Ultime notizie:

Mauro Covacich

    • Agora

    Cannes '71: Golino con un' "Euforia" un po' troppo calcata

    Un giovane fisico maschile scolpito si muove al ritmo di una musica: lo si intravede ripreso, sotto un fascio di luci intermittenti, dalla parte opposta di un corridoio. La sensualità delle movenze viene interrotta da una marcetta militare che costringe il ballerino ad assumere un tono marziale che fa virare la scena in un tono ironico e tenero. Su questi due registri, nonostante la tragicità del tema portante del film, si sviluppa Euforia, film di Valeria Golino, presentato oggi alla sezione Un...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Cannes, il tentativo di Golino di canzonare la morte riesce a metà

    Un giovane fisico maschile scolpito si muove al ritmo di una musica: lo si intravede ripreso, sotto un fascio di luci intermittenti, dalla parte opposta di un corridoio. La sensualità delle movenze viene interrotta da una marcetta militare che costringe il ballerino ad assumere un tono marziale che

    – di Cristina Battocletti

    • News24

    Un Campiello di storie (e lettori) forti

    Dopo aver parlato a lungo di fenomeni formali, ci siamo soffermati, la settimana scorsa, su due tipologie di autore che si sono imposte, un po' per caso e un po' per marketing, nella narrativa degli ultimi dieci anni. Siamo entrati, insomma, nelle officine degli editori, cercando di identificare

    – di Gianluigi Simonetti

    • News24

    Un Campiello di storie (e lettori) forti

    Dopo aver parlato a lungo di fenomeni formali, ci siamo soffermati, la settimana scorsa, su due tipologie di autore che si sono imposte, un po' per caso e un po' per marketing, nella narrativa degli ultimi dieci anni. Siamo entrati, insomma, nelle officine degli editori, cercando di identificare

    – Gianluigi Simonetti

    • News24

    Premio Campiello: scelti i 5 finalisti

    Sono state sufficienti tre votazioni alla Giuria dei Letterati presieduta da Ottavia Piccolo per scegliere la cinquina finalista della 55/a edizione del Premio Campiello, concorso di letteratura italiana contemporanea promosso dalla Fondazione Il Campiello - Confindustria Veneto. La cerimonia si è

    – di Redazione Domenica

    • Agora

    La bella Trieste autobiografica di Mauro Covacich

    Trieste è un sussulto verticalizzato tra il Carso e il mare, una caduta libera quando il treno sbuca dalle gallerie, uno scossone dopo la noia padana se si inforca con l'auto la strada costiera. Niente è mediocre a Trieste, non la gente, miscuglio slavo ingentilito dai tratti latini, per dirla con Bobi Bazlen; non il dialetto che a forza di contrarre e tradurre fa precipitare qualunque cosa in un iperrealismo spesso sboccato; non l'aspetto da Vienna bianca, austera e a tratti popolana. Chi ci v...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Trieste autobiografica

    Trieste è un sussulto verticalizzato tra il Carso e il mare, una caduta libera quando il treno sbuca dalle gallerie, uno scossone dopo la noia padana se si inforca con l'auto la strada costiera. Niente è mediocre a Trieste, non la gente, miscuglio slavo ingentilito dai tratti latini, per dirla con

    – di Cristina Battocletti

    • News24

    Trieste autobiografica

    Trieste è un sussulto verticalizzato tra il Carso e il mare, una caduta libera quando il treno sbuca dalle gallerie, uno scossone dopo la noia padana se si inforca con l'auto la strada costiera. Niente è mediocre a Trieste, non la gente, miscuglio slavo ingentilito dai tratti latini, per dirla con

    – Cristina Battocletti

    • Agora

    Come ordinare un caffè a Trieste (anche se il caffè non vi piace)

    Io non bevo caffè. Il caffè non mi piace. Ne ho bevuto uno solo nella mia vita: lo aveva preparato mio nonno. Non saprei dire se fosse buono o - molto più probabilmente - no. Mia nonna era morta da qualche  giorno e io ero stata ammessa nel gruppo degli adulti di famiglia che facevano i turni per dormire da lui. Non eravamo mai stati da soli io e lui prima, e lui non mi aveva mai preparato la colazione. Come la cosa più normale del mondo - e in effetti in provincia di Napoli lo è - mio nonno mi ...

    – Francesca Milano

    • Agora

    Un bagno per sottrazione: Pino Roveredo narra la città a rovescio, nelle sue marginalità. "I mari di Trieste" attraverso i suoi scrittori

    Non esiste la categoria della "letteratura triestina" che condiziona gli stili degli autori- sostengono Angelo Ara e Claudio Magris in Trieste. Un'identità di confine (Einaudi, 1987). Al contrario, secondo l'analisi dei due pensatori, sarebbero gli scrittori a infondere una personalità alla città. Allora, comunque la si voglia pensare, un'identità letteraria triestina si crea per sottrazione, così come in levare si evincono le qualità dell'uomo del Novecento dall'Ulrich di Robert Musil ne L'uomo...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 20 risultati