Aziende

Mediaset

Mediaset è la più grande azienda italiana attiva nel settore dei media e delle comunicazioni.

E' al centro della cronaca economica e finanziaria dal 12 dicembre 2016, per il tentivo di scalata messo in atto dalla società francese Vivendi SA e per la battaglia legale che ne è seguita.

Mediaset opera nel settore televisivo, ma ha importanti attività anche nella produzione e distribuzione cinematografica, nei servizi multimediali, nel commercio a distanza e nella raccolta pubblicitaria.

Proprio nella raccolta pubblicitaria Mediaset risulta il più grande gruppo televisivo italiano, essendo a differenza del principale competitor, la Rai, finanziata unicamente tramite questo mezzo.

Al grande pubblico Mediaset è nota soprattutto per le tre reti generaliste Canale 5, Italia 1 e Rete 4. Già nella loro struttura, ma in parte anche nella programmazione, si evidenzia chiaramente la concorrenza diretta con i tre canali della Rai.

Mediaset è però oggi presente anche su altre piattaforme, come il digitale terrestre, in particolare con l'offerta Mediaset Premium, tramite la quale è possibile acquistare la visione di eventi sportivi e di film. È inoltre presente sul satellite nella piattaforma gratuita Tivù Sat.

La società è anche attiva all'estero, con partecipazioni in Telecinco in Spagna e in Endemol, un'importante casa di produzione olandese.

Negli ultimi trent'anni Mediaset ha portato un nuovo modo di fare televisione rispetto a quello proposto dalla RAI. Da una parte l'assenza del canone e dall'altra l'ispirazione a modelli commerciali e televisivi americani hanno fatto di Mediaset un'alternativa importante e di grande successo al modello pubblico.

Simbolo dell'azienda è da sempre il basilisco, detto comunemente il “Biscione”, simbolo originariamente dei Visconti ma che da sempre contraddistingue le attività imprenditoriali di Silvio Berlusconi, sin dai suoi esordi nel settore immobiliare. Proprio Silvio Berlusconi è infatti proprietario di Fininvest, azionista di maggioranza di Mediaset, anche se si è dimesso da ogni carica all'interno del gruppo al momento del suo ingresso in politica nel 1994.

L'8 aprile del 2016 viene ufficializzato l'accordo tra Mediaset e Vivendi per la vendita della pay-tv alla società Francese.

Il 12 dicembre del 2016 il gruppo francese Vivendi ha annunciato di detenere più del 3% del capitale di Mediaset. Allo stesso tempo la società francese ha dichiarato di voler continuare ad acquistare azioni del Biscione per arrivare ad una quota tra il 10% e il 20%.
Il 13 dicembre 2016 la quota di Vivendi sale al 12,32%.

Il giorno successivo tale partecipazione sale al 20% per poi arrivare al 29,9%.

Ultimo aggiornamento 21 marzo 2017

Ultime notizie su Mediaset
    • NovaCento

    I love affairs nell'epoca digitale

    Nell'immagine: presentazione del libro L'amore ai tempi del globale di Tiziana Nenezic, Cooper editore, 2009. Sedute, da sinistra: Selvaggia Lucarelli (scrittrice, conduttrice radiotelevisiva, blogger, da gennaio 2018 direttrice di RollingStone.it), Tiziana Nenezic (scrittrice, italo americana, esperta in comunicazione, dal 2017 consulente presso Transearch a Miami), Giorgia Würth (attrice, conduttrice radiotelevisiva). Roma, aprile 2009, presso la boutique di articoli erotici da ZouZou. Riscal...

    – Gabriele Caramellino

    • Agora

    Pre-tattica sui diritti Serie A: sotto il minimo voluto dai club di 1,05 miliardi. Venerdì riprendono i colloqui

    Si tratta di pre-tattica e venerdì i prezzi potrebbero essere ritoccati all'insù? Di sicuro per ora le offerte complessive arrivate per i pacchetti del bando per le licenze audiovisive della Serie A 2018-21 non hanno raggiunto il livello di 1,05 miliardi di euro annuo, cifra minima che i club di calcio puntano a realizzare. Quindi per ora sarebbe stata raggiunta una cifra più bassa rispetto al triennio precedente. E' quanto ha appreso Radiocor Plus da fonti finanziarie sull'asta in corso, avvenu...

