Persone

Michel Tournier

Michel Tournier è nato il 19 dicembre del 1924 a Parigi ed è deceduto a Choisel (Parigi) il 18 gennaio del 2016, è stato uno dei più grandi scrittori francese della seconda metà del Novecento.

Educato alla cultura tedesca, alla musica ed al cattolicesimo, Tournier ha studiato filosofia presso le Università Sorbona e Tubinga ed ha seguito i corsi dello storico della filosofia Maurice de Gandillac.

Dopo essere entrato a Radio France come giornalista e traduttore, nel 1954 lavora in campo pubblicitario per Europe 1 (radio) e contestualmente collabora con "Le Monde" e "Le Figaro".

Nel 1967 viene pubblicato il suo primo romanzo, "Vendredi ou les Limbes du Pacifique", che ottiene l'ambito riconoscimento del "Grand prix du roman de l'Académie française" .

Nel 1970 ottiene, col romanzo "Le Roi des aulnes", il Prix Goncourt .

Il 1972 Tournier entra a far parte dell'Académie Goncourt.

Nel 1975 pubblica il suo terzo romanzo di successo "Les Météores".

I suo libri vengono letti da un pubblico variegato sia anagraficamente che culturalmente e sono stati tradotti in molte lingue. I protagonisti dei suoi racconti sono orchi, gemelli, androgini e la narrazione spazia tra realismo e fantastico. Alcune sue opere come "Venerdì o la vita selvaggia" versione semplificata de "Vendredi ou les Limbes du Pacifique", sono state tradotte in 40 lingue, hanno ottenuto una vendita di 7 milioni di copie e sono diventate un classico per i ragazzi, ancor oggi letto in moltissime scuole.

Nel 1993 ha ricevuto la medaglia Goethe e nel 1997 l'Università di Londra ha deciso di attribuirgli una laurea Honoris Causa.

Tra le sue opere più recenti si ricordano:

— "Célébrations" (1999, saggi), trad. Idolina Landolfi, Celebrazioni, Garzanti, Milano 2001;
— "Journal Extime" (La Musardine) (2002, diario), trad. Tommaso Gurrieri, Diario aperto, Barbes, Firenze 2008;
— "Le Bonheur en Allemagne?" (2004);
— "Les Vertes lectures" (2006, saggi letterari).

È deceduto la sera del 18 gennaio del 2016, nella sua casa di Choisel, a pochi chilometri da Parigi.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Michel Tournier
    • News24

    Parlare di sé senza la prima persona

    Annie Ernaux è il perfetto punto di incontro di due tendenze che caratterizzano nel profondo la letteratura francese contemporanea (e non solo contemporanea): da una parte una forte inclinazione sociologica, dall'altra una vena autobiografica: Houellebecq e Carrère, per dire i due oggi più famosi.

    – Carlo Mazza Galanti

    • NovaCento

    Don't be shy buy "The stranger"

    Traduzione: non fare lo scemo compra "Lo straniero" Indice del numero di Marzo:AperturaC'è prete e prete. Incontri con Camillo De Piaz di Giuseppe Gozzini PersuasioniUna società senza conoscenza di Carlo Donolo - Gli ignoranti al potere di Stefano Laffi - Dalla Puglia: qualcosa che riguarda tutti di Franco Cassano - Il bandolo del futuro di Nichi Vendola incontro con Alessandro Leogrande - A Rosarno, il modello californiano di Mimmo Perrotta - No Tav, ostinatamente di Giorgio Morbello -...

    – nicola villa

    • NovaCento

    La possibilità di un altro Robinson e un'altra isola

    Dallo Straniero di questo mese: Quando Raymond Queneau propose la pubblicazione di Venerdì o il limbo del Pacifico alla Gallimard nel 1967, lo presentò come "un 'remake' di Robinson Crusoe, scritto da qualcuno che ha letto Freud, Sartre e Lévi-Strauss...". L'esordio letterario di Michel Tournier, allievo per due anni al Museé de l'Homme proprio di Lévi-Strauss, è infatti imbevuto delle più avanzate e nuove teorie sull'etnografia, il linguaggio, le nozioni di selvaggio e civilizzato, e ha rappre...

    – nicola villa