Persone

Naguib Sawiris

Naguib Onsi Sawiris è un imprenditore egiziano e un magnate delle telecomunicazioni. È Presidente e Amministratore delegato di Orascom Telecom, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Wind Telecomunicazioni Spa e di Mobinil. È uno degli uomini più ricchi dell’Africa ed è figlio di Onsi Sawiris, fondatore del gruppo Orascom.

Naguib Sawiris si è diplomato in Ingegneria meccanica con un master in Amministrazione tecnica all’Institute of Technology in Svizzera e successivamente ha conseguito un secondo diploma alla German Evangelical School del Cairo, in Egitto. Dal 1979, anno del suo ingresso nell'azienda di famiglia, Naguib Sawiris ha contribuito alla crescita di Orascom, potenziando i settori delle infrastrutture, dell’information tecnology e delle comunicazioni e nel 1997 costruendo la holding del gruppo. Nel 2005 ha incrementato il numero dei provider internet e dei satelliti, potenziando la copertura dell’operatore. Nello stesso anno Naguib Sawiris ha fondato la Weather Investment e ha guidato il leveraged buyout della partecipazione di controllo di Wind Telecommunications in Italia, di cui è stato nominato Presidente. Nel 2006 Wind Telecommunications ha emesso il più grande bond Pik mai emesso in Europa, utilizzando gli introiti per chiudere l'acquisto di Wind da Enel, operazione che ha portato la famiglia Sawiris a detenere il 98% del capitale di Weather. Nel 2008 in Corea del Nord, Sawiris ha lanciato il primo operatore mobile Koryolink e l’anno successivo Wind Mobile in Canada.

Naguib Sawiris è sposato e ha 4 figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Naguib Sawiris
    • News24

    Maximo Ibarra vola in Olanda: guiderà il colosso Kpn

    Ibarra, invece, per 4 anni, dal 2012 al 2016, era stato a capo di Wind, succedendo a Osama Bessada, uomo di fiducia del magnate egiziano Naguib Sawiris, allora proprietario di Wind; e dopo l'annuncio della mega-fusione tra Wind, nel frattempo passata sotte le insegne russe di Vimpelcom-Veon, e 3, la scelta del nuovo super ceo cade su di lui.

    – di Simone Filippetti

    • News24

    Wind e la sfida al «peccato originale» del debito

    Da dodici anni, Wind (ora diventata Wind Tre) si porta sulle spalle il macigno del debito: 10,7 miliardi che risalgono indietro nel tempo al 2005 quando il magnate egiziano Naguib Sawiris, che si comprò Wind ... Da dodici anni, Wind (ora diventata Wind Tre) si porta sulle spalle il macigno del debito: 10,7 miliardi che risalgono indietro nel tempo al 2005 quando il magnate egiziano Naguib Sawiris, che si comprò Wind con una scalata a debito da 12 miliardi, rimasta negli annali.

    – di Simone Filippetti

    • Agora

    F2i conquista Infracom: ora vuole unirla alla ex-Eutelia

    F2i sgr rientra nelle Tlc e ora guarda a costituire un vero e proprio polo. Tutto ruota attorno ad Infracom, la controllata italiana nelle Tlc finita ad Abertis, avuta in eredità lo scorso anno tramite l'acquisto delle rete autostradale della Serenissima. Il gruppo finanziario guidato da Renato Ravanelli ha infatti raggiunto un accordo con Serenissima Partecipazioni, società controllata dal gruppo spagnolo Abertis, per l'acquisto del 94,12% del capitale di Infracom Italia per un ammontare di 57,...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Il progetto di F2i di unire Infracom e la ex-Eutelia, Cloud Italia

    C'è un progetto sul tavolo sulla strada del riassetto futuro di Infracom, la controllata italiana nelle Tlc finita ad Abertis, avuta in eredità lo scorso anno tramite l'acquisto delle rete autostradale della Serenissima. Il gruppo spagnolo ha infatti deciso di cedere Infracom e in campo ci sono le offerte di player come la multinazionale statunitense Equinix, ma anche fondi come F2i, l'Accelero Capital di Naguib Sawiris e il gruppo finanziario statunitense Searchlight Capital Partners. Infine an...

    – Carlo Festa

    • News24

    Niente panico in Borsa per tensioni internazionali. Giù Mediaset

    Le tensioni internazionali innescate dall'attacco missilistico Usa in Siria e proseguite con l'attentato nel centro di Stoccolma - definito «terroristico» dal premier svedese - hanno rubato la scena agli appuntamenti centrali dell'ultima seduta settimanale dei mercati finanziari (l'incontro

    – di Eleonora Micheli e Andrea Fontana

    • News24

    Piazza Affari, la quota araba a 2,5 miliardi

    E' pari a 2 miliardi e 500 milioni di euro il controvalore delle partecipazioni azionarie nella Borsa di Milano che fanno capo a investitori arabi. Il dato emerge da un'elaborazione che Il Sole 24 Ore ha fatto su banca dati S&P Market Intelligence. Il primo investitore è Aabar Investments. Il fondo

    – Andrea Franceschi

    • News24

    Wind e 3, un miliardo di liquidità post-fusione

    I matrimoni nelle Tlc funzionano. O quantomeno sono necessari. In un paese stagnante, in un mercato saturo e ipercompetitivo, la fusione tra Wind e 3 è la dimostrazione che l'unico modo per crescere e aggregarsi. Wind e 3, che per anni, da single, erano gli eterni concorrenti, sempre dietro a

    – Sinone Filippetti

1-10 di 218 risultati