Persone

Panos Kammenos

Panos Kammenos è nato ad Atene il 12 maggio del 1965 ed è un politico greco, leader del partito politico di destra, Greci Indipendenti (ANEL) ed attuale Ministro della Difesa della Repubblica Greca.

Ha studiato economia e gestione aziendale presso l'Università di Lione.

Il 10 ottobre del 1993 è stato eletto al Parlamento Ellenico nelle liste di Nuova Democrazia.

Sempre rieletto nelle elezioni successive, il 25 febbraio del 2012 decide di abbandonare ND e fonda Greci Indipendenti (ANEL), formazione politica di destra, euroscettica e contraria all'austerità ed alleata, a livello europeo, con i Conservatori e Riformisti Europei (ECR).

ANEL debutta al Parlamento Ellenico nelle elezioni anticipate del maggio 2012 col 10,6% dei consensi, che nelle nuove elezioni anticipate del giugno 2012 scenderanno al al 7,51%.

Nelle elezioni parlamentari anticipate del 25 gennaio 2015, ANIEL ottiene il 4,75% dei voti, conquistando13 seggi su 300.

ANIEL entra nel Governo Tsipras, stringendo un'allenza con SYRIZA, in nome della lotta comune contro l'austerità.

Il 27 gennaio 2015 Kammenos diventa, nel nuovo Governo Tsipras, Ministro della Difesa della Repubblica Greca.

E' sposato con Eleni Tzouli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Panos Kammenos
    • News24

    La Grecia diventa terra d'esilio per i turchi in fuga da Erdogan

    La piccola e indomita Atene, terra di bimillenaria democrazia, torna a sfidare il potente autoritarismo asiatico? Sebbene in ginocchio per la drammatica crisi economica da cui sta faticosamente uscendo, la Grecia non si piega. Non siamo alle riedizioni delle invasioni persiane di Serse e alle

    – di Vittorio Da Rold

    • Agora

    La disputa infinita fra Atene e Skopje sul nome della Macedonia. Svolta più vicina?

    Una disputa sul nome separa la piccola ex repubblica Jugoslava di Macedonia dall'ingresso nella Ue e nella Nato. Ad opporsi ai suoi sogni europei e filo-occidentali è un conflitto sull'uso del nome Macedonia da parte della Grecia che ne rivendica l'uso per la sua regione settentrionale di confine con capoluogo Salonicco. Atene teme che l'uso del nome Macedonia possa aprire a rivendicazioni territoriali sulla sua omonima regione. In questi tempi di risorgenti nazionalismi e di riscoperte identit...

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    La disputa infinita fra Atene e Skopje sul nome della Macedonia. Svolta più vicina?

    Una disputa sul nome separa la piccola ex repubblica Jugoslava di Macedonia dall'ingresso nella Ue e nella Nato. Ad opporsi ai suoi sogni europei e filo-occidentali è un conflitto sull'uso del nome Macedonia da parte della Grecia che ne rivendica l'uso per la sua regione settentrionale di confine

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Atene vuole vendere armi a Riad ma scoppia la polemica interna a Syriza

    Pressato dalle richieste della troika sul rispetto delle azioni prioritarie da varare per ottenere le tranches del terzo piano di aiuti, da un lato, e dalla base elettorale del partito di maggioranza relativa Syriza che ha visto cadere tutte le promesse fatte in campagna elettorale, dall'altro

    – di Vittorio Da Rold

    • Agora

    Tsipras dà bonus da 1 miliardo per le famiglie indigenti e uno a Trump per gli F16

    L'economia greca correrà  al 2% quest'anno dopo una felice annata turistica sostenuta anche grazie ai problemi politici e di stabilità dei suoi vicini mediterranei. Prontamente il governo guidato da Alexis Tsipras dopo le innumerevoli misure di austerity imposte dai creditori internazionali si prepara a dare un maxi bonus alle famiglie più colpite dalla crisi. Grazie all'avanzo primario pari al 2,2% del Pil, ben oltre l'1,75% chiesto da Bce, Ue e Fmi ma che si alzerà secondo il terzo Memorandum ...

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    Tsipras, l'austero esecutore delle riforme greche

    Anche sotto il Partenone «si nasce incendiari e si muore pompieri». In queste poche righe è tracciata l'incredibile parabola politica del premier greco, Alexis Tsipras, nato come oppositore delle politiche di austerità volute dalla Troika e costretto a diventarne un fedele esecutore. Sono ormai

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Che accade alla Grecia se il Fmi non trova l'intesa con l'eurozona?

    Dopo l'ennesimo eurogruppo sul debito greco, andato a vuoto a Bruxelles dopo sette ore di discussioni fino a mezzanotte, tra la Germania che vuole il Fmi a bordo ma senza tagliare il debito, il Fondo monetario che vuole un debito «sostenibile» per entrare in partita altrimenti resta fuori, e gli

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    E Tsipras avverte: «Scherzate con il fuoco»

    Atene lancia un avviso all'Fmi e a Berlino di non «scherzare con il fuoco» sul terzo piano di salvataggio della Grecia. Il premier Alexis Tsipras è convinto che alla fine il Fondo monetario resterà fuori dai giochi, ma invita i partner europei a prenderne atto. «L'accordo con i creditori si

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Grecia, Tsipras riparte dalla lotta all'austerità

    Sono passati due anni sotto il Partenone dopo la vittoria alle politiche 2015 della sinistra radicale di Syriza, ma sembra passato un secolo, dopo il voto sulla Brexit, l'elezione negli Stati Uniti di Donald Trump e la vittoria dei "no" al referendum costituzionale italiano. Il mondo è cambiato

    – di Vittorio Da Rold

1-10 di 59 risultati