Aziende

Nestlé

Nestlé Sa o Société des Produits Nestlé Sa è la più grande azienda mondiale nel settore alimentare. Con sede a Vevey, in Svizzera, produce e distribuisce prodotti alimentari, dall'acqua minerale agli omogeneizzati e dai surgelati ai latticini. Nestlé Sa conta su 1.600 dipendenti. Nel 2009 il gruppo si è attestato su un fatturato di 107.6 miliardi di Chf (789,794 miliardi di euro).

Nestlé Sa è stata fondata nel 1866 dal farmacista Henri Nestlé, che ha sviluppato un alimento per i neonati non allattati al seno. Nel 1866 è stata formalmente fondata la Nestlé e nel 1905, l’azienda si è fusa con Anglo-Swiss Condensed Milk Company. Dopo aver acquisito fabbriche negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Spagna e in molti Paesi in via di sviluppo, specialmente America latina. Nel 1947 Nestlé Sa si è unita a Maggi. Sono seguite Crosse & Blackwell nel 1950, Findus (1963), Libby's (1971) e Stouffer's (1973). È stata inoltre realizzata una shareholding con L'Oréal (1974. Nel 1977 Nestlé Sa ha continuato a espandersi al di fuori del settore alimentare, acquisendo Alcon Laboratories. Nel 1984 è stato acquisita la statunitense Carnation. Nella prima metà degli anni ‘90, la caduta delle barriere commerciali ha fornito a Nestlé nuovi mercati nei quali espandersi. Negli anni successivi sono avvenute le acquisizioni di: Sanpellegrino (1997), Spillers Petfoods (1998), Ralston Purina (2002), Dreyer's (2002), Chef America (2002) e Gerber (2007).

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Nestlé
    • News24

    La transizione di Nestlé: venderà la sua quota in L'Oréal?

    LUGANO - Il titolo Nestlé oggi a Zurigo è in leggero rialzo (+0,1%), ma la forte discesa di ieri (-2,1%), giorno dell'annuncio dei risultati 2017, ha lasciato il segno. Il fatto è che sulla piazza svizzera la multinazionale elvetica dell'alimentare è chiaramente un peso massimo e gli interrogativi

    – di Lino Terlizzi

    • Agora

    Vertenza Perugina, verso la proroga della Cassa integrazione e nuovi prepensionamenti

    Riprende il dialogo tra Nestlé e sindacati (sotto lo sguardo del viceministro Teresa Bellanova) sulla vertenza Perugina con 340 esuberi nello stabilimento di San Sisto e la Cig che scadrà a giugno. Almeno questo si intuisce dai comunicati e dichiarazioni dei sindacati. Non ci sono numeri precisi su adesioni volontarie, isopensioni e ricollocamenti incentivati, ma non c'è stata rottura. Nestlé non sembrava all'inizio propensa alla proroga della Cig ma ora c'è tempo fino a maggio per un accordo. ...

    – Emanuele Scarci

    • Agora

    Perugina, la soluzione per i 340 esuberi. Il 15 meeting al Mise

    Cioccolato meno amaro per Perugina. Sono una settantina i lavoratori della Perugina che hanno aderito alle proposte di esodo incentivato a cui vanno aggiunti 93 posizioni disponibili da altre aziende per ricollocamenti esterni, con incentivi. Questi aggiunti ai 150 contratti part time (Nestlè la scorsa settimana avrebbe avviato un sondaggio interno per raccogliere le disponibilità) e ai circa 30 che possono accedere alle isopensioni (prorogate a 7 anni con l'ultima legge di Bilancio) porterebber...

    – Emanuele Scarci

    • Agora

    La nuova strategia del caffè: big globali distribuendo anche soft drink

    Se le banche finanziano ci sarà pure una logica. Comunque la corsa al gigantismo nel caffè non basta più: ora per essere globali bisogna associare il caffè ai soft drink. Almeno questa è la strategia della famiglia tedesca Reimann che controlla Keurig (quarto distributore di caffè e macchine negli Stati Uniti):  quest'ultima ha rilevato l'americana Dr Pepper Snapple (terzo gruppo di soft drink) per 19 miliardi di dollari in contanti. Shopping miliardario Peraltro il fondo Jab dei Reinman due ann...

    – Emanuele Scarci

    • Info Data

    L'Italia del cibo: i numeri del M

    La zampata di Ferrero, che ha rilevato il segmento dolci della Nestlé negli Usa, è stata salutata come una boccata d'ossigeno da chi teme che il made in Italy alimentare sia sempre più preda degli investitori stranieri. Nell'anno del cibo italiano nel mondo i nostri marchi sono dunque diventati predatori? L'operazione Ferrero pesa parecchio sulla bilancia, tra barrette Butterfinger e caramelle weeTarts ci sono voluti 2,8 miliardi di euro. Ma se guardiamo agli ultimi tre anni delle operazioni d...

    – Il Sole 24 Ore del Lunedì

    • News24

    Medie imprese al contrattacco con l'arma dello shopping

    C'è un M&A di cui colpevolmente non si parla. E' quello delle piccole e medie imprese italiane. Certo: negli ultimi tempi l'Italia, dopo avere visto troppi suoi marchi finire in mani straniere, ha iniziato a battere qualche colpo con le sue big (le poche rimaste). Così: Prysmian ha acquisito la nord

    – di Vittorio Carlini

    • News24

    Le nuove sfide Ferrero dopo lo shopping negli Usa

    Da Alba al mondo. Prosegue la strategia di crescita per linee esterne - soldi e marchi in cambio di mercato e fatturato - inaugurata da Giovanni Ferrero all'indomani della scomparsa del padre, il Signor Michele, l'uomo della Nutella che era sempre riuscito a fare crescere, crescere, crescere il

    – di Paolo Bricco

    • Info Data

    La nuova mappa delle attività globali di Ferrero

    La conferma ufficiale arriva dopo settimane di indiscrezioni. Ferrero ha acquisito per 2,8 miliardi di dollari il business dolciario statunitense di Nestlè, battendo la controfferta Hershey. Venti brand, tre stabilimenti produttivi e un business che vale 900 milioni di dollari all'anno. E così il colosso di Alba, terzo produttore al mondo nel settore del cioccolato confezionato, diventa la terza più grande azienda dolciaria negli Usa. La notizia del deal è stata ufficializzata nel pomeriggio d...

    – Infodata

    • Agora

    Colpo grosso di Ferrero negli Usa: acquista per 2,8 miliardi il cioccolato Crunch

    e.scarci709@gmail.com ---------------------------- Alla fine Ferrero brucia i concorrenti e con una maxi offerta di 2,8 miliari di dollari acquisisce il business dolciario statunitense di cui la "nuova" Nestlé voleva sbarazzarsi.  La più costosa operazione di acqusizione nella storia di Alba. Sono una ventina i brand acquisiti da Nestlé ma tra questi non c'è la barretta Kit Kat (nota anche in Italia) come si era pensato in un primo momento.  Comunque ci sono alcuni marchi definiti "iconici": il ...

    – Emanuele Scarci

1-10 di 441 risultati