Persone

Maurizio Martina

Maurizio Martina è nato a Calcinate (BG) il 9 settembre del 1978 e riveste dal 22 febbraio del 2014 la carica di Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, prima col Governo Renzi ed attualmente con quello Gentiloni.

Dopo aver conseguito il Diploma di maturità presso l'Istituto tecnico Agrario di Bergamo si è poi laureato in Scienze Politiche.

Martina ha mosso i suoi primi passi in politica all'interno del movimento studentesco del 1994 , diventando nel 1999, con una listia civica, consigliere comunale di Mornicco al Serio (BG).

Nel 2002 entra nelle fila della Sinistra Giovanile come segretario regionale e come membro della segreteria nazionale, assumendo la carica di responsabile "Lavoro".

Nel 2004 fa il suo ingresso nella segreteria regionale lombarda dei Democratici di Sinistra e diventa, sempre per i DS, segretario provinciale di Bergamo.

Nel 2006 assume l'incarico di Segretario regionale dei Democratici di Sinistra in Lombardia.

Nel 2009 viene nominato Responsabile Nazionale Agricoltura nella nuova segreteria PD.

Nel 2010 viene eletto Consigliere Regionale della Lombardia, incarico poi riconfermato nelle consultazioni elettorali del 2013. Sempre nel 2013 viene nominato sottosegretario alle politiche agricole, alimentari e forestali del Governo Letta .

Il 22 febbraio 2014 ottiene la nomina di Ministro della Politiche agricole, alimentari e forestali del Governo Renzi.

Durante il Semestre di Presidenza italiana dell'U.E. assume a partire dal 1° luglio 2014 la carica di Presidente di turno del Consiglio europeo dei Ministri dell'Agricoltura e della Pesca.

Nell'approssimarsi dell'appuntamento internazionale, Il suo ministero e la sua delega all'Expo, lo rende una delle figure istituzionale centrali sullo scenario internazionale.

E' sposato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

Ultime notizie su Maurizio Martina
    • News24

    Ballottaggi: le roccaforti Pd di Siena, Pisa e Massa sotto assedio della Lega

    Fermare l'onda nera. Il Pd ha messo in campo, dove possibile, gli apparentamenti. E nei prossimi giorni scenderanno in Toscana i pezzi da novanta del partito. Perché, di fatto, chi avrà vinto le amministrative di questa primavera si deciderà attorno a tre città: Siena, Pisa e Massa. Con i 5 stelle

    – di Andrea Marini

    • News24

    Ballottaggi, centrodestra parte in vantaggio in 32 ballottaggi su 75

    Il centrodestra punta sulla vittoria a valanga, con una partita nella partita data dalla competizione tra Fi e Lega. Il centrosinistra vuole evitare la debacle e difendere le sue roccaforti nelle ex regioni rosse. I 5 stelle vogliono confermarsi "animali da ballottaggio" e portare a casa i sette

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    • News24

    Migranti, ecco il piano di Salvini per frenare i flussi dalla Libia

    Un piano di rilancio delle intese con la Libia. Con lo stop rinnovato ieri alle Ong (organizzazioni non governative): «Si cerchino altri porti». Matteo Salvini non arretra di un passo, anzi alza la posta. Il ministro dell'Interno avverte le due ong tedesche con bandiera olandese, Lifeline e

    – di Marco Ludovico

    • News24

    Comunali 2018: affluenza in calo al 61,2%, in corso lo spoglio

    Chiusi i seggi per le elezioni comunali di ieri: quasi 7 milioni gli elettori chiamati alle urne per l'elezione dei sindaci e il rinnovo dei consigli comunali in 760 comuni. Secondo il Viminale, alle 23 l'affluenza è stata attorno al 61,2%, contro il 67,2% delle precedenti consultazioni. Un trend

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Nel nuovo governo sono sei i ministri «superstiti» della lista Di Maio

    Giuseppe Conte, Riccardo Fraccaro, Alfonso Bonafede, Elisabetta Trenta, Alberto Bonisoli e Sergio Costa. Nel neonato Governo giallo-verde sono i sei superstiti dei candidati ministri inseriti nella lista che il leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, aveva inviato al Quirinale all'indomani

    • News24

    Giuramento governo: alle 16 Conte e i ministri al Quirinale

    Giovanni Tria, ordinario di Economia politica all'Università di Tor Vergata, alla guida del ministero dell'Economia e delle Finanze, il dicastero chiave. Il controverso economista Paolo Savona dirottato al ministero - politicamente meno esposto - degli Affari europei, che al momento non è neanche

    – di Nicola Barone e Vittorio Nuti

    • News24

    Governo Cottarelli, con l'asse M5s-Lega-Fi sfiducia scontata

    Dopo il giuramento e il passaggio della campanella con Paolo Gentiloni, il governo guidato da Carlo Cottarelli potrebbe andare subito al Senato a chiedere la fiducia, anche se c'è chi non esclude il voto la prossima settimana. Cottarelli chiederà il sostegno al suo governo per traghettare il Paese

    – di A. Carli e A.Gagliardi

1-10 di 968 risultati