Persone

Oscar Luigi Scalfaro

Oscar Luigi Scalfaro (Novara 9 settembre 1918 – Roma 29 gennaio 2012) è stato un politico e magistrato italiano, nono Presidente della Repubblica in carica dal 1992 al 1999. Laureato in giurisprudenza nel 1941, incominciò prestissimo la sua attività politica: il primo incarico come presidente diocesano a Novara, prima della Gioventù maschile e poi dell'Azione cattolica; durante il periodo della lotta clandestina si è adoperato attivamente per aiutare gli antifascisti. è sempre stato confermato nel mandato dagli elettori nella circoscrizione di Torino-Novara-Vercelli. Come deputato ha partecipato attivamente alla vita politica legislativa, quale componente della commissione Giustizia e della giunta delle autorizzazioni a procedere. Eletto vice presidente della commissione speciale per la Corte costituzionale, Scalfaro ha ricoperto la carica di segretario e poi di vice presidente del gruppo parlamentare. Membro del consiglio nazionale della Dc, è entrato a far parte della direzione centrale del partito durante la segreteria di De Ga Gasperi. Il primo incarico di governo lo ha avuto come sottosegretario al ministero del Lavoro nel primo gabinetto Fanfani; ha poi ricoperto, nel governo Scelba, la carica di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, e, in un secondo tempo, gli è stato affidato contemporaneamente anche il sottosegretariato dello Spettacolo
Sottosegretario al ministero della Giustizia, nei governi Segni e Zoli, dopo le elezioni del 1958 è stato eletto presidente della commissione Interni della Camera; dal '59 al '62 è stato sottosegretario all' nterno. Il suo primo incarico come ministro è stato al dicastero dei Trasporti nel terzo governo Moro, carica nella quale è stato riconfermato nel secondo governo Leone. Ha poi ricoperto, per un biennio, la carica di segretario organizzativo della Dc e quella di dirigente dell' ufficio legislativo. Nuovamente ministro dei Trasporti nel primo governo Andreotti, è stato nominato ministro della Pubblica istruzione nel secondo governo Andreotti, prima di essere eletto alla vice presidenza della Camera. Rieletto deputato il 3 giugno 1979, Scalfaro è entrato a far parte della commissione Esteri ed è stato riconfermato vice presidente della Camera. Rieletto deputato per la decima volta, nel 1983, è stato ministro dell' Interno nel primo e secondo governo Craxi.
Quello di ministro dell'Interno, dall'83 all'87, è stato l'ultimo incarico di governo svolto da Scalfaro.
Nel 1987 il presidente della Repubblica Cossiga gli affidò l'incarico di formare il governo, incarico al quale rinunciò. Come magistrato, Scalfaro svolse le funzioni di pubblico ministero presso le corti d'assise speciali di Novara ed Alessandria.


Nel 1992 il ritorno ai vertici delle istituzioni prima con una breve parentesi da presidente della Camera quindi con il salto al Quirinale, il 25 maggio. Cossiga si dimise infatti da presidente della Repubblica e l'elezione del successore si trascinò in una serie di votazioni parlamentari senza risultato (Forlani e Vassalli non raggiunsero il quorum) fino alla scelta di Scalfaro. "Sponsor" politico di quella designazione fu allora Marco Pannella, leader del Partito Radicale. Un settennato complesso, il suo, caratterizzato soprattutto dalla lunga partita con il primo governo Berlusconi e la nascita dell'esecutivo "tecnico" di Lamberto Dini. Nel 1999 il passaggio delle consegne a Carlo Azeglio Ciampi e il trasferimento a Palazzo Giustiani come senatore a vita.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Oscar Luigi Scalfaro | Carlo Azeglio Ciampi | Corte d'Assise | Partito Radicale | DC | Zoli | Marco Pannella | Camera dei deputati | Interni | Corte Costituzionale | Lamberto Dini | Torino-Novara-Vercelli | Esteri | Scelba | Presidenza della Repubblica | Spettacolo Sottosegretario | Segni |

Ultime notizie su Oscar Luigi Scalfaro

    Mattarella: nessun cittadino al di sopra della legge. Salvini: ho chiuso i porti nel rispetto delle regole

    E' il messaggio che il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha lanciato in occasione della commemorazione dell’ex presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. ... Come spesso ebbe a ricordare anche il presidente Scalfaro, queste valgono per tutti, senza aree di privilegio per nessuno, neppure se investito di pubbliche funzioni, neppure per gli esponenti politici», ha concluso il Capo dello Stato.

    – di Redazione Roma

    E' morto Gaetano Gifuni, ex segretario generale del Quirinale

    E' morto Gaetano Gifuni, ex segretario generale del Quirinale con i presidenti della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro e Carlo Azeglio Ciampi e, in precedenza, Segretario generale del Senato per 17 anni.

    – di Redazione Online

    La «sindrome» di Dini e Monti: il tecnico che si innamora della politica

    Quando lo scorso 7 maggio Sergio Mattarella, di fronte al protrarsi dello stallo politico, avanzò per la prima volta l'ipotesi di un «governo di garanzia» chiarì subito: «Chiederò ai suoi componenti l'impegno a non candidarsi alle elezioni». Tre settimane più tardi, attraverso percorsi che era

    – di Riccardo Ferrazza

    Impeachment: non è mai scattato, Leone e Cossiga si sono dimessi prima

    L'impeachment, termine preso in prestito dal common law, in maniera non del tutto corretta per indicare la messa in stato d'accusa del capo dello Stato, nella storia della Repubblica non si è mai visto. O meglio: in due casi (presidenti Leone e Cossiga) la procedura è stata avviata ma non è andata

    – di Andrea Carli

    Come funziona l'impeachment: l'ultima parola alla Consulta allargata

    Al Quirinale la notizia che i 5 Stelle stanno meditando sulla richiesta di impeachment al capo dello Stato viene presa con tranquillità e senza commenti. Sergio Mattarella sapeva che la reazione dei partiti sarebbe stata aggressiva ma si fa notare che la Costituzione prevede procedure chiare e

    – di Lina Palmerini

    Da Previti a Savona, tutte le volte che il Colle ha stoppato la nomina di un ministro

    Il «no» di Mattarella a Paolo Savona a ministro dell'Economia non è senza precedenti. Esistono infatti vari episodi nei quali il Quirinale ha rivendicato con forza le sue prerogative, "costringendo" al passo indietro premier incaricati su alcuni ministri. Dal caso Previti fino al più recente no a

    – di A.Gagliardi e A. Marini

    Mattarella mette i paletti: prima il nome del premier, poi la lista dei ministri

    Non sarà un problema per il Quirinale se anche domenica, data proposta dagli stessi leader per chiudere l'accordo, verrà chiesto un rinvio. Non aveva messo Mattarella quella scadenza e dunque accetterà l'attesa ma piuttosto potrebbe essere un problema il metodo che sembra stiano seguendo i due

    – di Lina Palmerini

1-10 di 193 risultati