Persone

Nicola Gratteri

Nicola Gratteri è nato il 22 luglio del 1958 a Gerace (RC) ed è un magistrato, ex Procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Reggio Calabria, attualmente Procuratore del Tribunale di Catanzaro.

Dopo aver conseguito la maturità scientifica si è laureato in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Catania per poi entrare in magistratura.

E' uno dei magistrati più noti della DDA (direzione distrettuale antimafia) in prima linea nella lotta contro la 'Ndrangheta (malavita organizzata calabrese) vive dall'aprile del 1989 sotto scorta.

Il 2009 è stato nominato procuratore aggiunto della Repubblica presso il tribunale di Reggio Calabria.

Durante il Governo Letta è stato designato componente della task force per l'elaborazione di proposte in tema di lotta alla criminalità organizzata e nel febbraio del 2014 è circolato il suo nome quale candidato alla carica di Ministro della Giustizia ma infine ha prevalso a nomina dell'attuale Ministro Andrea Orlando.

Il 27 febbraio del 2014 è stato nominato dalla presidentessa Rosy Bindi, consigliere della Commissione parlamentare antimafia ed il 1° agosto del 2014 l'attuale premier Matteo Renzi lo ha nominato Presidente della commissione per l'elaborazione di proposte normative in tema di lotta alle mafie.

Nicola Gratteri ha partecipato a diversi programmi televisivi, è stato insignito di numerosi riconoscimenti ed ha scritto numerose opere dedicate al tema della criminalità organizzata, tra queste vanno ricordate, "La Malapianta" (2010), "'Ndrangheta Le radici dell'odio" (2010), "La mafia fa schifo. Lettere di ragazzi da un paese che non si rassegna" (2011), "La giustizia è una cosa seria" (2011), "Dire e non dire. I dieci comandamenti della 'ndrangheta nelle parole degli affiliati" (2012), "Acqua santissima" (2013), "Male lingue" (2014) e "Oro Bianco", (2015).

E' sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 21 aprile 2016

Ultime notizie su Nicola Gratteri
    • News24

    'Ndrangheta, nel mirino lavori ferroviari in Liguria

    Il raddoppio della linea ferroviaria in Liguria tra Savona e Imperia era caduto nelle mani sbagliate. Tra le società appena sequestrate su imput della Dda di Catanzaro figura la "Costruzioni Generali s.r.l.", affidataria, in subappalto, di lavori per la realizzazione del "raddoppio" della linea

    – di Roberto Galullo

    • News24

    L'allarme di Gratteri: «Dalla Brexit un assist per le mafie»

    Nicola Gratteri, 59 anni, di Gerace (Reggio Calabria), da un anno capo della Procura della Repubblica di Catanzaro e da ben 28 sotto scorta 24 ore al giorno, è il magistrato giusto per affrontare il tema della Brexit e dei profili che possono legarla a nuovi vantaggi per le mafie di ogni parte del

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    • News24

    Londra lavatrice mondiale del denaro sporco: 100 miliardi riciclati all'anno

    La più grande lavanderia mondiale di denaro sporco ha l'aspetto tranquillizzante degli edifici di Belgravia, di Knightsbridge e di Mayfair. Ha il volto rispettabile dei banchieri della City e di Canary Wharf, e il suono delle Ferrari che il sabato mattina ruggiscono attorno a Grosvenor Square.

    – di R. Galullo e A. Mincuzzi

    • News24

    Fiume di denaro: Brexit, Londra e il denaro sporco

    Le acque del Tamigi portano via i timori dei riciclatori di tutto il mondo. Per loro la Brexit è solo una parola. L'uscita dal mercato europeo infatti non tocca la più grande lavanderia mondiale di denaro sporco: Londra. Anzi, il divorzio dall'Unione europea potrebbe attrarre ancora di più nella

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    • Agora

    Fondazione La Malfa e Mediobanca promuovono il Sud Italia

    Oggi il Sud finalmente può festeggiare. Altre due istituzioni, dopo lo Svimez, hanno certificato che il Mezzogiorno d'Italia sta economicamente risalendo la china. La Fondazione La Malfa assieme a Mediobanca hanno evidenziato in questo rapporto che ci sono aziende del Sud Italia che addirittura vanno meglio di quelle del Nord Est. Ne scrive oggi in prima pagina del Sole24Ore il collega Carmine Fotina. Certo vi è il contesto Sud da migliorare (criminalità e corruzione innanzitutto). Ma ci sono...

    – Vitaliano D'Angerio

    • News24

    Locri, in migliaia contro le mafie. Don Ciotti: «Siamo tutti sbirri»

    Sono stati 25 mila i partecipanti al corteo organizzato da Libera a Locri per la Giornata della memoria e dell'impegno per le vittime innocenti delle mafie. Cinquecentomila le presenze nei quattromila luoghi italiani in cui, in contemporanea a Locri, si è svolta la giornata. A riferirlo è stata la

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Locri, scritte sul muro del Vescovado in «risposta» alla giornata anti-mafia

    La risposta - vigliaccamente - è arrivata il giorno dopo la visita del capo dello Stato a Locri. La regia mafiosa che in Calabria detta legge in ampi strati della popolazione, dell'economia e della società, ha aspettato che si spegnessero i riflettori dello Stato e di Libera in occasione della

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Sequestrato il parco eolico di Isola di Capo Rizzuto

    Il vento spira contro la cosca Arena. La Gdf di Catanzaro ha infatti appena sequestrato il parco eolico Wind Farm: 48 aerogeneratori e opere accessorie nel territorio di Isola di Capo Rizzuto (Crotone). La misura è stata firmata dalla sezione penale del Tribunale di Crotone (presidente Maria

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Sotto la lente la gestione finanziaria della Fondazione Santa Maria Goretti

    Gli ordini della raccolta e della gestione di provviste finanziarie da destinare ad investimenti sul mercato internazionale della Fondazione Santa Maria Goretti, con sede in Città del Vaticano, rimbalzavano tra Losanna e Belmonte Calabro (Cosenza).Un percorso tortuoso sul quale ha acceso i

    – di Roberto Galullo

    • News24

    'ndrangheta: arrestato ex assessore Calabria, «Robin Hood» al contrario

    In Calabria la storia di Robin Hood si declina al contrario: i soldi destinati alle famiglie calabresi in difficoltà finivano in gran parte nelle tasche di politici e amministratori, oltre che in conti in Svizzera. Oppure andavano nel portafoglio dei clientes sull'agenda della politica. Il tutto

    – di Roberto Galullo

1-10 di 226 risultati