Persone

Matteo Salvini


Matteo Salvini è nato il 9 marzo del 1973 a Milano ed è un politico italiano, attualmente europarlamentare e segretario federale della Lega Nord.

Iscrittosi alla Lega Nord fin dall'età di 17 anni, si è diplomato al Liceo classico Manzoni di Milano e nel 1992 si è iscritto, senza però riuscire a concludere gli studi, presso la facoltà di Storia dell''Università Statale di Milano.

Nel 1993 viene eletto consigliere comunale di Milano.

Membro del Movimento Giovani Padani, tra il 1994 ed il 1997 assume il ruolo di responsabile dei giovani di Milano per poi divenire segretario cittadino ed in seguito, dal 1998 fino al 2004, segretario provinciale.

Sempre nel 1997 inizia a lavorare come cronista per il quotidano la Padania, mentre nel 1999 diventa direttore dell'emittente radiofonica leghista Radio Padania Libera.

Tra il 2004 ed il 2006 diventa, in rappresentanza della lista della Lega Nord nella circoscrizione nord-ovest, deputato del Parlamento europeo.

Nel ruolo di parlamentare europeo, Matteo Salvini diventa membro della Commissione per la Cultura e l'Educazione e sostituto per la Commissione per l'Ambiente, la Salute Pubblica e la Sicurezza Alimentare, oltre che membro della Delegazione per la Commissione Parlamentare Congiunta tra Unione Europea e Cile.

Sostituito nella carica di parlamentare europeo da Gian Paolo Gobbo, Salvini viene rieletto (nel 2006) consigliere comunale di Milano, diventando successivamente capogruppo consiliare della Lega Nord e vicesegretario nazionale della Lega Lombarda.

Nel 2008, candidatosi alle politiche, diventa deputato della Camera, il 7 giugno del 2009 viene eletto al Parlamento europeo, incarico per optare il quale si dimette, l'anno successivo, dalla carica di deputato italiano.

Il 2 giugno 2012 viene eletto nuovo segretario della Lega Nord, decide pertanto, dopo 19 anni, di lasciare l'incarico di capogruppo e consigliere comunale della Lega Nord a Milano.

Il 7 dicembre del 2013 vince le primarie degli iscritti contro Umberto Bossi e viene eletto segretario federale della Lega Nord.

Nell'aprile del 2014, candidatosi alle elezioni europee come capolista della Lega Nord in tutte le cinque circoscrizioni elettorali, ottiene un totale di 387.361 preferenze.
Il 19 dicembre 2014, Salvini fonda il partito politico "Noi con Salvini" come controparte della Lega Nord nel Centro e Sud Italia.

Il 28 febbraio 2015, rganizza (con la partecipazione della Lega Nord, Fratelli d'Italia e CasaPound) una prima grande manifestazione a Roma contro il premier Renzi, in cui si va delinendo la sua futura candidatura a leader del centro destra, in contrapposizione con l'attuale premier Renzi.

Attualmente Salvini è alle prese con una spaccatura creatasi all'interno della Lega Nord per effetto della posizione assunta dal sindaco di Verona Flavio Tosi, anche segretario "nazionale" della Liga Veneta dal 2012.

Tosi, diversamente da Salvini - che vorrebbe una Ligue Nationale, ossia una Lega in grado di ottenere il consenso del centro e del Sud italia allendosi anche con le frange estreme della destra, rappresentate da CasaPound - ha assunto una posizione vicina all'attuale NCD di Alfano, dichiarandosi disposto a partecipare alle primarie del Centro Destra, qualora vi fossero.

In particolare, in occasione delle elezioni regionali previste per il maggio 2015, Tosi ha dichiarato di non sostenere la candidatura di Zaia, candidato ufficiale della Lega Nord in Veneto e di candidarsi autonomamente alla carica di governatore della regione Veneto.

