Persone

Matteo Renzi

Matteo Renzi è nato l'11 gennaio del 1975 a Firenze ed è stato Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica italiana dal 22 febbraio 2014 al 5 dicembre 2016.

A seguito dell'esito contrario del referendum costituzionale (il 60% degli elettori ha bocciato la riforma da lui proposta) si è dimesso.

E' stato nominato capo di Governo a soli 39 anni ed un mese di età, risultando il più giovane Premier della storia della Repubblica italiana.

Cresciuto a Rignano sull'Arno (FI), studia a Firenze, dove consegue il diploma di maturità classica al Liceo Ginnasio "Dante" e si laurea nel 1999 in Giurisprudenza.

Già da studente liceale comincia ad interessarsi all'attività politica ed acquisisce una formazione scout nell'Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani.

Prima di dedicarsi completamente all'attività politica, Renzi ha lavorato con varie responsabilità per la Chil srl, società di servizi di marketing (di proprietà della sua famiglia) di cui è dirigente in aspettativa.

Nel 1996 è tra i promotori dei Comitati Prodi in Toscana.

Nel 1999 diventa segretario provinciale del Partito Popolare Italiano.

Nel 2004 viene eletto Presidente della Provincia di Firenze, facendosi promotore della riduzione delle tasse in Provincia e del taglio dei costi dell'Ente.

Nel 2009 diventa il nuovo sindaco di Firenze e si fa portatore di un vento di novità, dimezzando la giunta e favorendo, con l'obiettivo di dire stop al cemento ed al consumo del suolo, un Piano strutturale a "volumi zero" per la città di Firenze.

Nel 2010 promuove la convention "Prossima Fermata: Italia", foriera dell'idea di una rottamazione della vecchia classe politica al potere.

Negli anni successivi le idee di rinnovamento promosse da Renzi si muovono sull'onda delle conventions "Big Bang" e "Italia Obiettivo Comune", che vedono l'adesione di diversi amministratori ed intellettuali italiani.

Nel 2012 Matteo Renzi si candida alle primarie del centrosinistra ma il 2 dicembre dello stesso anno perde il ballottaggio contro Pier Luigi Bersani.

Nel 2013 prende di nuovo parte alle primarie (questa volta del Partito Democratico) e l'8 dicembre vince la competizione con il 67,5% dei voti, diventando il nuovo segretario del Partito e battendo Gianni Cuperlo, Giuseppe Civati e Gianni Pittella.

Il 22 febbraio del 2014 diventa il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana risultando il più giovane in assoluto dall'Unità d'Italia ad oggi.

Per la Rizzoli ha pubblicato "Fuori!" (2011) e "Stilnovo" (2012).

Con la Mondadori invece ha dato alle stampe "Oltre la rottamazione" (2013).

Tra il 1° luglio ed il 31 dicembre 2014 ha assunto, quale presidente di turno, la carica di Presidente del Consiglio dell'Unione Europea.

Matteo Renzi è sposato con Agnese Landini dal 1999, i due hanno tre figli, Francesco (2001), Emanuele (2003) ed Ester (2006).

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Matteo Renzi
    • News24

    Medium lancia gli abbonamenti per retribuire gli autori (e sopravvivere)

    Dopo cinque anni di attività e oltre sette milioni di storie pubblicate, Medium fa il salto verso una versione "premium", che poi in sostanza vuol dire "a pagamento". La piattaforma a metà tra il blog e il social network - scelta da Matteo Renzi per il suo ritorno in campo - ha lanciato una formula

    – di Francesca Milano

    • News24

    Mattarellum, anche Mdp frena ma Renzi va avanti

    Anche perché il principale sfidante di Matteo Renzi per la guida del Pd è il guardasigilli Andrea Orlando, che non è orientato a portare avanti ad oltranza la linea sul Mattarellum perché - come sottolineato anche ieri dai deputati a lui vicini -... ...non sarà più Renzi.

    – Barbara Fiammeri

    • News24

    Obiettivo sconto sul deficit, partita con la Ue in due tempi

    ...l'atteggiamento di Matteo Renzi, probabile vincitore delle prossime primarie del Pd) rende l'intera partita alquanto complessa. Di certo, Renzi - lo ha già detto chiaramente - non appoggerebbe una manovra monstre a suon di tagli e aumenti di tasse, a pochi mesi dalle elezioni.

    – di Dino Pesole

    • News24

    Dietro il no al Mattarellum gli interessi dei singoli partiti

    Dopo essersi detto pronto a sostenere la proposta di Renzi per un ritorno al Mattarellum, nei giorni scorsi il leader della Lega ha detto che essendo il Pd «inaffidabile» meglio andare al voto con il proporzionale in vigore. ... Andrea Orlando, ministro della Giustizia e principale sfidante di Matteo Renzi per la guida del Pd che si deciderà il prossimo 30 aprile, non sembra così entusiasta di tornare a quello che ha definito un «maggioritario muscolare». ...ufficialmente con Renzi.

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    Renzi in vantaggio nei circoli

    Matteo Renzi guida con decisione la gara congressuale: il voto nei circoli tra i soli iscritti, che è cominciato il 20 marzo e si concluderà domenica, lo vede in testa con circa il 63% delle preferenze nei 593 circoli dove si è votato finora sui... Lo prova il fatto che in Emilia Romagna ha ottenuto soltanto il 2,5% (Renzi è al 62,3%) e in Toscana l'1,3%, mentre in Calabria è volato all'8,74 per cento. ... Renzi guarda oltre: nella enews difende le scelte sui conti pubblici («peggiorati con i...

    • News24

    Tensioni nel governo. Renzi: «Stimo Padoan»

    Matteo Renzi non ne vuole sapere. ... Nel frattempo però Renzi ci tiene a mostrarsi particolarmente conciliante verso il titolare dell'Economia al quale - scriveva ieri sulla sua Enews - lo lega «un rapporto personale di stima e amicizia che nessun retroscena giornalistico riuscirà a mettere in discussione». ... Ma per Renzi la difesa dell'operato del suo Governo è il cuore della campagna per le primarie.

    – Barbara Fiammeri

    • News24

    Pd, Letta: voterò Orlando. Botta e risposta con Renzi su flessibilità e conti

    «Non riscendo in campo ma alla fine voglio dare una chance al partito, parteciperò e voterò per Andrea Orlando». Lo ha annunciato Enrico Letta durante l'intervista con Lucia Annunziata a "In mezz'ora". Anche rispetto al fatto che Orlando ieri era l'unico dei tre candidati alla segreteria Pd

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    L'Europa riparte da Roma e sfuma sulla doppia velocità: «No a club esclusivi»

    Pur senza le grandi capacità mediatiche del suo predecessore, Matteo Renzi, l'attuale presidente del Consiglio ha saputo usare il linguaggio giusto a Bruxelles negli ultimi mesi, cosa che gli ha consentito di avere il sostegno dei grandi Paesi a cominciare dalla Germania per superare le difficoltà sull'approvazione del testo finale della dichiarazione di Roma da parte dei Paesi dell'Est guidati dalla Polonia.

    – di Gerardo Pelosi

1-10 di 9349 risultati