Persone

Nicola Gratteri

Nicola Gratteri è nato il 22 luglio del 1958 a Gerace (RC) ed è un magistrato, ex Procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Reggio Calabria, attualmente Procuratore del Tribunale di Catanzaro.

Dopo aver conseguito la maturità scientifica si è laureato in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Catania per poi entrare in magistratura.

E' uno dei magistrati più noti della DDA (direzione distrettuale antimafia) in prima linea nella lotta contro la 'Ndrangheta (malavita organizzata calabrese) vive dall'aprile del 1989 sotto scorta.

Il 2009 è stato nominato procuratore aggiunto della Repubblica presso il tribunale di Reggio Calabria.

Durante il Governo Letta è stato designato componente della task force per l'elaborazione di proposte in tema di lotta alla criminalità organizzata e nel febbraio del 2014 è circolato il suo nome quale candidato alla carica di Ministro della Giustizia ma infine ha prevalso a nomina dell'attuale Ministro Andrea Orlando.

Il 27 febbraio del 2014 è stato nominato dalla presidentessa Rosy Bindi, consigliere della Commissione parlamentare antimafia ed il 1° agosto del 2014 l'attuale premier Matteo Renzi lo ha nominato Presidente della commissione per l'elaborazione di proposte normative in tema di lotta alle mafie.

Nicola Gratteri ha partecipato a diversi programmi televisivi, è stato insignito di numerosi riconoscimenti ed ha scritto numerose opere dedicate al tema della criminalità organizzata, tra queste vanno ricordate, "La Malapianta" (2010), "'Ndrangheta Le radici dell'odio" (2010), "La mafia fa schifo. Lettere di ragazzi da un paese che non si rassegna" (2011), "La giustizia è una cosa seria" (2011), "Dire e non dire. I dieci comandamenti della 'ndrangheta nelle parole degli affiliati" (2012), "Acqua santissima" (2013), "Male lingue" (2014) e "Oro Bianco", (2015).

E' sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 21 aprile 2016

Ultime notizie su Nicola Gratteri
    • Agora

    Lotta alle mafie/4 Alessandro Pansa (Dis): «La mafia del bidone di Totò Riina sarà sostituita dalle mafie del bitcoin».

    L'aspetto innovativo e per questo di maggiore interesse degli Stati generali della lotta contro le mafie della scorsa settimana a Milano è stato l'unico a non essere approfondito pubblicamente, se non dal direttore generale del dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis) Alessandro Pansa. L'aspetto, diciamolo subito, è quello del deep web, all'interno del quale si nascondano insidie e pericoli inimmaginabili per la stessa tenuta democratica dei Paesi (è stato lo stesso Pansa a ricord...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Roberti: legalizzare la cannabis per sconfiggere i clan

    «Abbiamo chiesto al Parlamento e al Governo una scelta che non si può eludere: o si mettono in campo tutte le risorse per combattere il traffico di droghe leggere, o diamo allo Stato il monopolio della produzione e vendita delle droghe leggere, senza per questo far venir meno il disvalore morale di

    • News24

    Mafia, l'asse degli affari siculo-tedeschi alimentato dal narcotraffico

    Tra Gela e Berlino ci sono 2.372 chilometri e, ammesso che lo Stretto e la Salerno-Reggio Calabria lo permettano, 25 ore di viaggio in macchina. Può questa distanza tra la Sicilia e la capitale della Germania scoraggiare clan di Cosa nostra che non conoscono confini per i propri affari?

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Il compito di tenere i rapporti con la 'ndrangheta militare è dei «politici servi»: parola del tribunale del Riesame di Reggio Calabria

    Amati lettori di questo umile e umido blog, da alcuni giorni racconto i contenuti dell'ordinanza emessa il 7 agosto a carico di Paolo Romeo (già condannato con sentenza passato in giudicato per concorso esterno in associazione mafiosa) dopo il rinvio disposto dalla Cassazione. La sezione del Riesame del tribunale di Reggio Calabria - presidente Tiziana Drago, Erica Passalalpi e il giudice relatore Angela Giunta - ha stabilito che ci sono tutti gli elementi per «affermare l'esistenza dell'autonom...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Giorgio De Stefano, la 'ndrangheta delle "immaginette" e la creazione dei "segreti" tra i mammasantissima

    Amati lettori di questo umile e umido blog, da alcuni giorni racconto i contenuti dell'ordinanza emessa il 7 agosto a carico di Paolo Romeo (già condannato con sentenza passato in giudicato per concorso esterno in associazione mafiosa) dopo il rinvio disposto dalla Cassazione. La sezione del Riesame del tribunale di Reggio Calabria - presidente Tiziana Drago, Erica Passalalpi e il giudice relatore Angela Giunta - ha stabilito che ci sono tutti gli elementi per «affermare l'esistenza dell'autonom...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Una massoneria nella massoneria: ecco la culla dei mammasantissima di 'ndrangheta (non ancora svelati) secondo il pentito Virgiglio

    Amati lettori di questo umile e umido blog, da alcuni giorni racconto i contenuti dell'ordinanza emessa il 7 agosto a carico di Paolo Romeo (già condannato con sentenza passato in giudicato per concorso esterno in associazione mafiosa e, forse per questo, servito e riverito dai cosiddetti salotti della Reggio bene) dopo il rinvio disposto dalla Cassazione. La sezione del Riesame del tribunale di Reggio Calabria - presidente Tiziana Drago, Erica Passalalpi e il giudice relatore Angela Giunta - ha...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Cupola riservata della 'ndrangheta: anche per il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria è tutta un'altra storia rispetto al passato

    Per i magistrati della sezione del Riesame del tribunale di Reggio Calabria - tutte donne, la presidente Tiziana Drago, Erica Passalalpi e il giudice relatore Angela Giunta - non ci sono dubbi. Per l'avvocato Paolo Romeo «...anche alla luce delle più recenti acquisizioni investigative, deve ritenersi confermato il suo attuale ruolo di componente apicale della direzione strategica della 'ndrangheta, chiamata ad operare ad un livello superiore rispetto alle sue singole articolazioni territoriali e...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Presa Diretta (Rai3) scopre i "mammasantissima" sopra la 'ndrangheta, Nicola Gratteri li punta e Rosy Bindi li mette a nudo

    Anche Nicola Gratteri, capo della Procura di Catanzaro non ha dubbi: il gotha massopolimafioso che i suoi ex colleghi della Dda di Reggio Calabria stanno portando alla luce in riva allo Stretto, è un modello replicabile ovunque. Non solo in Italia, visto che nord e sud, est od ovest del mondo, come ama ricordare il pm, sono solo punti cardinali che non possono certo ingabbiare i confini virtuali delle mafie. Quei mammasantissima invisibili e riservati - oggi alle 21.15 al centro della puntata di...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Il "ghetto" di San Ferdinando, immigrati trasferiti in un nuovo centro

    Il ghetto di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria, è acqua passata. Nello scorso week end, gli immigrati accampati nella vecchia tendopoli, 364 lavoratori stagionali nelle campagne di Rosarno e nei comuni della Piana di Gioia Tauro, sono stati trasferiti in un nuovo centro allestito

    – di Donata Marrazzo

    • News24

    Le mani su Reggio Calabria: sul piatto lavori per 500 milioni

    Il rumore - finora - è rimasto in riva allo Stretto ma presto deflagrerà nelle stanze romane, anche alla luce del fatto che c'è chi, per verificare eventuali condizionamenti mafiosi nel Comune, ha rilanciato la richiesta al ministero dell'Interno di una Commissione d'accesso agli atti del municipio.

    – di Roberto Galullo

1-10 di 243 risultati