Persone

Muammar Gheddafi

Muammar Abū Minyar al-Qadhdhāfī è stato un politico libico. Il colonnello, dittatore di fatto con poteri assoluti, anche se non è stato mai investito di alcun incarico ufficiale, ha guidato la Libia per più di 40 anni. È stato la guida ideologica del colpo di Stato che nel 1969 ha portato alla caduta della monarchia del re Idris.

Tra il 1956 e il 1961 Muammar Gheddafi ha frequentato la scuola coranica di Sirte e si è diplomato all’Accademia militare di Bengasi nel 1968, dopo un periodo di specializzazione a Beaconsfiled, in Gran Bretagna. È stato nominato capitano dell'esercito all'età di 27 anni e il 1° settembre del 1969 ha guidato il colpo di Stato contro il sovrano, che ha portato alla proclamazione della Repubblica, guidata da un Consiglio del Comando della Rivoluzione composto da 12 militari di tendenze panarabe filo-nasseriane. Successivamente nominato colonnello, Muammar Gheddafi è salito a capo del Consiglio di Stato, instaurando il regime dittatoriale in Libia.


Nel 2011, a seguito della dura repressione esercitata durante una rivolta tra fazioni, il Tribunale Penale Internazionale, incrimina Gheddafi per crimini contro l'umanità, insieme al figlio Sayf al-Islam e al capo dei servizi segreti libici Abd Allah al-Sanussi. Il 20 ottobre 2011 rifugiatosi a Sirte, dopo la caduta di Tripoli, Gheddafi viene catturato vivo dai ribelli (con l'aiuto dei servizi segreti francesi), ferito alle gambe, torturato e ucciso con un colpo di pistola alla testa.

Dopo la sua morte la Libia è entrata in una nuova fase di aspra guerra civile. Nel Paese, ricco di petrolio, dove regna il caos vige ora la legge islamica della Shari'a ed è stata reintrodotta la poligamia.

Ultimo aggiornamento 26 luglio 2016

Ultime notizie su Muammar Gheddafi
    • News24

    Denuclearizzazione sì, ma per tutti

    Esistono due tipi di politica estera: una basata sul principio della "legge del più forte" e una basata sullo stato di diritto internazionale. Gli Stati Uniti vogliono seguire entrambi i criteri: ritenere gli altri Paesi responsabili di fronte al diritto internazionale, e allo stesso tempo non

    – di Jeffrey Sachs

    • News24

    Quand'è che gli Stati possono ricorrere alla forza?

    I recenti attacchi missilistici di Stati Uniti, Regno Unito e Francia contro le basi militari siriane in risposta al presunto impiego di armi chimiche da parte del governo nella città di Douma, controllata dai ribelli, hanno riproposto la domanda sull'accettabilità dell'uso della forza contro uno

    – di Gareth Evans

    • News24

    L'italiana Artelia costruirà la city della nuova Bengasi

    Si torna a investire in Libia, seppur nel complesso anno che si profila all'orizzonte, contrassegnato dall'ipotesi di elezioni politiche che non è detto possano ridurre l'incertezza che regna nel Paese dalla caduta di Muammar Gheddafi.

    – di Paola Dezza

    • News24

    Burkina Faso, attaccata l'ambasciata francese, decine di vittime e feriti

    Ormai non ci sono più dubbi. Nonostante non sia ancora pervenuta una rivendicazione, gli attentati multipli avvenuti venerdì mattina contro l'ambasciata e francese e l'edificio dello Stato maggiore ad Ouagadougu, capitale del Burkina Faso, sarebbero opera di un commando di terroristi islamici.Non

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Maroni: senza accordi con i Paesi di origine neanche un rimpatrio

    «Senza accordi con i Paesi d'origine, di rimpatri non se ne fa neppure uno!». Roberto Maroni del pragmatismo ha fatto la sua cifra politica. Il raid razzista di Macerata non lo lascia indifferente anche perché Traini «uno squilibrato» era un militante della Lega. «Ci vorrebbe una migliore

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    L'Africa della fiducia e della jihad

    Il continente africano somiglia a un Giano bifronte. C'è un'Africa che guarda con fiducia al futuro, forte di una solida crescita economica e di un incoraggiante cammino verso la democrazia. Dove piccoli Paesi come la Liberia, dilaniata un tempo dalla guerra, festeggiano per la prima volta in 70

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Ucciso l'ex presidente yemenita

    Muammar Gheddafi cinque anni fa. Ali Abdallah Saleh ieri. Un altro dittatore deposto dalle primavere arabe scoppiate nel 2011 è morto, nel suo Paese, ucciso dalle stesse popolazioni che per decenni aveva governato con il pugno di ferro. Anche il potente Saleh è stato assassinato nel suo Yemen, a

    • News24

    La «guerra delle due monete» nella Libia spaccata a metà

    Due Governi separati già ci sono. Così come due Parlamenti, due ministri del petrolio, due pseudo-eserciti, forse meglio definirli ancora milizie. Ma nella Libia spaccata in due, dove nella regione orientale della Cirenaica è il generale Kalifa Haftar a dettare il bello e il cattivo tempo, dopo la

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Un errore di calcolo potrebbe provocare una guerra coreana. Ecco perché

    Le grandi guerre del XX secolo sono state spesso precedute da un catastrofico errore di calcolo. I tedeschi non riuscirono a capire in anticipo che la Gran Bretagna avrebbe combattuto contro il Belgio nel 1914. Stalin si fece cogliere impreparato dall'invasione della Russia da parte di Hitler. Il

    – di Gideon Rachman

1-10 di 584 risultati