Persone

Nick Clegg

Nick Clegg (Nicholas William Peter Clegg) è un politico britannico, leader del Partito Liberal Democratico (LibDem) e vice-Primo ministro del Regno Unito.

Nasce il 7 gennaio 1967 a Chalfon St.Giles e dopo essersi diplomato alla Westminster School di Londra, intraprende gli studi di archeologia e antropologia al Robinson College di Cambridge, studi che perfezionerà alla University of Minnesota e al Collegio d’Europa.

Nel 1999 assume l'incarico di parlamentare europeo nella circoscrizione dell’East Midlands, incarico che ricoprirà fino al 2004, termine del mandato.

Nel 2005 viene eletto parlamentare nel collegio di Sheffield Hallam e l’anno seguente diviene il portavoce del partito per la politica interna. Nel 2007 sale alla guida dei LibDem, il partito Liberal Democratico. I LibDem, la terza forza politica britannica, sotto la guida di Nick Clegg stanno riscuotendo un ampio consenso nel Paese.

Dal 30 gennaio 2008 Nick Clegg è anche membro del Consiglio Privato di Sua Maestà.

Nelle elezioni generali del 2010 i LibDem ottengono un discreto successo elettorale che consentono loro di detenere una quota decisiva di parlamentari nella Camera dei Comuni. L'alleanza con i Tories di David Cameron ha fatto nascere un governo di coalizione in cui Clegg ha assunto il ruolo di vice-Primo Ministro.

È sposato con Miriam González Durántez, con la quale ha avuto tre figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Nick Clegg
    • News24

    Le ragioni democratiche per fermare la Brexit

    Al momento si tratta ancora prevalentemente di politici non più in attività, come Tony Blair e Nick Clegg, che dichiarano apertamente di voler impedire che il Regno Unito lasci l'Unione Europea.

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Theresa May senza maggioranza: spazzati via Ukip e hard Brexit

    Theresa May era arrivata prima dell'alba nel quartiere elettorale del suo partito, dopo aver trascorso la notte nel suo collegio elettorale; ha parlato con i capi Tory, è poi rientrata a Downing Street. Citi - ma probabilmente tutta la City - predice «un periodo di incertezza politica» e si aspetta

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Gran Bretagna, prestiti e tasse universitarie alle stelle

    Debiti oltre le 40mila sterline a laureato, rialzo dei tassi di interesse sui prestiti per gli studi e l'ipotesi di rincaro per rette che viaggiano già sulle 9mile sterline l'anno. Il tutto, in vista di una Brexit che sta già facendo diminuire le iscrizioni e rischia di favorire la fuga all'estero

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Gb alle urne, ultima chiamata per il fronte degli anti-Brexit

    LONDRA - La speranza che l'elettorato possa percepire le elezioni politiche di oggi in Gran Bretagna come una prova d'appello del referendum che nel giugno scorso sancì la Brexit si è, probabilmente, spenta con gli attentati di Manchester e Londra. Negli ultimi giorni l'attenzione è stata dirottata

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Regno Unito al voto: May in difficoltà si aggrappa al tema sicurezza

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTELONDRA - Arroccati sui temi più vicini alle sensibilità del proprio elettorato, Theresa May, Jeremy Corbyn e Tim Farron chiudono la campagna elettorale in vista del voto di oggi - urne aperte in tutto il Regno dalle 7 alle 22 - in un'esplosione di polemiche. La sicurezza

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Schiaffo ai Tory a Richmond: vince la candidata anti-Brexit

    LONDRA - Il primo altolà al premier britannico Theresa May è giunto ieri da un collegio amico, il ricco e conservatorissimo sobborgo londinese di Richmond dove, nel voto suppletivo, è stata eletta deputata a Westminster, ribaltando uno scarto di 23mila voti, la candidata del partito LibDem,

    – dal nostro corrispondente Leonardo Maisano

    • News24

    Theresa May: «Non cambia nulla»

    La fiducia ostentata dal premier britannico Theresa May a poche ore da una sentenza che cestina, di fatto, la sua strategia politica sbatte con la virulenza della stampa popolare.

    – di Leonardo Maisano

    • Econopoly

    Perché Brexit non si farà (e come dovrebbe muoversi l'Europa)

    All'indomani del referendum, quando David Cameron ha annunciato le sue dimissioni e la decisione di passare al prossimo governo britannico il compito di notificare al Consiglio europeo la volontà del Regno Unito di uscire dall'Ue - in linea con l'articolo 50 del Trattato sul funzionamento dell'Unione Europea - quasi nessuno ne ha intuito l'importanza per il futuro della Brexit. Ogni giorno che passa, tuttavia, quella decisione assume un'importanza sempre più grande e potrebbe fornire uno strumen...

    – Diego Valiante

    • Econopoly

    Lezione di inglese a Renzi: vincere le elezioni creando lavoro

    Mentre la sinistra inglese guidata da Ed Miliband - ora dimissionario dopo la sconfitta elettorale - si presentava agli elettori con un programma di deficit spending keynesiano, David Cameron vinceva le elezioni nel Regno Unito anche grazie al taglio della spesa pubblica corrente. In questi ultimi anni il leader dei conservatori ha: 1) ridotto di 500mila persone l'organico della Pubblica Amministrazione; 2) tagliato la spesa pubblica ritenuta improduttiva; 3) tagliato le imposte. Il dato più...

    – Beniamino Piccone

1-10 di 244 risultati