Persone

Nichi Vendola

Nato a Bari il 26 agosto 1958, Nichi Vendola è un politico italiano che attualmente ha l’incarico di Presidente della Regione Puglia. Iscritto dal 1972 al Pci, Nichi Vendola si è laureato in Lettere a Bari e ha lavorato come giornalista presso L’Unità. Nei primi anni Ottanta ha partecipato alla fondazione dell’associazione Arcigay per i diritti degli omosessuali e nel 1990 è entrato a far parte del Comitato Centrale del Pci. L’anno successivo, contrario alla “svolta della Bolognina” e alla trasformazione del Pci in Pds, Nichi Vendola è stato tra i fondatori di Rifondazione Comunista: per questo partito viene eletto alla Camera nel 1992 e nelle tre successive consultazioni, restando in Parlamento fino al 2005. In quell’anno ha vinto le “primarie” per la candidatura alla presidenza della Regione Puglia, come candidato della coalizione di centrosinistra L’Unione, ed è stato poi eletto governatore. Nel 2009 Nichi Vendola ha lasciato Rifondazione per fondare il gruppo politico “Sinistra e Libertà”, che nello stesso anno ha cambiato nome in “Sinistra Ecologia Libertà”, e del quale è portavoce. Alle elezioni del 2010 è confermato alla guida della Regione Puglia.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Nichi Vendola
    • News24

    Un'alleanza ipotetica di 14 sigle: così torna l'incubo Unione

    Un'area in cui ritroviamo ora Mdp di Pier Luigi Bersani, Sinistra italiana di Nichi Vendola e Nicola Fratoianni, Possibile di Pippo Civati (che potrebbe federarsi sotto un unico tetto) oltre a Campo progressista che fa riferimento a Giuliano Pisapia.

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Il Pd aspetta i ballottaggi e studia la coalizione larga

    I primi dati sulle comunali 2017 fanno tirare un sospiro di sollievo a Matteo Renzi e al gruppo dirigente del Pd. Il principale avversario, il M5s, è infatti rimasto fuori dai ballottaggi delle grandi città, a partire da Genova, patria di Beppe Grillo e diventata terreno di una faida interna. Il

    – di Emilia Patta

    • News24

    Ilva: oggi e domani il processo «Ambiente svenduto» entra nel vivo

    Chiusa la fase preliminare, confermato il mantenimento in Corte d'Assise a Taranto ed esclusa dal patteggiamento l'ex Riva Fire, oggi Partecipazioni Industriali, il processo «Ambiente Svenduto» entra oggi e domani nel vivo con l'ascolto dei primi 21 testimoni citati dalla Procura. Il processo è

    – di Domenico Palmiotti

    • News24

    Primarie Pd, Renzi e l'obiettivo di superare quota 1,3 milioni di voti

    Le primarie Pd, con il confronto tv fra i tre candidati Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano, entrano nel vivo, in vista delle votazioni di domenica prossima. Il risultato pare al momento scontato, con la riconferma del segretario uscente. Sotto la lente saranno soprattutto due numeri:

    – di Andrea Marini

    • News24

    Ilva e Riva Forni Elettrici verso il patteggiamento

    Il processo per il disastro ambientale contestato all'Ilva non «trasloca» più dalla Corte d'Assise di Taranto a quella di Potenza: non c'è alcun conflitto e i giudici tarantini possono pronunciarsi. Due dei 47 imputati, e cioè le società Ilva e Riva Forni Elettrici (la prima in amministrazione

    – di Domenico Palmiotti

    • News24

    «Porte chiuse a Renzi», Sinistra Italiana a congresso

    «Qui nasce una sinistra che non vuole piu' travestirsi da destra. Troppe volte la sinistra fa la sinistra solo in campagna elettorale e una volta al potere attua le politiche della destra, come ha fatto Renzi. Noi siamo la sinistra alternativa a questa terribile resa alle politiche liberiste». A

    • News24

    Si allarga il fronte del no al voto anticipato Nel Pd avanza il premio alla coalizione

    Sì alle primarie per la premiership del centrosinistra, con la possibile data del 24 marzo, e sì alla formazione di un fronte più largo del Pd, con una parte del centro e la sinistra di governo che si sta costruendo attorno a Giuliano Pisapia. Con la conseguenza che alla Camera potrebbe sparire il

    – di Emilia Patta

    • News24

    Italicum, Lega: data della Consulta irricevibile, anticipi la sentenza

    La Lega Nord, alla luce della riunione con Matteo Salvini per discutere sulla situazione politica, chiede «ufficialmente alla Consulta di anticipare entro l'anno la sentenza sulla costituzionalità dell'Italicum». Sono i capigruppo della Lega Nord, Gianmarco Centinaio e Massimiliano Fedriga, a

1-10 di 1334 risultati