Persone

Matteo Orfini

Matteo Orfini è nato il 30 agosto del 1974 a Roma ed è un politico italiano, attuale presidente del Partito Democratico.
Figlio del produttore cinematografico Mario Orfini, Matteo ha intrapreso l'attività politica già durante gli anni del Liceo. Conseguita la maturità classica presso il Liceo Classico Mamiani di Roma, ha frequentato gli studi universitari per diventare archeologo ma non ha conseguito il titolo.

Per quattro anni ha rivestito la carica di segretario del Circolo PD Mazzini del quartiere romano di Prati.

E' stato stretto collaboratore e portavoce di Massimo D'Alema, durante il periodo di permanenza del dirigente politico al Parlamento europeo.

E' stato responsabile delle relazioni istituzionali della Fondazione Italianieuropei e nella segreteria nazionale, sotto la prima reggenza Bersani, responsabile cultura ed informazione.

Nel 2012 ha partecipato, collocandosi in posizione utile, alle primarie dei parlamentari nel Lazio, candidatosi col Pd nella XV circoscrizione (Lazio I) è stato proclamato deputato della Camera il 5 marzo del 2013.

Il 7 maggio 2013 è diventato membro della VII Commissione (Cultura, scienza ed istruzione) .

Dal 5 giugno 2013 fa parte della Commissione Parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

Il 14 giugno del 2014 è stato eletto Presidente dell'Assemblea Nazionale del Pd.

Il 4 dicembre del 2014, in seguito allo scandalo della cosiddetta Mafia Capitale, è stato nominato da Matteo Renzi commissario straordinario del Partito Democratico romano.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Matteo Orfini
    • News24

    Pd, slitta l'assemblea: Martina appoggia la richiesta dei renziani. No delle minoranze

    La nota è arrivata in serata. Il reggente del Pd Maurizio Martina ha chiesto il rinvio dell'Assemblea nazionale del 21 aprile al presidente del partito Matteo Orfini. Scontato a questo punto che rinvio sarà. Tanto più che Orfini è schierato sulla linea di Renzi. E sono stati proprio i renziani a

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Consultazioni, il Pd resta all'opposizione

    I dem (che salgono al Colle con la stessa delegazione del 6 aprile composta dal segretario reggente Maurizio Martina, dai capigruppo al Senato Andrea Marcucci e alla Camera Graziano Delrio, nonché dal presidente Matteo Orfini) vedono il capo dello Stato alle 16.30. E ribadiranno la posizione votata

    • News24

    Governo, Martina: ok autocritica di Di Maio, ma resta ambiguità

    «L'autocritica nei toni è apprezzabile, resta evidente l'ambiguità politica. Noi continuiamo a pensare che la differenza la fanno i contenuti. Da questo punto di vista non vedo novità. Il tempo dell'ambiguità è finito». Così il reggente Pd, Maurizio Martina, commenta l'appello a «sotterrare l'ascia

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Consultazioni: volti nuovi tra i capigruppo, eccezione Lega con Giorgetti

    Volti nuovi al Colle tra i capigruppo dei principali partiti per le consultazioni iniziate oggi con i presidenti di Camera e Senato. Con l'unica eccezione della Lega, che, a confronto con lo scenario post elezioni 2013, nella sua delegazione conferma il presidente dei deputati Giancarlo Giorgetti,

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Domani consultazioni al via, in 48 ore Mattarella riceve tutti i partiti

    Si aprirà domani, a un mese esatto dalle elezioni, il primo giro di consultazioni del presidente Sergio Mattarella per la formazione del nuovo governo. Si parte domattina, alle 10,30, con la presidente del Senato, Elisabetta Casellati e si chiude giovedì, alle 16,30 con la delegazione dei Cinque

    – di Redazione Roma

    • News24

    Senato, eletti i vicepresidenti: Calderoli, Rossomando, La Russa,Taverna

    L'Aula di Palazzo Madama ha eletto i suoi 4 vicepresidenti: Roberto Calderoli della Lega con 164 voti e Ignazio La Russa per Fratelli d'Italia con 119 voti, Paola Taverna del M5S con 105 e Anna Rossomando del Pd con 63 preferenze. Intanto, sul fronte dellla trattativa per il governo, il Quirinale

    – di Redazione Roma

    • News24

    Presidenze Camera e Senato, cresce l'ipotesi di un accordo tra M5S e Lega

    La scelta dei presidenti di Camera e Senato sembra andare sempre più verso un dialogo a due tra M5S e la coalizione di centrodestra, ovvero le due forze politiche che sono uscite vincitrici dall'ultima tornata elettorale del 4 marzo, con la Lega nel secondo caso a svolgere una funzione di pivot

    – di Andrea Carli

1-10 di 409 risultati