Ultime notizie:

Mija

    • Agora

    Okja, finalmente l'Et degli animalisti

    Facile facile e un pelo didascalico: non servono più di dieci minuti per intuire cosa succederà e come andrà a finire. Ma il punto di Okja è altro. Il film del regista Bong Joon- da pochi giorni disponibile su Netflix, è stato prima la pietra dello scandalo al festival di Cannes poi il segno di un cambio di passo verso progetti cinematografici più coraggiosi (meno sequel di serie e più sperminetazioni). In realtà Okja non è una rivoluzione. E non è neppure un film che Hollywood non avrebbe avut...

    – Luca Tremolada

    • Agora

    Primo bilancio di Cannes 70: Fiabe nere della diversità Piccoli protagonisti derubati dell'infanzia, emarginazione e immigrazione. Il film più bello è «Loveless»

    Adulti raffreddati e autocompiaciuti, ragazzini derubati di calore e leggerezza, una società egoista allergica al diverso: la prima parte del 70esimo festival di Cannes ha raccontato un occidente malato e allarmante. La rassegna è partita con una pellicola confusa nei generi e nella trama, Il fantasma di Ismael, di Arnaud Desplechin, in cui una moglie, Carlotta (Marion Cotillard), torna dopo vent'anni a guastare l'esistenza a Ismaël Vuillard (Mathieu Amalric), che vive una nuova relazione con S...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Fiabe nere della diversità. Piccoli protagonisti derubati dell'infanzia

    Adulti raffreddati e autocompiaciuti, ragazzini derubati di calore e leggerezza, una società egoista allergica al diverso: la prima parte del 70esimo festival di Cannes ha raccontato un occidente malato e allarmante. La rassegna è partita con una pellicola confusa nei generi e nella trama, Il

    – di Cristina Battocletti

    • Agora

    Arriva a Cannes Tilda Swinton con la sua favola animalista e anticapitalista. Dall'ungheria si parla di immigrazione

    Fischi e un levare di applausi polemici alla proiezione del primo film di Netflix in gara alla 70esima edizione del festival del cinema di Cannes, "Okja", di Bong Joon-ho. I dietrologi hanno pensato alla congiura contro la piattaforma streaming on demand, iniziata con la dichiarazione del presidente della giuria, Pedro Almodovar, all'inaugurazione del festival in cui il regista spagnolo sosteneva di non aver nulla contro le nuove tecnologie ma di considerare paradossale che la rassegna del cinem...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Tenero e grottesco «Okja», fiaba ecologista a Cannes

    Fischi e un levare di applausi polemici alla proiezione del primo film di Netflix in gara alla 70esima edizione del Festival del Cinema di Cannes, "Okja", di Bong Joon-ho. I dietrologi hanno pensato alla congiura contro la piattaforma streaming on demand, iniziata con la dichiarazione del

    – di Cristina Battocletti

    • NovaCento

    SIGNORI, PARLA CARL BARKS!

    Dall'emailbag oggi, tarda seconda domenica di aprile, traggo anche il regalo speditomi da Sebastiano: lustratevi gli occhi! A Sofia, un misterioso pittore bulgaro, artista di strada, ha trasformato un pomposo bassorilievo sovietico militarista (di nauseabondo afrore sapore fascio-zen) in un gruppo quasi robbiano dove si mima una carica di The Justice League all'opera. Si intravedono un Superuomo afroamericano, Santa Claus, il Jolly Joker travestito, un soldatino gigantesco in pvc dele Tide e...

    – Luca Boschi

    • News24

    Poetry

    Vedere e ascoltare, il tempo e lo spazio. Prima del cinema, la vita: che si fa poesia nell'opera di Lee

    – Silvio Danese

    • News24

    Cinema in versi

    "Un film sulla poesia della vita", dice Lee Chang-dong di Poetry, premiato a Cannes per la sceneggiatura. Da venerdì in sala, stasera a Firenze

    – Gianluca Arnone

    • News24

    Poetry

    La bellezza della poesia in un mondo che non l'ha più. Lee Changdong lirico e didascalico, in Concorso

    – Valerio Sammarco

    • News24

    Il dolore in sordina

    «Poetry» del coreano Lee Chang-dong è un film elegante che entra in punta di piedi nelle sofferenze, senza urlarle né nasconderle - Mija è una donna anziana, che vive con il nipote colpevole di uno stupro di gruppo. La poesia la salva

    – Francesco Piccolo