Matteo Salvini è separato ed è padre di due figli: Federico (2003) e Mirta (2012).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Matteo Salvini
    • News24

    Salvini: «Sto con la coraggiosa Le Pen. Populista e me ne vanto»

    «Bisognerebbe ricoverare coloro che affermano che il nemico da abbattere in Europa è il populismo. Io lo sono e me ne vanto». Il leader della Lega Nord Matteo Salvini risponde così alle polemiche seguite al risultato registrato in Francia da Marine Le Pen al primo turno delle elezioni

    • News24

    Fi e Lega divise tra Le Pen e fronte europeista

    «Avrei preferito che al ballottaggio andasse Fillon, ma quel che per l'Italia è decisivo non è tanto la vittoria di Macron ma la probabile sconfitta di Marine Le Pen nella corsa all'Eliseo». Stefano Parisi, leader di Energie per l'Italia, usa parole più o meno simili a quelle pronunciate da Silvio

    – di Barbara Fiammeri

    • Agora

    L'Europa di Le Pen e quella di Macron

    E' difficile immaginare qualcosa di più distante tra l'idea che Marine Le Pen ha del ruolo della Francia in Europa, e la visione che Emmanuel Macron ha dell'Europa nella quale la Francia è parte essenziale. Due mondi, due sistemi diversi, perfino due epoche di riferimento storico opposte. E' sempre stato così in democrazia: dare spazio anche alle opinioni più intolleranti. Ma nel 1974, quando si presentò per la prima volta alle elezioni, il Front National di Jean-Marie Le Pen prese lo 0,75% dei...

    – Ugo Tramballi

    • Econopoly

    Perché tra le due Coree è solo il Nord a dare problemi (dubbi sul libero mercato?)

    Sono molte le fonti che ritengono vicina un'azione degli Stati Uniti d'America contro la Corea del Nord, soprattutto dopo l'ultimo test missilistico effettuato da quest'ultima (fallito). Più che la reale consistenza militare del regime di Pyongyang, preoccupa maggiormente il rischio di escalation che potrebbe conseguire da una "spedizione punitiva", difficilmente preventivabile, soprattutto in un'area soggetta a un sottilissimo equilibrio. Ma al di là delle numerose questioni geopolitiche che i...

    – Francesco Bruno

    • News24

    Migranti, Def: nel 2017 costi fino a 4,6 mld. Salvini, denunceremo il governo

    Nel 2017 le spese per il soccorso e l'accoglienza dei migranti potrebbero salire fino a 4,6 miliardi di euro (lo 0,27% del Pil), cioè fino ad un miliardo in più rispetto al 2016. Lega all'attacco sull'indicazione contenuta nel Def appena approvato dal governo, che documenta come il dossier migranti

    • Agora

    La primavera del nostro discontento politico

    E' incredibile come dal 4 dicembre a oggi, cioè dall'esito negativo del referendum istituzionale provocato dalla grande narrazione riformista renziana, in politica non sia successo praticamente nulla. Trovate una novità? Ditela. Diciamola. Certo, è nato un governo Renzi bis senza Renzi e con Paolo Gentiloni alla guida. Ovviamente è iniziata la stagione congressuale, primarie comprese, del Partito democratico, che nel frattempo ha subìto una scissione a sinistra da parte di Articolo 1 - Moviment...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Migranti, esodo di Pasqua: in tre giorni 8.500 tratti in salvo, 13 morti

    Il tempo migliora e gli sbarchi aumentano. Un'equazione matematica. Solo il peggioramento, dalla scorsa notte, delle condizioni meteorologiche, con mare molto mosso, ha fermato l'esodo di migranti dalla Libia verso l'Italia, che nel fine settimana era stato particolarmente intenso. Da venerdì a

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Riconoscere la paralisi per battere il sovranismo

    Quasi tutti i sistemi politici del nostro continente si stanno ridefinendo a partire dalla frattura sull'Europa. Rispetto a questa frattura, destra e sinistra non sono distinguibili. Sia nell'una che nell'altra c'è chi vuole ritornare alle sovranità nazionali del passato e chi invece vuole

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Ivrea, "qui niente politica". Ma è convention M5S

    E' la prima vera convention programmatica, il trampolino dal M5S di lotta al M5S di governo. L'evento di Ivrea "Sum#01 Capire il futuro", in memoria di Gianroberto Casaleggio e promossa dall'associazione a lui intitolata fondata dalla moglie Sabina e dal figlio Davide, si apre con un video

    – di Manuela Perrone

1-10 di 1236 risultati