Persone

Matteo Arpe

Matteo Arpe è un banchiere, azionista di maggioranza del gruppo finanziario Sator, che lui stesso ha contribuito a fondare, e che si occupa di private equity e asset management. In precedenza, fino al 2007 è stato amministratore delegato di Capitalia, dimettendosi dopo la decisione della fusione con UniCredito Italiano. Già nel 2006 Arpe si era opposto alla fusione tra la banca romana e quella milanese. Per bloccare una possibile scalata aveva acquistato il 2% delle azioni di UniCredito, impedendo di fatto l'acquisizione. È stato inoltre nel consiglio di amministrazione di Banca di Roma e Mediobanca e nel comitato esecutivo dell'Associazione bancaria italiana.

Alla carica di amministratore delegato di Capitalia era giunto nel 2003, dopo essere stato in precedenza direttore generale a partire dal 2002. Nel gruppo Banca di Roma era entrato nel 2001 in qualità di amministratore delegato del Mediocredito Centrale. Prima di approdare al Gruppo Banca di Roma aveva lavorato dal 2000 per Lehman Brothers occupandosi dell'area strategic equity a livello europeo.

Gli esordi professionali di Matteo Arpe sono in Mediobanca, dove entra nel 1987 e vi rimane fino al 2000, rivestendo incarichi sempre più importanti fino a quello di direttore centrale della finanza straordinaria.

Nell'estate del 2016 lancia Tinaba, acronimo di "This is not a bank", piattaforma per i pagamenti digitali tramite il Sator Private Equity Fund con un investimento da 30 milioni di euro

Matteo Arpe è laureato in economia aziendale all'Università Bocconi di Milano e dal 2004 è docente a contratto presso la facoltà di economia della LUISS Guido Carli, dove insegna economia delle aziende di credito.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Matteo Arpe
    • Agora

    I soci di Nextam danno mandato esplorativo a Mediobanca per un partner: contatti con Banca Profilo

    rocede verso un consolidamento il settore del private banking e della gestione dei grandi patrimoni. I riflettori sono ora puntati su Nextam Partners. Secondo indiscrezioni, infatti i soci del gruppo avrebbero affidato a Mediobanca un mandato esplorativo per valutare opportunità di espansione e di partnership, in modo da crescere in un settore dove oggi è importante fare un salto dimensionale, un'esigenza sentita soprattutto per le strutture indipendenti. Con sede a Londra, Milano e Firenze, N...

    – Carlo Festa

    • News24

    Più peso ai fondi, in Borsa sale la voglia di «ribaltone»

    L'offensiva del fondo Elliott su Tim, per ribaltare gli equilibri in consiglio di amministrazione e incidere sulla governance, arriva a pochi giorni di distanza da quella del fondo Capital Management su Carige per chiedere l'ingresso di propri rappresentanti nel board (richiesta per ora rifiutata).

    – di Alessandro Graziani

    • News24

    Bancarotta, pene accessorie alla Consulta

    Non convincono la Cassazione le sanzioni per la bancarotta. Tanto da rinviare la questione alla Corte costituzionale. Il dubbio sollevato ieri con la sentenza n. 52613 della Quinta sezione riguarda la durata delle misure accessorie, i 10 anni cioè previsti di inabilitazione all'esercizio di una

    – di Giovanni Negri

    • News24

    Tinaba guarda con favore alla spinta di Whatsapp in Italia

    Trasferimenti senza commissioni,direttamente dal proprio conto in banca. Tinaba, il servizio lanciato nel 2016 dal fondo Sator di Matteo Arpe, sfrutta una tecnologia nota nel fintech: una piattaforma per inviare denaro ed effettuare pagamenti a costo zero, nata con un investimento da 30 milioni di

    – di Alb.Ma.

    • News24

    Alitalia e le altre: tutti i crack delle compagnie aeree italiane

    Italia, popolo di santi, poeti e navigatori. E in effetti non si parla di aerei. Per un qualche fatidica e insondabile anomalia storica, gli italiani sembrano incapaci di gestire compagnie aeree. Con l'amministrazione straordinaria di Alitalia, ossia l'azzeramento dei soci e la gestione sotto

    – di Simone Filippetti

    • News24

    Alitalia e le altre: tutti i crack delle compagnie aeree italiane

    Italia, popolo di santi, poeti e navigatori. E in effetti non si parla di aerei. Per un qualche fatidica e insondabile anomalia storica, gli italiani sembrano incapaci di gestire compagnie aeree. Con l'amministrazione straordinaria di Alitalia, ossia l'azzeramento dei soci e la gestione sotto

    – di Simone Filippetti

    • News24

    Alitalia e le altre/Le Notti Magiche di Eurofly

    Soddu, condannato al carcere per il crack della MyAir, non è l'unico ex comandante ad aver tentato il salto. Molti piloti si lasciano ammaliare dalle sirene di diventare proprietari di una compagnia. Il più famoso di tutti rimane Augusto Angioletti, altro ex comandante che creò la EuroFly e visse

    • News24

    Le fintech Usa vogliono fare concorrenza alle banche (grazie a Trump)

    La "guerra dei mondi" tra il sistema bancario tradizionale e le fintech (società innovative che utilizzano informatica e web per offrire servizi finanziari, spesso senza l'intermediazione delle banche) si arricchisce di un nuovo episodio. L'Office of the Comptroller of the Currency (OCC), autorità

    – di Mauro Del Corno

    • NovaOther

    La banca programmabile

    JPMorganChase sta lavorando a una profilazione dei clienti sul modello di Amazon e intanto si allea con la fintech Intuit per usare i suoi dati creando nuovi servizi. Mastercard ha avviato da tempo un progetto per creare una piattaforma aperta per i pagamenti. Banca Sella parte proprio in queste settimane con servizi fatti su misura per le singole aziende, integrate nelle loro attività, grazie alle Api, le application programming interfaces che permettono di dialogare con altri soggetti. Non è ...

    – Pierangelo Soldavini

1-10 di 307 risultati