Aziende

Netflix

Netflix è un'azienda nata a Los Gatos (California) nel 1997 che distribuisce attraverso una piattaforma online a pagamento film, serie televisive e documentari in streaming.

Il fondatore è Reed Hasting che iniziò l’attività offrendo un servizio di noleggio online di dvd e videogiochi. Dopo 20 anni il business Netflix si è trasformato in una società quotata al Nasdaq con una capitalizzazione da 78 miliardi di dollari 104 milioni di abbonati (dati luglio 2017).

Netflix è diventata la più grande rete di Internet TV del mondo, con oltre 100 milioni di utenti in più di 190 paesi, che ogni giorno guardano più di 125 milioni di ore di programmi televisivi e film, tra cui serie originali (le più famose “Orange is the new black” e “House of cards”, “Breaking Bad”, “Stranger Things”) documentari e lungometraggi. Gli abbonati possono guardare tutto ciò che vogliono in qualsiasi momento, ovunque e in pratica su ogni schermo connesso a Internet.

Ultimo aggiornamento 21 luglio 2017

Ultime notizie su Netflix
    • NovaCento

    I flussi televisivi di ieri, di oggi e di domani

    ...Landau, dal titolo Netflix e le altre. ... In occasione della pubblicazione in Italia di questo libro, nell'incontro di domani alla Casa del Cinema, Neil Landau, Barbara Petronio (co-autrice di Romanzo Criminale - la serie e di Suburra: la serie, primo prodotto italiano targato Netflix) e...

    – Gabriele Caramellino

    • News24

    Cinema, «guerre stellari» tra le major sui contenuti audiovisivi

    Poi c'è il nuovo mondo delle conglomerate hi-tech: da Apple ad Amazon, da Alphabet a Facebook e Netflix. ... La più attiva è Netflix, prima a scommettere sui contenuti originali attraverso produzione di serie di successo come House of cards. ... Fa scuola, ancora una volta, Disney che ha negato il proprio catalogo a Netflix e nel 2019 lancerà un proprio catalogo straming. ... E se il sex gate che ha travolto Harvey Weinstein (uomo di fiducia delle major) e Kevin Spacey (volto di punta di Netflix)...

    – di Francesco Prisco

    • News24

    Disney pronta a chiudere con Murdoch

    Murdoch invece si arrende, passando ad altri il testimone nella gara tra vecchi e nuovi leader, un novero che vede la carica di colossi integrati di Tlc e media, dal contenuto alle piattaforme di distribuzione, e l'avanzata dei signori di Internet e hi-tech quali Netflix, Amazon, Facebook, Google e Apple.

    – Marco Valsania

    • News24

    Wall Street, chi vince e chi perde con la riforma fiscale di Trump

    Quali effetti avrà sulle singole azioni quotate a Wall Street la riforma fiscale di Trump, appena approvata dal Senato? Detto altrimenti: quali saranno i titoli che beneficeranno più degli altri della riduzione dal 35% al 20% della corporate tax?

    – di Enrico Marro

    • News24

    Disney alla stretta finale su Fox, impero Murdoch verso il capolinea

    La parola fine sull'impero di Rupert Murdoch potrebbe essere scritta la prossima settimana: i negoziati con Disney - e forse con Comcast - per la cessione di decine di miliardi di dollari di preziosi asset internazionali e di produzione cinematografica della 21st Century Fox potrebbero andare in

    – di Marco Valsania

    • News24

    L'industria marcia, ma non basta: serve un progetto Paese

    La grande traversata nel deserto della crisi è finita e l'Italia modello 2017, anche per il Censis, registra i primi effetti di un lento arricchimento sociale. E' però, secondo il centro studi fondato da Giuseppe De Rita, soltanto il primo innesco di uno sviluppo futuro, che, per realizzarsi

    – di Rossella Bocciarelli

    • Info Data

    L'equazione di Natale: il valore degli oggetti. iPhone X

    Anche Natale può essere misurato. Sopratutto nella sua declinazione più commerciale. Noi di Info Data in una chiave forse un po' venale abbiamo preso Babbo Natale dal lato dello scontrino. E' stato scelto un regalo, anzi no, un regalo mediamente costosetto e abbiamo cercato sul mercato una equivalenza di oggetti che sommati fornissero lo stesso prezzo. Perché? In primo luogo perché in una società di libero mercato il prezzo è una variabile spesso indipendente, quantomeno dall'utilità. Poi perché...

    – Luca Tremolada

    • News24

    Videogiochi (08-16 anni): guida per genitori analfabeti digitali

    Dai, lo sappiamo è l'età peggiore, è quella dove si trasformano da bimbi a iene, quella dei brufoli, della voce che cambia e dell'adolescente insolente. Anche l'industria dei videogiochi lo sa bene. E infatti non sa neanche lei come comportarsi. Quando passano da Super Mario a Fifa, cambia tutto. E'

    – di Luca Tremolada

    • Info Data

    Il futuro delle Telco , il declino dei servizi tradizionali e i numeri

    Dal 2011 Amazon, Facebook, Google e Netflix hanno messo agli atti una crescita dei ricavi in percentuali fra il 20 e il 37%, ogni anno. Gli operatori di telefonia mobile nel mondo quelle percentuali però se le sognano. Al massimo si parla del 6% di crescita dei ricavi, ma nel 2011. Lontano ricordo. Dal 2014 non si va più in là del +2%, a livello mondiale, mettendo insieme i big, da AT&T a Verizon a Vodafone a Telefónica alle telco più piccole. E ancora: dal 2010 a oggi Apple, Google, Amazon, F...

    – Infodata

    • Info Data

    L'equazione di Natale: il valore degli oggetti. iPhone X

    Anche Natale può essere misurato. Sopratutto nella sua declinazione più commerciale. Noi di Info Data in una chiave forse un po' venale abbiamo preso Babbo Natale dal lato dello scontrino. E' stato scelto un regalo, anzi no, un regalo mediamente costosetto e abbiamo cercato sul mercato una equivalenza di oggetti che sommati fornissero lo stesso prezzo. Perché? In primo luogo perché in una società di libero mercato il prezzo è una variabile spesso indipendente, quantomeno dall'utilità. Poi perché...

    – Luca Tremolada

1-10 di 787 risultati