Persone

Muammar Gheddafi

Muammar Abū Minyar al-Qadhdhāfī è stato un politico libico. Il colonnello, dittatore di fatto con poteri assoluti, anche se non è stato mai investito di alcun incarico ufficiale, ha guidato la Libia per più di 40 anni. È stato la guida ideologica del colpo di Stato che nel 1969 ha portato alla caduta della monarchia del re Idris.

Tra il 1956 e il 1961 Muammar Gheddafi ha frequentato la scuola coranica di Sirte e si è diplomato all’Accademia militare di Bengasi nel 1968, dopo un periodo di specializzazione a Beaconsfiled, in Gran Bretagna. È stato nominato capitano dell'esercito all'età di 27 anni e il 1° settembre del 1969 ha guidato il colpo di Stato contro il sovrano, che ha portato alla proclamazione della Repubblica, guidata da un Consiglio del Comando della Rivoluzione composto da 12 militari di tendenze panarabe filo-nasseriane. Successivamente nominato colonnello, Muammar Gheddafi è salito a capo del Consiglio di Stato, instaurando il regime dittatoriale in Libia.


Nel 2011, a seguito della dura repressione esercitata durante una rivolta tra fazioni, il Tribunale Penale Internazionale, incrimina Gheddafi per crimini contro l'umanità, insieme al figlio Sayf al-Islam e al capo dei servizi segreti libici Abd Allah al-Sanussi. Il 20 ottobre 2011 rifugiatosi a Sirte, dopo la caduta di Tripoli, Gheddafi viene catturato vivo dai ribelli (con l'aiuto dei servizi segreti francesi), ferito alle gambe, torturato e ucciso con un colpo di pistola alla testa.

Dopo la sua morte la Libia è entrata in una nuova fase di aspra guerra civile. Nel Paese, ricco di petrolio, dove regna il caos vige ora la legge islamica della Shari'a ed è stata reintrodotta la poligamia.

Ultimo aggiornamento 26 luglio 2016

Ultime notizie su Muammar Gheddafi
    • News24

    Maroni: senza accordi con i Paesi di origine neanche un rimpatrio

    «Senza accordi con i Paesi d'origine, di rimpatri non se ne fa neppure uno!». Roberto Maroni del pragmatismo ha fatto la sua cifra politica. Il raid razzista di Macerata non lo lascia indifferente anche perché Traini «uno squilibrato» era un militante della Lega. «Ci vorrebbe una migliore

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    L'Africa della fiducia e della jihad

    Il continente africano somiglia a un Giano bifronte. C'è un'Africa che guarda con fiducia al futuro, forte di una solida crescita economica e di un incoraggiante cammino verso la democrazia. Dove piccoli Paesi come la Liberia, dilaniata un tempo dalla guerra, festeggiano per la prima volta in 70

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Ucciso l'ex presidente yemenita

    Muammar Gheddafi cinque anni fa. Ali Abdallah Saleh ieri. Un altro dittatore deposto dalle primavere arabe scoppiate nel 2011 è morto, nel suo Paese, ucciso dalle stesse popolazioni che per decenni aveva governato con il pugno di ferro. Anche il potente Saleh è stato assassinato nel suo Yemen, a

    • News24

    La «guerra delle due monete» nella Libia spaccata a metà

    Due Governi separati già ci sono. Così come due Parlamenti, due ministri del petrolio, due pseudo-eserciti, forse meglio definirli ancora milizie. Ma nella Libia spaccata in due, dove nella regione orientale della Cirenaica è il generale Kalifa Haftar a dettare il bello e il cattivo tempo, dopo la

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Un errore di calcolo potrebbe provocare una guerra coreana. Ecco perché

    Le grandi guerre del XX secolo sono state spesso precedute da un catastrofico errore di calcolo. I tedeschi non riuscirono a capire in anticipo che la Gran Bretagna avrebbe combattuto contro il Belgio nel 1914. Stalin si fece cogliere impreparato dall'invasione della Russia da parte di Hitler. Il

    – di Gideon Rachman

    • News24

    Caso Regeni: «Soliti sospetti», la stampa e il mondo dei vinti

    Ci sono morti che nessuno vuole avere sulla coscienza, ma il cui cadavere deve essere rapidamente sepolto per passare ad altro. Giulio Regeni è uno di questi, ma dopo oltre un anno non hanno ancora trovato una lapide convincente.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Corea del Nord, un arsenale atomico e chimico difficile da annientare

    Pyongyang abbina ai missili balistici intercontinentali Hwasong-14, collaudati nei test del 4 e 28 luglio scorsi, le testate atomiche in grado di equipaggiarli. La notizia diffusa dal Washington Post che cita fonti della Defense intelligence agency (Dia), si presta a diverse valutazioni.

    – di Gianandrea Gaiani

    • News24

    Libia, le mosse degli «amici» e la Storia

    Sulla Libia, dopo le bombe, piovono bugie, quasi ogni giorno. Non stiamo sbarcando sulla ex quarta sponda, già persa sei anni fa. L'Italia non si oppose nel 2011 all'intervento di Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti ma si unì ai bombardamenti perché i nostri alleati minacciavano di colpire i

    – di Alberto Negri

    • News24

    Saif Gheddafi libero: quale ruolo può giocare nel caos Libia

    C'è chi lo vuole morto, subito. Chi invece sogna di vederlo alla guida della Libia, per riunire le tribù ancora fedeli al regime. Chi pretende sia consegnato all'Aja affinchè sia sottoposto ad un processo equo. Chi preferisce che stia nascosto, per carpire i tanti segreti di cui è a conoscenza,

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    La fabbrica delle élite francesi non conosce né crisi né recessioni

    Come si è arrivati a questo? E' ciò che si chiede gran parte del mondo, e la quasi totalità dell'élite francese, riguardo della seconda tornata delle presidenziali in Francia. Charles de Gaulle incluse il ballottaggio nella costituzione della V Repubblica per costringere i francesi a scegliere in

    – di Hugo Drochon

1-10 di 579 risultati