Persone

Nanni Moretti

Giovanni (meglio noto come "Nanni") Moretti è nato il 19 agosto del 1953 a Brunico (BZ) ed è cresciuto a Roma, è un regista, attore, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Dopo gli studi al liceo classico Lucrezio Caro di Roma, ed al Dams di Bologna, Nanni Moretti ha intrapreso la carriera di regista cinematografico, firmando nel 1976 il suo primo lungometraggio “Io sono un autarchico”.

Nel 1978 Moretti produce il suo primo film dal titolo “Ecce bombo”, che viene presentato anche al Festival del Cinema di Cannes, riscuotendo ottime critiche.

Dopo la poco fortunata pellicola del 1981 “Sogni d’oro”, Nanni Moretti ha di nuovo successo con “Bianca” del 1984, mentre nel 1985, con “La messa è finita”, vince l’Orso d’Argento al Festival di Berlino.

Nel 1989 gira il film “Palombella rossa”, mentre “Caro diario” del 1993 è la pellicola che gli fa vincere il Festival di Cannes.

Nel 1998 esce il film “Aprile”, mentre nel 2001 la pellicola di successo “La stanza del figlio” gli consente di riconquistare la Palma d’Oro al Festival di Cannes.

Nel 2006 dirige il fim “Il caimano”, ispirato alla figura di Silvio Berlusconi, lungometraggio che ha suscitato numerose polemiche.

Nel 2008 è protagonista e sceneggiatore del film Caos calmo, tratto dall'omonimo libro di Sandro Veronesi e diretto da Antonello Grimaldi

Il 15 aprile del 2011 è uscito il suo undicesimo film "Habemus Papam", prodotto con la casa di produzione Sacher Film, assieme a Fandango, Rai Cinema ed alla società francese Le Pacte

il 16 aprile 2015 esce il suo ultimo film "Mia madre" che sarà presentato in concorso al 68º Festival di Cannes.

Il 21 maggio 2012 è stato conferito a Moretti il titolo di Commandeur de l'ordre des Arts et Lettres (Commendatore delle Arti e delle Lettere) dal Ministro della cultura francese

Nanni Moretti è stato compagno di Silvia Nono, che nel 1996 lo ha reso padre di Pietro.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Nanni Moretti
    • News24

    La scommessa della crescita, senza la stampella del Qe

    Dopo la Bce,che ha appena ridimensionato la crescita dell' eurozona, portando l'incremento di prodotto stimato per quest'anno da un più 2,4 a un più 2,1, anche Bankitalia sforbicia l'outlook del nostro paese, limando il Pil di uno 0,1 per cento per l'intero triennio 2018-2020. Lo sviluppo previsto

    – di Rossella Bocciarelli

    • News24

    L'anteprima di «Loro»: sesso, droga e corruzione nel film su Berlusconi

    Sul sottofondo di una canzone napoletana Loro 1, prima parte dell'attesissimo film di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi, da domani nei cinema, inizia riproducendo il muso di un animale. Una carrellata - di quelle che hanno reso celebre il regista napoletano- rivela che il muso appartiene a una

    – di Cristina Battocletti

    • News24

    Le parole sono importanti per vivere meglio. Anche in azienda

    In politica, pensano in molti, le parole stazionano spesso nei territori del bla-bla oppure dell'estenuazione oppure dell'ostilità. Parole superficiali, vuote, inconsistenti. Oppure logore, sfinite, sfiancate. O addirittura offensive, umilianti, violente. Bene (o meglio, male): e nelle aziende? Che

    – di Alberto Fedel *

    • NovaCento

    I numerosi personaggi del film della creatività

    Nell'immagine: Alberto Abruzzese, attore, sul set del film Orecchie (Italia, 2016). Alle sue spalle, il regista del film, Alessandro Aronadio. Il film Orecchie è stato diretto da un regista 40enne (Aronadio è un classe 1975, siciliano), ed è una commedia un po' fuori dagli schemi: un giorno, un uomo si sveglia con un fastidioso fischio alle orecchie, e trova un post-it sul frigorifero, lasciato dalla fidanzata, che gli comunica la morte di un suo amico, del quale però non ricorda l'esistenza. D...

    – Gabriele Caramellino

    • News24

    Cinecittà compie 80 anni e festeggia con una mostra la magia del cinema italiano

    C'è una Sophia Loren, giovanissima, in posa per i paparazzi sul cofano di un'auto. Un Federico Fellini che asciuga i piedi di Anita Ekberg, dopo il bagno nella Fontana di Trevi per La Dolce Vita. Benito Mussolini, che nel gennaio 1936 pone la prima pietra dei futuri studios. Ma anche le maestranze

    – di Redazione Online

    • News24

    Renzi cede all'alleanza, ma rilancia: il Pd vince se attacca, non in difesa

    Innanzitutto, l'orgoglio delle cose fatte: «Rivendicare i risultati è un nostro dovere: il Paese non è ripartito per caso. Nel 2014 c'era chi voleva portare il Paese fuori dall'euro e chi lo ha portato fuori dalla crisi. Chi lo ha fatto si chiama Partito democratico, non altri». E orgoglio delle

    – di Emilia Patta

1-10 di 487 risultati