Persone

Matteo Del Fante

Matteo Del Fante, nato a Firenze il 27 maggio 1967, è un manager italiano da maggio 2014 Amministratore Delegato di Terna. Dal 18 marzo 2017 è stato designato dal governo italiano quale nuovo amministratore delegato di Poste Italiane.

È laureato in Economia politica presso l'Università Bocconi di Milano. Ha frequentato corsi di specializzazione in mercati finanziari internazionali presso la Stern Business School, New York University. Da maggio 2014 è ad e direttore generale di Terna, società in cui dall'aprile 2008 è stato membro del cda e del Comitato Controllo e Rischi. Inoltre, dal 25 giugno 2015, è Vice Presidente di ENTSO-E, l'Associazione europea dei gestori delle reti di trasmissione elettrica.

Ha iniziato la sua carriera in JP Morgan nel 1991 dove ha lavorato fino al 2003 nel 2004 è entrato in Cassa depositi e prestiti S.p.A. come Responsabile Finanza e M&A.

Dal giugno 2010 a maggio 2014 è stato direttore generale di CDP, fino alla nomina in Terna. È stato, inoltre, membro dei consigli di amministrazione di numerose società partecipate dal Gruppo CDP, tra le quali STMicroelectronics e del Fondo Europeo per l'Efficienza Energetica (EEEF) dal 2011 al 2013.

Ultimo aggiornamento 20 marzo 2017

Ultime notizie su Matteo Del Fante
    • News24

    Cdp-Poste, doppio asse su risparmio e pagamenti

    Ma proprio il gruppo guidato da Matteo Del Fante è destinato ad alleggerire l'esposizione su Anima e in particolare sul risparmio, lasciando spazio a Cdp: in cambio, nel disegno messo a punto proprio dalla Cassa di concerto con il Tesoro, potrebbe ricevere un'altra quota di Sia, la società specializzata nelle infrastrutture e servizi tecnologici dedicati alle banche di cui Cdp è primo socio con il 49,5% attraverso il veicolo Fsia investimenti, controllato al 70%?dal Fondo strategico e al 30%...

    – di Marco Ferrando e Laura Serafini

    • News24

    Bpm, Poste e Cdp: nasce il terzo polo del risparmio

    Poste in questo modo ridurrebbe la propria esposizione nel risparmio gestito, business che non sarebbe più così prioritario per il nuovo ad Matteo Del Fante.

    – di Luca Davi, Marco Ferrando e Laura Serafini

    • News24

    Poste Vita investe 2,6 miliardi nel mattone

    La strategia dei primi tre anni, secondo quanto risulta al Sole 24 Ore, dovrebbe continuare nei prossimi anni, anche se il nuovo a.d. Matteo Del Fante dovrà occuparsene nel dettaglio in occasione della messa a punto del nuovo piano strategico.

    – di Evelina Marchesini

    • News24

    Poste, più raccolta e meno asset management

    Il nuovo ad di Poste Italiane Matteo Del Fante apre i cantieri per il nuovo piano industriale. E la novità è nel fatto che la strategia torna a puntare sui settori tradizionali del gruppo: la corrispondenza e la spedizione dei pacchi, ma anche i servizi finanziari, che garantiscono lo zoccolo duro

    – Laura Serafini

    • News24

    Poste pronta a confermare la dividend policy

    Il nuovo ad di Poste Italiane, Matteo Del Fante, sceglie l'occasione della presentazione della trimestrale per dare le prime indicazioni sulla sua strategia per la società dei recapiti. Il manager ha annunciato la presentazione del nuovo piano industriale «per le fine del 2017 o l'inizio del 2018».

    – Laura Serafini

    • News24

    Caio: «Restituiamo le Poste più forti»

    «Restituiamo un'azienda più forte e più competitiva, ci hanno dato una bellissima nave e noi abbiamo imboccato la rotta vincente, quella che segue logiche di mercato e risponde alle esigenze del cliente. Il mio augurio è che continui in questa direzione. Come capitano ci si prende la responsabilità

    – Laura Serafini

    • News24

    Terna, il 5,2% dei fondi per la lista di Cdp

    L'era di Luigi Ferraris, manager di lungo corso, al vertice di Terna («il suo know how è un valore, come lo sono i traguardi raggiunti negli ultimi anni», sono le sue prime parole subito dopo la nomina), con Catia Bastioli riconfermata alla presidenza per un secondo mandato, comincia nel segno di

    – Celestina Dominelli

    • News24

    Padoan difende le nomine Etica, il Tesoro riscrive la direttiva Saccomanni

    Il ministero dell'Economia ha riscritto in zona Cesarini la direttiva Saccomanni del 2013 sulle nomine dei cda delle società controllate dallo Stato eliminando i requisiti rafforzati di onorabilità, che prescrivevano tra l'altro l'ineleggibilità per chi fosse rinviato a giudizio tra l'altro per

    – di Gianni Dragoni

1-10 di 232 risultati