Persone

Matteo Renzi

Matteo Renzi, nato l'11 gennaio del 1975 a Firenze, segretario del PD è stato presidente del Consiglio dei Ministri dal 22 febbraio 2014 al 5 dicembre 2016.

A seguito dell'esito contrario del referendum costituzionale (il 60% degli elettori ha bocciato la riforma da lui proposta) si è dimesso. Il 30 aprile 2017 con il 70% dei voti è stato rieletto alle primarie segretario del Pd. Gli altri due candidati erano Andrea Orlando (19.50%) e Michele Emiliano (10.49%).

E' stato nominato capo di Governo a soli 39 anni ed un mese di età, risultando il più giovane Premier della storia della Repubblica italiana.

Cresciuto a Rignano sull'Arno (FI), studia a Firenze, dove consegue il diploma di maturità classica al Liceo Ginnasio "Dante" e si laurea nel 1999 in Giurisprudenza.

Già da studente liceale comincia ad interessarsi all'attività politica ed acquisisce una formazione scout nell'Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani.

Prima di dedicarsi completamente all'attività politica, Renzi ha lavorato con varie responsabilità per la Chil srl, società di servizi di marketing (di proprietà della sua famiglia) di cui è dirigente in aspettativa.

Nel 1996 è tra i promotori dei Comitati Prodi in Toscana.

Nel 1999 diventa segretario provinciale del Partito Popolare Italiano.

Nel 2004 viene eletto Presidente della Provincia di Firenze, facendosi promotore della riduzione delle tasse in Provincia e del taglio dei costi dell'Ente.

Nel 2009 diventa il nuovo sindaco di Firenze e si fa portatore di un vento di novità, dimezzando la giunta e favorendo, con l'obiettivo di dire stop al cemento ed al consumo del suolo, un Piano strutturale a "volumi zero" per la città di Firenze.

Nel 2010 promuove la convention "Prossima Fermata: Italia", foriera dell'idea di una rottamazione della vecchia classe politica al potere.

Negli anni successivi le idee di rinnovamento promosse da Renzi si muovono sull'onda delle conventions "Big Bang" e "Italia Obiettivo Comune", che vedono l'adesione di diversi amministratori ed intellettuali italiani.

Nel 2012 Matteo Renzi si candida alle primarie del centrosinistra ma il 2 dicembre dello stesso anno perde il ballottaggio contro Pier Luigi Bersani.

Nel 2013 prende di nuovo parte alle primarie (questa volta del Partito Democratico) e l'8 dicembre vince la competizione con il 67,5% dei voti, diventando il nuovo segretario del Partito e battendo Gianni Cuperlo, Giuseppe Civati e Gianni Pittella.

Il 22 febbraio del 2014 diventa il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana risultando il più giovane in assoluto dall'Unità d'Italia ad oggi.

Per la Rizzoli ha pubblicato "Fuori!" (2011) e "Stilnovo" (2012).

Con la Mondadori invece ha dato alle stampe "Oltre la rottamazione" (2013).

Tra il 1° luglio ed il 31 dicembre 2014 ha assunto, quale presidente di turno, la carica di Presidente del Consiglio dell'Unione Europea.

Matteo Renzi è sposato con Agnese Landini dal 1999, hanno tre figli, Francesco (2001), Emanuele (2003) ed Ester (2006).

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Matteo Renzi | Associazione Guide | Scouts Cattolici Italiani | Gianni Cuperlo | Gianni Pittella | Giuseppe Civati | Mondadori | Rizzoli | Pier Luigi Bersani | Pd | PPI | Chil | Liceo Ginnasio | Presidente del Consiglio dei ministri | Agnese Landini | Toscana |

Ultime notizie su Matteo Renzi
    • News24

    I «liberal» dem: riformismo radicale contro i populisti

    Eppure quello di una possibile futura alleanza con il M5s - ipotesi evidentemente non di stretta attualità - è un tema agitato strumentalmente sia dallo stesso Matteo Renzi sia dai suoi avversari interni, e rischia di oscurare il tema di fondo:... Insomma, superare l’era Renzi non deve significare buttare a mare le riforme degli ultimi anni.

    – di Emilia Patta

    • News24

    Dall'hashtag #harakiriPd al segretario psichiatra, le frecciate di Calenda ai dirigenti Dem

    L’ultima frecciatina a un Pd uscito “provato” dalle elezioni politiche del 4 marzo Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo economico prima nel governo Renzi e poi in quello Gentiloni, la riserva alla dirigenza Dem, appena si rende conto che il suo tentativo di mettere allo stesso tavolo a cena Matteo Renzi, Paolo Gentiloni e Marco Minniti non è andato in porto.

    – di Andrea Carli

    • News24

    Orfini: «Non serve cambiare il nome, sciogliamo il Pd e rifondiamolo»

    Sul possibile avversario di Zingaretti, dal fronte dell’ex segretario del partito Matteo Renzi avanza l’ipotesi di Graziano Delrio. L’ex ministro delle Infrastrutture e attuale capogruppo alla Camera del Pd potrebbe alla fine rompere gli indugi e sfidare Zingaretti: il suo nome, infatti, potrebbe attrarre molti nomi dell’area riformista del partito che si era allontanate sotto la gestione Renzi.

    – di Redazione Roma

    • News24

    Davide Serra come Ronaldo: torna in Italia grazie al fisco-light

    Per Davide Serra, il finanziere amico di Matteo Renzi e fondatore di Algebris, società di gestione del risparmio con attivi per 12,3 miliardi di euro, il Belpaese è più attrattivo che mai. ... Il provvedimento era stato fortemente voluto proprio da Renzi, di cui Serra è uno dei più decisi sostenitori, ma ad attuarlo concretamente è stato il suo successore a Palazzo Chigi, Paolo Gentiloni. ... Il referendum, però, non è andato come previsto, i “Sì” non hanno prevalso, Renzi ha lasciato...

    – di Angelo Mincuzzi

    • News24

    Milleproroghe, sì della Camera alla fiducia. Pd in trincea

    La linea scelta dal Pd ieri alla Camera sarebbe stata ispirata da Matteo Renzi e la sua assenza di oggi alla riunione del gruppo democratico sarebbe motivata anche dalla larga condivisione del comportamento da tenere nei confronti del provvedimento del governo, stando ad alcune ricostruzioni.

    – di Nicola Barone

    • News24

    Dal jobs act al decreto dignità: i 100 giorni di Renzi, Gentiloni e Conte

    Il più prolifico è stato Matteo Renzi che a colpi di slide nei 100 giorni fece approvare 11 decreti legge lanciando subito i suoi cavalli di battaglia: il jobs act e gli 80 euro. ... Renzi e la bandiera del jobs act ... E' così è stato per tutti e gli ultime tre premier: sicuramente per Renzi che dopo 20 giorni dal suo insediamento portò in consiglio dei ministri il decreto con la riforma del mercato del lavoro (il famoso jobs act).

    – di Marzio Bartoloni e Andrea Marini

    • Econopoly

    L'Italia ce la farà? Ecco tre scenari

    Entrambi navigano in pessime acque: Forza Italia, il partito di Silvio Berlusconi, è debole e raggranellerebbe a malapena il 10 per cento dei voti, mentre il Partito democratico di Matteo Renzi è un contenitore vuoto accreditato dai sondaggi di circa il 15 per cento dei consensi.

    – Econopoly

1-10 di 10298 risultati