ingroia, Servitore dello Stato nelle sabbie mobili del sottogoverno politico, del servilismo dei media e della favola "italiani brava gente"

    Oggi scrivo di Antonio Ingroia, l'ex magistrato che ha lavorato fianco a fianco nella Procura di Marsala con Paolo Borsellino e da quest'ultimo espressamente voluto ancora al suo fianco nel 1992 nella Procura di Palermo. Ingroia - tanto per dirne alcune tra le tante - si è occupato di alcuni tra i più importanti processi sui rapporti tra la mafia e il mondo della politica, dell'imprenditoria, dell'economia, dei professionisti e della massoneria. Sia ben chiaro: stiamo parlando (nel migliore de...

    – Roberto Galullo

    • NovaCento

    Dario, Addiopizzo Travel, il lavoro e la legalità

    Caro Diario, Dario Riccobono è un altro degli incontri ravvicinati di lavoro ben fatto che  bellissime connessioni che ho potuto costruire grazie a Join Maremma Online 2018. Lui era lì per raccontare Addiopizzo Travel, ma quelli come lui raccontano molto di più di quello che debbono raccontare, e come sai io quelli come lui non me li faccio scappare. Senti come ha cominciato: «Diecimila anime. Poco distante dall'aeroporto e alle porte di una città di grande interesse storico-artistico, Palermo. ...

    – Vincenzo Moretti

    • News24

    Piera Aiello, candidata senza volto che ci ha messo faccia e cuore per il M5S

    Sul suo profilo facebook Piera Aiello, 51 anni di Partanna (Trapani), ha ringraziato i siciliani per aver dimostrato, con la matita, che quella cappa che premeva sul cielo della Sicilia «è stata soffiata via da una corrente inarrestabile di speranza e onestà». Il 30 luglio 1991 Piera Aiello ha

    – dal nostro inviato Roberto Galullo

    • News24

    Pietro Grasso, giudice a latere del maxiprocesso a Cosa Nostra

    Pietro Grasso, 73 anni, è il presidente uscente del Senato ed è il leader di Liberi e uguali. Ex magistrato, Grasso è stato giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra, tenutosi a Palermo tra il 10 febbraio 1986 ed il 10 dicembre 1987. Qui ebbe l'occasione di conoscere professionalmente e

1-10 di 349 risultati