Persone

Muammar Gheddafi

Muammar Abū Minyar al-Qadhdhāfī è stato un politico libico. Il colonnello, dittatore di fatto con poteri assoluti, anche se non è stato mai investito di alcun incarico ufficiale, ha guidato la Libia per più di 40 anni. È stato la guida ideologica del colpo di Stato che nel 1969 ha portato alla caduta della monarchia del re Idris.

Tra il 1956 e il 1961 Muammar Gheddafi ha frequentato la scuola coranica di Sirte e si è diplomato all’Accademia militare di Bengasi nel 1968, dopo un periodo di specializzazione a Beaconsfiled, in Gran Bretagna. È stato nominato capitano dell'esercito all'età di 27 anni e il 1° settembre del 1969 ha guidato il colpo di Stato contro il sovrano, che ha portato alla proclamazione della Repubblica, guidata da un Consiglio del Comando della Rivoluzione composto da 12 militari di tendenze panarabe filo-nasseriane. Successivamente nominato colonnello, Muammar Gheddafi è salito a capo del Consiglio di Stato, instaurando il regime dittatoriale in Libia.


Nel 2011, a seguito della dura repressione esercitata durante una rivolta tra fazioni, il Tribunale Penale Internazionale, incrimina Gheddafi per crimini contro l'umanità, insieme al figlio Sayf al-Islam e al capo dei servizi segreti libici Abd Allah al-Sanussi. Il 20 ottobre 2011 rifugiatosi a Sirte, dopo la caduta di Tripoli, Gheddafi viene catturato vivo dai ribelli (con l'aiuto dei servizi segreti francesi), ferito alle gambe, torturato e ucciso con un colpo di pistola alla testa.

Dopo la sua morte la Libia è entrata in una nuova fase di aspra guerra civile. Nel Paese, ricco di petrolio, dove regna il caos vige ora la legge islamica della Shari'a ed è stata reintrodotta la poligamia.

Ultimo aggiornamento 26 luglio 2016

Ultime notizie su Muammar Gheddafi
    • News24

    Roma-Parigi, Trump riaccende il duello diplomatico sulla Libia

    Che dopo sette anni dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi si ritrovano ancora con un Paese spaccato in due, dove le gang criminali e le milizie si spartiscono i lucrosi business del contrabbando e della tratta di esseri umani.

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Guardia di Finanza sequestra oltre 2 milioni a prestanome del figlio di Gheddafi

    L'attività investigativa trae origine da una richiesta di approfondimenti avanzata alla Guardia di Finanza dal Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF), per verificare l’effettiva riconducibilità di un complesso immobiliare di pregio a Roma, al figlio dell'ex dittatore libico Muammar Gheddafi.

    • Econopoly

    Immigrati? Li abbiamo creati noi. Si chiudono i porti e si trascura la storia

    Come spesso accade, il dibattito su temi d'attualità appare del tutto slegato dalla storia, dalla conoscenza e - mi sia concesso! - dall'esperienza fatta sui banchi di scuola. Si parla della questione 'migranti' e del caso Aquarius, ma nessuno sembra ricordare il colonialismo moderno e contemporaneo, neppure i più colti tra i salviniani. Il continente africano è stato colonizzato per quasi un millennio, il suo territorio è stato oggetto di continue e sanguinose spartizioni, le sue risorse sono s...

    – Francesco Mercadante

    • News24

    Libia, l'attivismo diplomatico di Macron che rischia di spiazzare l'Italia

    La sfida diplomatica che si sta giocando sulla Libia somiglia a una partita a scacchi. Un vincitore ancora non c'è. Ma uno dei due giocatori, l'Italia, sta perdendo pezzi importanti. Se c'è un Paese che negli ultimi mesi si è distinto per il suo dinamismo questa è la Francia.

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Migranti, è allarme sbarchi: riprendono i flussi dalla Libia

    La Libia è di nuovo una polveriera. Il flusso degli sbarchi è già in ripresa. Continui nello stato africano sono i segnali di destabilizzazione, così si moltiplicano i traffici di esseri umani. E con l'arrivo della bella stagione le partenze dalle coste libiche torneranno a essere una realtà. Già

    – di Marco Ludovico

    • News24

    Denuclearizzazione sì, ma per tutti

    Esistono due tipi di politica estera: una basata sul principio della "legge del più forte" e una basata sullo stato di diritto internazionale. Gli Stati Uniti vogliono seguire entrambi i criteri: ritenere gli altri Paesi responsabili di fronte al diritto internazionale, e allo stesso tempo non

    – di Jeffrey Sachs

    • News24

    Quand'è che gli Stati possono ricorrere alla forza?

    I recenti attacchi missilistici di Stati Uniti, Regno Unito e Francia contro le basi militari siriane in risposta al presunto impiego di armi chimiche da parte del governo nella città di Douma, controllata dai ribelli, hanno riproposto la domanda sull'accettabilità dell'uso della forza contro uno

    – di Gareth Evans

    • News24

    L'italiana Artelia costruirà la city della nuova Bengasi

    Si torna a investire in Libia, seppur nel complesso anno che si profila all'orizzonte, contrassegnato dall'ipotesi di elezioni politiche che non è detto possano ridurre l'incertezza che regna nel Paese dalla caduta di Muammar Gheddafi.

    – di Paola Dezza

1-10 di 590 risultati