Persone

Matteo Garrone

Matteo Garrone è nato il 15 ottobre del 1968 a Roma ed è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Ritenuto uno dei migliori registi italiani degli ultimi anni, è stato insignito dell'ultimo David di Donatello quale migliore regista per il film "Il racconto dei racconti - Tale of Tales" .

Figlio di un critico teatrale, inizia a dedicarsi al cinema da giovanissimo quando, appena diplomatosi al Liceo artistico "Ripetta" di Roma, inizia a lavorare come aiuto-operatore dedicandosi successivamente all'arte pittorica.

Esordisce nel mondo cinematografico con una serie di documentari, "Silhouette" (1996), "Terra di mezzo" (1997) e "Bienvenido espirito santo" (1997) (girato con con Carlo Cresto-Dina e dedicato al movimento pentacostale).

Nel 1998 gira il documentario "Oreste Pipolo, fotografo di matrimoni" e "Il caso di forza maggiore", tratto da un racconto di Massimo Bontempelli.

Nel 2000 gira "Estate romana" ma il successo della critica arriva per Garrone nel 2002 con "L'imbalsamatore", che gli vale la vittoria di un David di Donatello per la migliore sceneggiatura.

Nel 2004 presenta "Primo amore", liberamente ispirato a "Il cacciatore di anoressiche" di Marco Mariolini e il 2008 esce nei cinema italiani "Gomorra" ( tratto dal libro-inchiesta di Roberto Saviano), che gli consente di vincere un Grand Prix al Festival di Cannes ed una una nomination al Golden Globe.

Nel 2013 vince nuovamente, col film commedia "Reality", il Grand Prix a Cannes.

Nel 2015 è regista e sceneggiatore del racconto fantasy "Il racconto dei racconti - Tale of Tales", in concorso al Festival di Cannes 2015, che gli consente di ottenere un David di Donatello, come miglior regista e viene premiato con ben altri 6 David, rispettivamente per fotografia, scenografia, costumi, trucco, accociature ed effetti speciali.

Matteo Garrone è sposato con Nunzia ed ha un figlio, Nicola nato nel 2008 dalla loro unione.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Matteo Garrone
    • News24

    Cannes, Palma d'oro all'opera ironica e delicata di Hirokazu Kore-eda

    Si temeva fino all'ultimo che alla 71esima edizione del festival di Cannes dovesse trionfare il politically correct: la Palma assegnata a una donna con una giuria a maggioranza femminile e una presidente battagliera come Cate Blanchett. E invece ha vinto il cinema con Un affare di famiglia di

    – di Cristina Battocletti

    • Agora

    Cannes '71: Palma d'oro alla famiglia irregolare di Hirokazu Kore-eda. Agli italiani sceneggiatura e attore

    Si temeva fino all'ultimo che alla 71esima edizione del festival di Cannes dovesse trionfare il politically correct: la Palma assegnata a una donna con una giuria a maggioranza femminile e una presidente battagliera come Cate Blanchett. E invece ha vinto il cinema con Un affare di famiglia di Hirokazu Kore-eda, una pellicola di rara omogeneità e bellezza, gentile e ironica analisi del mondo infantile che tanto sta a cuore al regista giapponese, come ha dimostrato con Father and Son (2013) e Lit...

    – Cristina Battocletti

    • Agora

    Cannes '71: la favola noir del Canaro di Garrone conquista Cannes

    Il muso di un cane ringhia e abbaia a tutto schermo, inferocito dalle catene che lo costringono. La voce di un folletto di età incerta, forse millenaria, che pesca sottoterra, tenta con dolcezza di riportare l'animale alla ragione, tranquillizzandolo. Inizia così Dogman uno dei film più belli di Matteo Garrone, in cui si mescolano con equilibrio commovente e mai retorico tutti gli elementi che ricorrono nel cinema del regista romano: il reale che diventa sovrannaturale e viceversa, la malavita,...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    «Dogman», Garrone e l'eterna lotta tra l'uomo e la bestia (nell'uomo)

    Il muso di un cane ringhia e abbaia a tutto schermo, inferocito dalle catene che lo costringono. La voce di un folletto di età incerta, forse millenaria, che pesca sottoterra, tenta con dolcezza di riportare l'animale alla ragione, tranquillizzandolo. Inizia così Dogman uno dei film più belli di

    – di Cristina Battocletti

    • Agora

    Cannes '71parte nel segno del #MeToo

    Con una cerimonia inaugurale improntata alla novità, inizia la 71esima edizione del Festival di Cannes: anzitutto non sono ammessi i selfie sul tappeto rosso e non esistono più anteprime per la stampa per imbavagliare blogger e twitteristi dalla mano troppo lesta, che rovinino con i loro commenti le cerimonie ufficiali. Anche la Croisette poi, come Hollywood, è stata travolta dall'ondata del #MeToo: sono previste manifestazioni contro le molestie sessuali e c'è un numero cui possono rivolgersi l...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Cannes parte nel segno del #MeToo

    Con una cerimonia inaugurale improntata alla novità, inizia la 71esima edizione del Festival di Cannes: anzitutto non sono ammessi i selfie sul tappeto rosso e non esistono più anteprime per la stampa per imbavagliare blogger e twitteristi dalla mano troppo lesta, che rovinino con i loro commenti

    – di Cristina Battocletti

    • News24

    Festival di Cannes 2018, i 10 film più attesi sulla Croisette

    Manca poco all'inizio del Festival di Cannes 2018, in programma dall'8 al 19 maggio. La settantunesima edizione della kermesse francese si presenta ricca di titoli importanti, divisi tra varie sezioni.Vediamo quali sono i 10 film più attesi in arrivo sulla Croisette:The House That Jack Built di

    – di Andrea Chimento

    • News24

    Dogman di Matteo Garrone

    Insieme ad Alice Rohrwacher con «Lazzaro felice», Matteo Garrone rappresenterà il cinema italiano nel concorso di Cannes. Il suo «Dogman» è uno dei titoli più attesi in assoluto del cartellone: liberamente ispirata alla storia del Canaro della Magliana, la pellicola si preannuncia cruda nelle

1-10 di 294 risultati