Persone

Matteo Orfini

Matteo Orfini è nato il 30 agosto del 1974 a Roma ed è un politico italiano, attuale presidente del Partito Democratico.
Figlio del produttore cinematografico Mario Orfini, Matteo ha intrapreso l'attività politica già durante gli anni del Liceo. Conseguita la maturità classica presso il Liceo Classico Mamiani di Roma, ha frequentato gli studi universitari per diventare archeologo ma non ha conseguito il titolo.

Per quattro anni ha rivestito la carica di segretario del Circolo PD Mazzini del quartiere romano di Prati.

E' stato stretto collaboratore e portavoce di Massimo D'Alema, durante il periodo di permanenza del dirigente politico al Parlamento europeo.

E' stato responsabile delle relazioni istituzionali della Fondazione Italianieuropei e nella segreteria nazionale, sotto la prima reggenza Bersani, responsabile cultura ed informazione.

Nel 2012 ha partecipato, collocandosi in posizione utile, alle primarie dei parlamentari nel Lazio, candidatosi col Pd nella XV circoscrizione (Lazio I) è stato proclamato deputato della Camera il 5 marzo del 2013.

Il 7 maggio 2013 è diventato membro della VII Commissione (Cultura, scienza ed istruzione) .

Dal 5 giugno 2013 fa parte della Commissione Parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

Il 14 giugno del 2014 è stato eletto Presidente dell'Assemblea Nazionale del Pd.

Il 4 dicembre del 2014, in seguito allo scandalo della cosiddetta Mafia Capitale, è stato nominato da Matteo Renzi commissario straordinario del Partito Democratico romano.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Matteo Orfini
    • News24

    Banche, commissione inchiesta al completo: verso convocazione il 27 settembre

    Il Pd ha indicato Francesco Bonifazi, Susanna Cenni, Gian Pietro Dal Moro, Carlo Dell'Aringa, Matteo Orfini, Giovanni Sanga, Luigi Taranto, Franco Vazio (alla Camera) e Mauro Del Barba, Camilla Fabbri, Stefania Giannini, Andrea Marcucci, Mauro Maria Marino, Franco Mirabelli, Gian Carlo Sangalli (al Senato).

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Ius soli, Pisapia: non più procrastinabile una soluzione

    La strada indicata dal presidente del Pd Matteo Orfini rimane quella della questione di fiducia a Palazzo Madama («altrimenti ci sarebbe un assalto delle opposizioni e se passasse un emendamento saremmo da capo»).

    – di Nicola Barone

    • News24

    Matteo Orfini

    Nato a Roma il 30 agosto 1974, maturità classica, deputato, Matteo Orfini, esponente dell'area dei "Giovani Turchi", il gruppo di quarantenni di provenienza Ds attualmente compresa nella maggioranza renziana del Pd, è presidente dell'Assemblea Nazionale del partito dal 2014.

    • News24

    Commissione banche, ecco i nomi dei componenti

    Alla Camera Matteo Orfini, Francesco Bonifazi, Carlo Dell'Aringa, Franco Vazio, Giovanni Sanga, Luigi Taranto, Susanna Cenni e Gian Pietro Dal Moro.

    – di Nicola Barone e Marco Mobili

    • News24

    Sgombero a Roma, accordo per 40 migranti. Ma il sindaco di Forano dice no

    I circa 40 migranti sgomberati dall'immobile di via Curtatone a Roma che si trovano in condizioni di particolare disagio e fragilità potranno trovare alloggio in sei villette in una località in provincia di Rieti. E' questa, a quanto si apprende, la soluzione oggetto dell'accordo tra Campidoglio e

    – di Andrea Gagliardi

    • Agora

    Lo sgombero di Palazzo Curtatone: il teatrino della politica e le perdite milionarie dei fondi pensione sull'edificio

    Palazzo Curtatone a Roma, ex-storica sede di Federconsorzi, è stato sgomberato dai centinaia di occupanti abusivi, in gran parte rifugiati eritrei. Per una volta "The Insider" si occupa di una vicenda di cronaca, ma con conseguenze finanziarie. Proprio questa rubrica, oltre un anno fa, ha messo in evidenza gli aspetti economici dell'occupazione: in un lungo articolo ("La vicenda assurda di palazzo Curtatone: volatilizzati oltre 4 milioni di euro del fondo Omega") erano stati evidenziati (oltre ...

    – Carlo Festa

    • News24

    Istruttoria su Vivendi-Tim, si complica la campagna d'Italia di Bolloré

    Altrimenti - è questa una delle preoccupazioni espresse dal presidente Pd Matteo Orfini nell'interpellanza che il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda non ha lasciato cadere - il rischio è che si distolgano fondi dagli investimenti nella rete, che il Governo ha a cuore, per dirottarli.

    – di Antonella Olivieri

    • News24

    Calenda: «Su Fincantieri non arretriamo»

    Del resto lo stesso Pd, con il presidente Matteo Orfini, a proposito di risposte alla mossa francese, ha parlato in questi giorni di «ritorno sotto controllo e proprietà pubbliche della rete telefonica», non dell'ex monopolista.

    – di C.Fo.

1-10 di 367 risultati