Persone

Nicolas Sarkozy

Nicolas Sarkozy è stato il Presidente della Repubblica francese dal 2007 al 2012.

A questa carica è stato eletto nel 2007 battendo la candidata socialista Ségolène Royal. Precedentemente aveva rivestito ruoli di spicco in diversi governi, in particolare sotto la presidenza di Jacques Chirac. Dal 2005 e 2007 è Ministro degli interni, incarico in cui si contraddistingue per la fermezza nei confronti degli scontri nelle periferie francesi (banlieu) scoppiati in quel periodo. Dal 2002 al 2005 è invece Ministro dell'economia e delle finanze in due governi Raffarin. Dal 1995 al 2002 Sarkozy era rimasto invece senza incarichi di rilievo nel governo a causa del suo sostegno a Balladur alle elezioni del 1995, vinte da Jacques Chirac. Precedentemente, dal 1993 al 1995, è stato Ministro del bilancio e portavoce del governo Balladur. Dal 2004 al 2007 è stato anche presidente del partito Ump, incarico che ha lasciato dopo l'elezione a presidente della Repubblica.

Prima dei numerosi incarichi ministeriali, Nicolas Sarkozy è stato eletto per quattro volte all'assemblea nazionale, dal 1988 al 2002. Dal 1983 al 2002 è stato inoltre sindaco di Neuilly-sur-Seine e presidente del consiglio generale di Hauts-de-Seine nel 2002 e dal 2004 al 2007. I suoi esordi in politica risalgono al 1976, anno in cui aderisce al partito neogollista fondato da Jacques Chirac.

Candidato nel 2012 per un secondo mandato alla testa dello Stato, è stato sconfitto al secondo turno dal candidato socialista, François Hollande,

E' tornato in politica alla guida della coalizione Ump-Udi alle elezioni provinciali del marzo 2015 dove,dopo un primo turno dove pareva trionfare il Front National di Marine Le Pen, conquista sette regioni (su tredici) mentre cinque regioni, vanno ai candidati socialisti e una, la Corsica, ai nazionalisti.

Ad agosto del 2016 ha annunciato di voler correre nuovamente come candidato per le elezioni presidenziali che si terranno il 23 aprile e il 7 maggio del 2017. Il 20 novembre del 2016 ha partecipato alle primarie del centro destra, battuto da Francois Fillon, ha annunciato che si ritirerà dalla vita politica.

Prima di essere presidente della Repubblica è stato anche avvocato e socio di un importante studio legale francese. Si è sposato tre volte, l'ultima con la ex modella italiana Carla Bruni, con la quale ha avuto una figlia.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2016

Ultime notizie su Nicolas Sarkozy
    • News24

    Non solo migranti: che cosa ha deciso il vertice Ue sulla riforma dell'Eurozona

    La montagna ha partorito il topolino? La dichiarazione finale sui temi finanziari è una paginetta. Cosa è stato deciso al Summit su Unione bancaria e riforma del Meccanismo di stabilità (Mes) meglio noto come fondo salva-Stati?Il Summit ha deciso che sarà il Mes a dare il backstop, la garanzia di

    – dal corrispondente Isabella Bufacchi

    • Agora

    Emmanuel Macron - Torti e ragioni di una voce grossa

    Il giovane e brillante presidente francese Emmanuel Macron è sostanzialmente impulsivo. Ha una innegabile capacità retorica e non esita a farne uso, tanto più che ha una elevata opinione di sé. Nelle ultime settimane è stato protagonista di un incredibile botta e risposta con una fetta della classe politica italiana. Di recente, ha messo in guardia contro "la lebbra" rappresentata dai movimenti più nazionalisti, dopo che il ministro degli Interni italiano Matteo Salvini aveva annunciato un censi...

    – Beda Romano

    • News24

    Libia, l'attivismo diplomatico di Macron che rischia di spiazzare l'Italia

    La sfida diplomatica che si sta giocando sulla Libia somiglia a una partita a scacchi. Un vincitore ancora non c'è. Ma uno dei due giocatori, l'Italia, sta perdendo pezzi importanti. Se c'è un Paese che negli ultimi mesi si è distinto per il suo dinamismo questa è la Francia.

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Gli affari di Bolloré in Camerun e Gabon tra porti, treni e tabacco

    Le mani di Bollorè sull'Africa Occidentale e Centrale: Togo, Guinea ma anche la Costa d'Avorio, fino al Camerun e al Gabon. Negli ultimi venti anni l'uomo d'affari francese ha costruito una posizione quasi monopolistica in molti Paesi dell'area, una vera «cash machine» capace di generare tra 700 e

    – di Carlo Festa

    • News24

    Ora è Parigi l'anello forte della politica estera europea

    Fare grande la Francia, encore. Emmanuel Macron non può dirlo: Donald Trump, in un certo senso gli ha rubato lo slogan e gli ha dato una connotazione che al presidente francese probabilmente non piace. «Make our planet great again» è, piuttosto, la parafrasi adottata all'Eliseo, nella quale la

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Scioperi in Francia, la prova più dura per le riforme di Macron

    Ferrovieri, ma anche piloti, netturbini e addetti del settore energetico: tutti in agitazione da lunedì sera a domani mattina in Francia. Il colpo più duro è stato quello inferto dai macchinisti dei treni: ieri solo in due su dieci si sono presentati al lavoro, permettendo a un solo Tgv (i treni ad

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • Agora

    Recessione democratica

    Era dai tempi più difficili della Guerra fredda che l'Occidente non esibiva un'uguale unità d'intenti. Non l'aveva mostrata nelle guerre mediorientali di George Bush e di Nicolas Sarkozy, ritenendole sbagliate. L'ha fatto accanto alla Gran Bretagna nella sua reazione all'inaccettabile tentativo di omicidio dell'ex spia Sergei Skripal, usando dell'agente nervino. Sono stati 17 paesi della Ue e altri 7 dagli Stati Uniti al Canada, all'Australia, a espellere più di cento diplomatici russi. Non era...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    La benzina sul fuoco dell'italo-scetticismo

    Le elezioni italiane del 4 marzo hanno già modificato il confronto tra gli intellettuali europei sul futuro dell'euro. Giusto o sbagliato, il risultato del voto è stato interpretato come una espressione di contrarietà da parte della maggioranza dei cittadini italiani nei confronti delle ricette di

    – di Carlo Bastasin

    • News24

    Sanzioni, euro, debito: le scelte della Ue

    Non doveva succedere così. La formazione di un nuovo governo tedesco è durata così tanto che, solo dopo che le elezioni generali italiane del 4 marzo hanno provocato un terremoto politico, Francia e Germania hanno iniziato a lavorare sulla riforma dell'Eurozona.

    – di Jean Pisani Ferry

1-10 di 2447 risultati