Persone

Mina

Mina Anna Mazzini è una cantante, una conduttrice radiofonica italiana ed un’ex presentatrice televisiva.

Nata a Busto Arsizio, da piccola Mina si è trasferita con la famiglia a Cremona. La sua prima esibizione risale al 1958, in un locale di Pietrasanta. È stata ingaggiata da David Matalon, discografico che l’ha accompagnata al debutto televisivo nella trasmissione Musichiere e in Lascia o raddoppia condotta da Mike Bongiorno. Con Tintarella di luna ha raggiunto la prima posizione in classifica. Nel 1960 e nel ‘61 Mina (allora nota come Baby Gate) ha partecipato al Festival di Sanremo. Nello stesso anno è stata protagonista in tv di Studio Uno. Dopo lo scandalo per la nascita del figlio Massimiliano, avuto con Corrado Pani (che era già sposato), Mina è tornata in tv, dove ha condotto programmi come Canzonissima, Studio Uno e Milleluci con Raffaella Carrà. Nel tempo Mina ha preso parte anche a trasmissioni radiofoniche come Gran Varietà negli anni ’70. Nel 1978 è tornata per l’ultima volta a esibirsi dal vivo, per poi ritirarsi. Ha comunque continuato a cantare e nel complesso, durante la sua carriera ha inciso mille brani e venduto 150 milioni di dischi. L’ultimo Cd è Caramella, uscito nel 2010. Tuttora partecipa a programmi radiofonici, collabora con riviste e quotidiani e presta la voce in spot pubblicitari, come la Barilla.

Nel 2006 Mina si è sposata a Lugano con Eugenio Quaini. La cantante ha cittadinanza svizzera. Mina ha anche una figlia, Benedetta, avuta con il primo marito: Virgilio Crocco.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Mina
    • News24

    Ilva, giù il muro, ora il confronto

    Nessun muro contro muro. Occorre uscire dal vicolo cieco. Che è stato costruito quasi con pazienza e con metodo da una serie di ambiguità lessicali e di contraddizioni giuridico-economiche. E in cui si rischia di rimanere per tensioni che nulla c'entrano con l'Ilva.

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Il nuovo ruolo «globale» dell'Italia

    Dopo anni da osservata speciale, l'Italia affronta gli Annual Meetings della Banca mondiale e del Fondo monetario internazionale (la cui 62a sessione si apre oggi a Washington) con maggiore serenità. Per la prima volta dal 2010, c'è uno scarto positivo significativo tra le previsioni Fmi per l'anno

    – di Andrea Goldstein

    • News24

    Giù il muro, su il confronto

    Nessun muro contro muro. Occorre uscire dal vicolo cieco. Che è stato costruito quasi con pazienza e con metodo da una serie di ambiguità lessicali e di contraddizioni giuridico-economiche. E in cui si rischia di rimanere per tensioni che nulla c'entrano con l'Ilva.

    – Paolo Bricco

    • News24

    Giù il muro, su il confronto

    Nessun muro contro muro. Occorre uscire dal vicolo cieco. Che è stato costruito quasi con pazienza e con metodo da una serie di ambiguità lessicali e di contraddizioni giuridico-economiche. E in cui si rischia di rimanere per tensioni che nulla c'entrano con l'Ilva.

    – Paolo Bricco

    • News24

    Emergenza carceri, Radicali mobilitati: al via settimana di visite in 35 istituti

    Parte dalla Sicilia, piu' esattamente dalla Casa circondariale di Sciacca, ospitata in un convento del 1200, la settimana di mobilitazione promossa dai Radicali italiani per riportare l'attenzione sull'emergenza carceri, causata da sovraffollamento e dal numero record di detenuti per reati di doga.

    – di Vittorio Nuti

    • News24

    Sotto la pellaccia di Caravaggio

    Riguardo il tema della tecnica di Caravaggio, la letteratura critica conosce altre tappe significative: la mostra di Firenze-Roma curata da Mina Gregori nel 1991-92, intitolata Caravaggio.

    – di Marco Bona Castellotti

    • News24

    Le mine vaganti che ostacolano il rilancio dell'Europa

    Volevano lanciare un messaggio di unità a Tallinn, offrire al mondo e ai propri scettici cittadini il senso di un impegno condiviso per costruire la nuova Europa dopo Brexit, dopo che a fine marzo 2019 si sarà compiuto il divorzio britannico.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Sul Codice antimafia si amplia il fronte del no. Boccia: mina i diritti

    Dalla politica all'imprenditoria fino al mondo accademico e dentro la Consulta. L'allargamento delle misure di prevenzione, soprattutto patrimoniali, previste dal nuovo Codice antimafia è ormai terreno di scontro trasversale sul "colpo di coda" di fine legislatura nella lotta alla criminalità

    – di Alessandro Galimberti

1-10 di 1492 risultati