Persone

Massimo Ciancimino

Massimo Ciancimino è un imprenditore e un testimone chiave nelle indagini delle Procure di Palermo e Caltanissetta sulla stagione stragista di Cosa Nostra del 1992-1993. Figlio di Vito Ciancimino ha testimoniato al processo contro Mario Mori e Mauro Obinu.

Massimo Ciancimino è un imprenditore che opera nel settore dei divani e degli orologi.

Insieme al giornalista Francesco La Licata, Massimo Ciancimino ha scritto il libro: Don Vito.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Massimo Ciancimino
    • News24

    Arrestato a Roma il faccendiere Apolloni, protagonista dei Panama Papers

    Apolloni, che operava sia in Italia sia all'estero, era già finito in carcere per reati tributari nel luglio del 2013 quando, sulla base delle indagini della Dda di Bologna, era risultato in collegamento con Massimo Ciancimino, il figlio dell'ex sindaco di Palermo Vito.

    – di Redazione Online

    • News24

    Stato-Mafia: condannati Mori e Dell'Utri, assolto Mancino

    La Corte di Assise di Palermo ha condannato a pene comprese tra 8 e 28 anni di carcere per la cosiddetta trattativa Stato-Mafia gli ex vertici del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l'ex senatore Marcello Dell'Utri, Massimo Ciancimino e i boss Leoluca Bagarella e Nino Cinà.

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Stato-mafia: procura chiede 15 anni per Mario Mori, 12 per Dell'Utri

    La Procura di Palermo ha chiesto la condanna a 15 anni di carcere dell' ex capo del Ros Mario Mori, imputato di minaccia e violenza a Corpo politico dello Stato al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Chiesti rispettivamente 12 anni e 10 anni per gli altri due ufficiali dell' Arma

    – di Redazione Roma

    • News24

    Massimo Ciancimino: confermata condanna, rischia il carcere

    La Cassazione ha confermato la condanna a 3 anni per Massimo Ciancimino, figlio dell'ex sindaco di Palermo, accusato di detenzione di esplosivo. Per il teste del processo sulla trattativa Stato-mafia potrebbe scattare il carcere: condannato nel 2011 a 2 anni e 8 mesi, con sentenza definitiva, per

    • Agora

    Perché mai come ora la vita del pm Nino Di Matteo è a rischio: Palermo mai così pericolosa. L'opzione rientro in Dda

    Abituati - come siamo - a guardare al dito che la indica e non alla luna che sovrasta, non può e non deve apparire strano in questa Italia sbrindellata che la vicenda del Pm Nino Di Matteo segua la stessa sorte. Con una decisione assolutamente logica e coerente al suo profilo - vale a dire non accettare il trasferimento nella Dnaa romana solo perché in pericolo di vita e demolire i sospetti di una fuga dalle responsabilità giudiziarie del processo sulla trattativa - Di Matteo ha inevitabilmente...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Trattativa Stato-mafia/3 Dalla Corte d'appello di Firenze tre punti fermi per comprovarne l'esistenza

    Amati lettori, da martedì affronto l'analisi delle motivazioni della sentenza per il boss di mafia Francesco Tagliavia presso la seconda Corte di assise di appello di Firenze, depositata il 20 maggio. Ergastolo venne inflitto il 24 febbraio scorso a Tagliavia per la strage di via dei Georgofili del 27 maggio 1993 (in cui morirono cinque persone e 38 rimasero ferite) nel processo di appello bis. La Cassazione annullò con rinvio una prima sentenza di appello. Per quanto scritto nei giorni scorsi r...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Trattativa Stato-mafia/2 La Corte d'appello di Firenze butta la palla nel campo del Tribunale di Palermo

    Amati lettori, da ieri affronto l'analisi delle motivazioni della sentenza per il boss di mafia Francesco Tagliavia presso la seconda Corte di assise di appello di Firenze, depositata il 20 maggio. Ergastolo venne inflitto il 24 febbraio scorso a Tagliavia per la strage di via dei Georgofili del 27 maggio 1993 (in cui morirono cinque persone e 38 rimasero ferite) nel processo di appello bis. La Cassazione annullò con rinvio una prima sentenza di appello. Per quanto scritto ieri rimando al link a...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Trattativa Stato-mafia/1 In appello i giudici fiorentini danno lustro alle conclusioni raggiunte in primo grado

    Antonio Ingroia, ex pm a Palermo padre putativo dell'indagine sulla trattativa tra Stato e Cosa Nostra e Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari della strage di via dei Georgofili a Firenze, hanno ben ragione di dire che le sentenze sono tutte uguali ma qualcuna - per i media - è più uguale delle altre. I due si riferivano all'incuria (per usare un eufemismo) con la quale i media (tranne eccezioni) hanno analizzato le motivazioni della sentenza per il boss di mafi...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Falange armata e reti criminali tra Reggio Calabria e Palermo: due Procure pronte a "depositarne" la storia deviata

    Cari e amati lettori di questo umile e umido blog, sabato scorso, 4 luglio, a pochi minuti di distanza dalla conclusione, vi ho dato conto di alcuni spaccati del convegno "Ndrangheta e poteri criminali - Le ramificazioni della mafia calabrese a livello globale". Un convegno organizzato a Reggio Calabria dall'Associazione culturale Falcone e Borsellino, patrocinata dal Comune e dalla provincia di Reggio Calabria. Per leggere quanto ho scritto (a proposito dei passi che mancano per riscrivere la s...

    – Roberto Galullo

1-10 di 97 risultati