Persone

Pablo Iglesias

Pablo Iglesias è il leader di Podemos, formazione politica spagnola.

Nato nel 1978, già professore universitario di Scienze politiche, è stato politologo e star di alcuni talk-show televisivi. Con Podemos è il principale protagonista della rottura e del cambiamento della politica spagnola, sapendo raccogliere e mettere assieme le diverse anime della protesta degli indignados che ha riempito le piazze del Paese negli anni della grande crisi economica.

Di formazione comunista, Erasmus a Bologna, è uno studioso della comunicazione politica con notevole capacità oratoria nei comizi.

Ultimo aggiornamento 24 giugno 2016

Ultime notizie su Pablo Iglesias
    • News24

    Scontri a Barcellona dopo 14 arresti, sequestrate 10 milioni di schede

    Si fa sempre più tesa la situazione in Catalogna, in vista del referendum per l'autonomia indetto per il prossimo 1° ottobre e fortemente osteggiato dal governo centrale di Madrid. Due i fatti di cronaca oggi: il blitz della polizia nazionale spagnola (la Guardia Civil) presso alcune sedi del

    • Econopoly

    Il Venezuela, il fallimento socialista ed il grande silenzio della sinistra

    Il Venezuela è nel caos più totale. Crisi politica, sociale, economica. In altre parole, ci troviamo di fronte all'ennesimo fallimento dell'ideologia socialista. Uno degli aspetti più incredibili di questa triste vicenda è il silenzio assordante della classe intellettuale e dirigente di sinistra. Se, infatti, durante il periodo Chavista (1999-2013), il Venezuela ci è stato spesso, erroneamente, presentato come una storia economica di grande successo, nel corso di questi ultimissimi anni la retor...

    – Giovanni Caccavello

    • News24

    Spagna, Rajoy rischia sui conti pubblici

    Mariano Rajoy dovrà usare tutta la sua pazienza e le sue capacità di mediazione per far passare in Parlamento due leggi di bilancio in cinque mesi. Avrà bisogno della fedeltà di Ciudadanos (il movimento centrista che sostiene il governo di minoranza del premier popolare) e dei voti del Partito

    – di Luca Veronese

    • News24

    Populismi, un boom figlio della paura

    Disertando questa settimana l'apertura del processo per istigazione all'odio razziale a suo carico, il leader populista olandese Geert Wilders ha parlato di «processo farsa» e ha diffuso una dichiarazione emblematica: «Come politico ho il diritto di dire ciò che penso, che è poi quello che pensano

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    L'antipopulismo populista

    Viviamo in un'epoca di populismi: reali, presunti, immaginari. In alcuni casi, nelle parole dei commentatori e dei politici stessi, il termine serve soltanto per imbrogliare le carte, stigmatizzando quel che non ci piace con una espressione che evoca la barbarie delle folle indisciplinate. Se però

    – di Gabriele Pedullà

    • News24

    Madrid, le basi fragili di un governo voluto a tutti i costi

    Sono due le cause che hanno portato alla formazione di un nuovo governo del conservatore Mariano Rajoy. Entrambe potrebbero rivelarsi deboli ancorché comprensibili, cause perse, in contraddizione tra loro. E in definitiva potrebbero non aiutare la Spagna, la sua politica e la sua economia.

    – di Luca Veronese

    • News24

    Spagna, la vecchia guardia socialista attacca Sanchez e apre a Rajoy

    Il Partito socialista spagnolo si è spaccato in due. E l'impasse politica continua, mentre la Banca centrale spagnola avverte che senza un governo non si possono fare le riforme e che questo avrà effetti negativi sull'economia nei prossimi anni. A sinistra Pedro Sanchez è costretto a difendersi

    – di Luca Veronese

    • News24

    Rajoy il 30 agosto in Parlamento

    Mariano Rajoy si presenterà in Parlamento il 30 agosto per chiedere la fiducia. Finalmente il leader dei Popolari, premier negli ultimi quattro anni, ha sciolto le riserve e tre settimane dopo aver accettato il mandato da re Felipe VI ha comunicato la data del "dibattito di investitura".

    – Luca Veronese

    • News24

    Governo, Rajoy non sblocca i negoziati

    Mezzo passo avanti e due indietro. Dopo nove mesi senza governo, in Spagna le trattative tra i partiti per arrivare a formare una coalizione e trovare un premier che abbia i voti per guidare il Paese si stanno ulteriormente complicando. Il Partito popolare di Mariano Rajoy ha ottenuto una timida

    – di L.V.

    • News24

    La Spagna rischia di tornare al voto

    E' stata stroncata sul nascere, bocciata dai socialisti senza nemmeno essere valutata nei contenuti, la grande coalizione che il premier uscente Mariano Rajoy ha riproposto ieri per tentare di dare un governo alla Spagna dopo sei mesi e due elezioni inconcludenti. Al termine di un colloquio durato

    – Luca Veronese

1-10 di 75 risultati