    – Carlo Festa

    • News24

    Serie A, diritti tv: offerte al di sotto della base d'asta

    Si è tenuta oggi pomeriggio l'Assemblea ordinaria della Lega Serie A per discutere della concessione dei diritti audiovisi per il triennio 2018-2021. Alla presenza di tutti e 20 i club della massima serie sono state presentate 5 buste. La base d'asta di partenza richiesto è 1 miliardo e 50 milioni

    – a cura di Datasport

    • News24

    Trattative private per i diritti tv della Serie A. Tavecchio: «Offerte troppo basse»

    Club di Serie A delusi dalle offerte ricevute per l'asta dei diritti 2018-21 che andrà pertanto ai tempi supplementari delle trattative private fino a venerdì 26 gennaio. Obiettivo: avvicinarsi il più possibile agli 1,05 miliardi di euro fissati come minimo annuo dalla Lega Calcio. Al termine della

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Goldman Sachs fa volare Mediaset nel giorno dell'asta sui diritti tv del calcio

    Mediaset in evidenza a Piazza Affari, dove il titolo guadagna il 5,4% a 3,38 euro in scia innanzitutto a un report positivo di Goldman Sachs, che valuta il gruppo di Cologno Monzese con un buy e target price a 4,5 euro (entrambi migliorati rispetto al giudizio precedente). La banca d'affari Usa la

    – di Cheo Condina

    • News24

    Banche e opa su Ynap danno la carica a Piazza Affari (+0,6%)

    Seduta positiva a Piazza Affari nel segno di Yoox Net-a-porter e delle banche. Il Ftse Mib ha chiuso in progresso dello 0,59% e il Ftse All Share dello 0,6%. Più indietro Parigi, Francoforte e Londra, con Madrid che, invece, ha registrato un progresso vicino al punto percentuale, quando Oltreoceano

    – di Flavia Carletti

    • News24

    Francoforte punta sulla Grosse Koalition e traina l'Europa

    Borse europee positive (anche se sotto i massimi di seduta, causa l'apertura debole di Wall Street, preoccupata dal nuovo rischio shutdown) con Francoforte in maglia rosa. Il listino tedesco - a un soffio dai massimi storici - chiude con un rialzo attorno all'1% in attesa del congresso dell'Spd di

    – di Cheo Condina

    • News24

    A Piazza Affari è corsa ai collocamenti

    Dal minimo segnato il 26 giugno del 2016 il Ftse Mib è cresciuto del 56%, solo nell'ultimo anno ha guadagnato quasi il 22%. Una performance straordinaria che ha certamente dato impulso alla volontà di imprenditori e società di capitalizzare parte dei guadagni incamerati. Tanto che negli ultimi

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    • News24

    A Piazza Affari è corsa ai collocamenti

    Dal minimo segnato il 26 giugno del 2016 il Ftse Mib è cresciuto del 56%, solo nell'ultimo anno ha guadagnato quasi il 22%. Una performance straordinaria che ha certamente dato impulso alla volontà di imprenditori e società di capitalizzare parte dei guadagni incamerati. Tanto che negli ultimi

    – Marigia Mangano

    • News24

    La pace Vivendi-Mediaset si allontana

    Lo stop alla joint Tim-Canal plus - nella versione operazione con parti correlate di minore rilevanza - rischia di avere ricadute pesanti nel negoziato tra Vivendi e Mediaset per chiudere il contenzioso su Premium. Ci sono voluti sei mesi per arrivare a definire un accordo tra Tim e Canal plus, che

    – Antonella Olivieri

1-10 di 5078 risultati