Ultime notizie:

Mercato del lavoro

    • News24

    Relazioni industriali più efficienti per affrontare il cambiamento

    Perché la modernizzazione del mercato del lavoro e il superamento del Novecento ideologico passano anche da un ambiente culturalmente favorevole alla libertà di iniziativa economica: dalla condivisione del valore della impresa che, ancora oggi, appare invece circondata da sospetti e resistenze che ne fanno il luogo inesorabile dello sfruttamento dell'uomo sui propri simili.

    – di Michele Tiraboschi

    • News24

    Alitalia, intesa su nuova Cigs: al via da maggio, interessa 1.480 dipendenti

    In prospettiva, il numero dei lavoratori in esubero potrebbe scendere ulteriormente grazie ai percorsi di riqualificazione mediante la formazione Fondimpresa «mirata a una ricollocazione interna all'azienda», e l'attuazione in accordo con l'Anpal di «percorsi di politiche attive per la ricollocazione su base volontaria nel mercato del lavoro».

    • News24

    Il modello «Dubai Economy»: perché ai giovani serve un lavoro manuale

    Ma in Italia un mercato del lavoro in stile Dubai è sostenibile? ... Fosse ancora vivo, il filosofo cinico Zenone avrebbe usato il mercato del lavoro, invece che Achille e la Tartaruga, per i suoi paradossi: il 37% dei giovani è disoccupato, certifica l'Istat; uno su due degli under 35 non ha lavoro, ma nelle cucine dei ristoranti, nelle stazioni di servizio, idraulici, falegnami o muratori sono tutti rigorosamente extracomunitari.

    – di Simone Filippetti

    • Info Data

    I nuovi lavori, i contratti e l'occupazione. Post Jobs Act

    Interessante anche la situazione della Lombardia, notoriamente associata al centro del mercato del lavoro italiano, in cui l'aumento dei nuovi contratti di apprendistato (28,1%) si colloca tra i primi valori su scala nazionale a poca distanza da Sardegna, Puglia e Friuli Venezia Giulia, mentre per quanto concerne i nuovi contratti a termine e quelli stagionali, gli incrementi percentuali rispetto al 2016 risultano tra i più bassi d'Italia, rispettivamente fermi al 21,1% e 12,5%.

    – Fabio Fantoni

    • News24

    Dalla crescita alle riforme: perché tra Spagna e Italia non c'è partita

    La riforma del mercato del lavoro spagnola è stata introdotta circa tre anni prima che in Italia (2012 invece che 2015) e, oltre a intervenire come ha fatto il "Jobs Act" su flessibilità in uscita e dualismo fra lavoratori con contratti di durata diversa, ha introdotto misure che hanno spostato la contrattazione collettiva dal livello settoriale e regionale a quello di impresa.

    – di Enrico Marro

    • Econopoly

    Oziare da giovani e lavorare da vecchi, ecco perché i conti (non) tornano

    Una illuminante ricognizione della Banca di Francia ci consente di comprendere con una semplice occhiata la tendenza più autentica che da un decennio, ossia da quando è esplosa la crisi subprime, informa gli andamenti del mercato del lavoro... La demografia, senza dubbio, ma anche i cambiamenti sostanziali che stanno avvenendo nell'organizzazione del mercato del lavoro che in qualche modo vedono i più giovani penalizzati nel confronto con i più attempati.

    – Maurizio Sgroi

    • News24

    Gli spagnoli sono diventati più ricchi degli italiani

    Uno specchio rovesciato dell'Italia, dove l'espansione rispetto al 2000 resta «minimale» e sconta alcuni deficit strutturali:?dalla scarsa produttività, all'invecchiamento demografico, fino a questioni più note come il peso della burocrazia e un mercato del lavoro ingessato.

    – di Redazione online

1-10 di 10276 risultati