Persone

Muammar Gheddafi

Muammar Abū Minyar al-Qadhdhāfī è stato un politico libico. Il colonnello, dittatore di fatto con poteri assoluti, anche se non è stato mai investito di alcun incarico ufficiale, ha guidato la Libia per più di 40 anni. È stato la guida ideologica del colpo di Stato che nel 1969 ha portato alla caduta della monarchia del re Idris.

Tra il 1956 e il 1961 Muammar Gheddafi ha frequentato la scuola coranica di Sirte e si è diplomato all’Accademia militare di Bengasi nel 1968, dopo un periodo di specializzazione a Beaconsfiled, in Gran Bretagna. È stato nominato capitano dell'esercito all'età di 27 anni e il 1° settembre del 1969 ha guidato il colpo di Stato contro il sovrano, che ha portato alla proclamazione della Repubblica, guidata da un Consiglio del Comando della Rivoluzione composto da 12 militari di tendenze panarabe filo-nasseriane. Successivamente nominato colonnello, Muammar Gheddafi è salito a capo del Consiglio di Stato, instaurando il regime dittatoriale in Libia.


Nel 2011, a seguito della dura repressione esercitata durante una rivolta tra fazioni, il Tribunale Penale Internazionale, incrimina Gheddafi per crimini contro l'umanità, insieme al figlio Sayf al-Islam e al capo dei servizi segreti libici Abd Allah al-Sanussi. Il 20 ottobre 2011 rifugiatosi a Sirte, dopo la caduta di Tripoli, Gheddafi viene catturato vivo dai ribelli (con l'aiuto dei servizi segreti francesi), ferito alle gambe, torturato e ucciso con un colpo di pistola alla testa.

Dopo la sua morte la Libia è entrata in una nuova fase di aspra guerra civile. Nel Paese, ricco di petrolio, dove regna il caos vige ora la legge islamica della Shari'a ed è stata reintrodotta la poligamia.

Ultimo aggiornamento 26 luglio 2016

Ultime notizie su Muammar Gheddafi
    • News24

    La «guerra delle due monete» nella Libia spaccata a metà

    Le monete, fabbricate in rame, pesanti più dei nostri due euro e con inciso il disegno di una pianta che cresce sulle montagne verdi della Cirenaica (sull'altro lato è impressa la scritta «Banca centrale della Libia») sono state coniate dalla Zecca di un Paese, la Russia, che mese dopo mese sta brillantemente consolidando le sue già amichevoli relazioni con la regione della Libia dove si trova almeno l'80% delle riserve di greggio dell'ex regno di Muammar Gheddafi.

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Un errore di calcolo potrebbe provocare una guerra coreana. Ecco perché

    Il leader nordcoreano ha visto che cosa è successo ad altri dittatori che non sono riusciti ad acquisire queste armi - Saddam Hussein in Iraq e Muammar Gheddafi in Libia - e ha concluso che solo la potenza atomica può garantirgli la sua sopravvivenza.

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Corea del Nord, un arsenale atomico e chimico difficile da annientare

    Al di là dei programmi missilistici e atomici, che il regime di Pyongyang ha potenziato a partire dal 2004 per scongiurare il rischio di venire travolto come accadde a Saddam Hussein e più tardi a Muammar Gheddafi, a dissuadere l'ipotesi di attacco preventivo alla Corea del Nord sarebbe sufficiente la valutazione degli arsenali chimici di Kim, pari secondo alcune stime a 5mila tonnellate.

    – di Gianandrea Gaiani

    • News24

    Libia, le mosse degli «amici» e la Storia

    Il 30 agosto 2010, sei mesi prima dei bombardamenti, Muammar Gheddafi era stato ricevuto in pompa magna a Roma per firmare contratti miliardari: erano tutti contenti, maggioranza e opposizione, tutti egualmente responsabili, perché gli accordi con Gheddafi sono stati sostenuti sia dai governi di destra che da quelli di centro-sinistra.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Saif Gheddafi libero: quale ruolo può giocare nel caos Libia

    C'è chi lo vuole morto, subito. Chi invece sogna di vederlo alla guida della Libia, per riunire le tribù ancora fedeli al regime. Chi pretende sia consegnato all'Aja affinchè sia sottoposto ad un processo equo. Chi preferisce che stia nascosto, per carpire i tanti segreti di cui è a conoscenza,

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    La fabbrica delle élite francesi non conosce né crisi né recessioni

    Come si è arrivati a questo? E' ciò che si chiede gran parte del mondo, e la quasi totalità dell'élite francese, riguardo della seconda tornata delle presidenziali in Francia. Charles de Gaulle incluse il ballottaggio nella costituzione della V Repubblica per costringere i francesi a scegliere in

    – di Hugo Drochon

    • News24

    Perché gli Usa hanno poche opzioni contro la Nord Corea

    «Ho grande fiducia che la Cina si occuperà correttamente della Corea del Nord. Ma se non saranno in grado di farlo, lo faranno gli Stati Uniti con i loro alleati». Al di là degli slogan muscolari che Donald Trump ha affidato a Twitter le opzioni militari praticabili contro Pyongyang sono poche e

    – di Gianandrea Gaiani

    • News24

    Contro Pyongyang poche opzioni praticabili

    «Ho grande fiducia che la Cina si occuperà correttamente della Corea del Nord. Ma se non saranno in grado di farlo, lo faranno gli Stati Uniti con i loro alleati». Al di là degli slogan muscolari che Donald Trump ha affidato a Twitter le opzioni militari praticabili contro Pyongyang sono poche e

    – Gianandrea Gaiani

1-10 di 577 risultati