Persone

Massimiliano Fedriga

Massimiliano Fedriga è nato il 2 luglio del 1980 a Verona ed è segretario provinciale della Lega fin dal 2003.

Dopo aver conseguito il diploma di maturità scientifica, Fedriga si è laureato in scienze della comunicazione ed ha conseguito un Master in gestione ed analisi della comunicazione.

Si è iscritto alla Lega Nord nel 1995, diventando successivamente membro del "Consiglio Nazionale", organo decisionale del partito nel Friuli-Venezia Giulia e poi del Consiglio Federale (cioè quello centrale, con sede a Milano).

Già deputato nella XVI legislatura, Massimiliano Fedriga è stato eletto alla camera nel 2013, nella circoscrizione IX (FRIULI-VENEZIA GIULIA).

Dal 19 marzo del 2013 è iscritto al gruppo parlamentare (LEGA NORD E AUTONOMIE - LEGA DEI POPOLI - NOI CON SALVINI) di cui è Capogruppo.

In qualità di deputato è stato componente dei seguenti organi parlamentari:

- XI COMMISSIONE (LAVORO PUBBLICO E PRIVATO)
dal 7 maggio 2013 al 3 aprile 2014;

- III COMMISSIONE (AFFARI ESTERI E COMUNITARI)
dal 3 aprile 2014 all'11 aprile 2014;

- XI COMMISSIONE (LAVORO PUBBLICO E PRIVATO)
dall'11 aprile 2014 al 27 marzo 2015;

- CONFERENZA DEI PRESIDENTI DI GRUPPO
dall'8 luglio 2014;

- XIII COMMISSIONE (AGRICOLTURA)
dal 27 marzo 2015.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Massimiliano Fedriga
    • News24

    Consultazioni, centrodestra unito solo al Colle

    In occasione di questo secondo giro di consultazioni il centrodestra sale al Colle unito (alle 17.30). Unico precedente di delegazione unitaria, il marzo 2013 in occasione del pre-incarico a Bersani. Diverse però le sensibilità tra i tre partiti rappresentati dai leader Matteo Salvini, Silvio

    • News24

    Il divieto dei due mandati: traballa pure l'ultima regola del M5S delle origini

    Una volta c'era il Movimento Cinque Stelle anti-euro, anti-sistema, anti-Nato, anti-lobby, rigidissimo nel suo primo comandamento, quello che avrebbe dovuto sovvertire l'autoreferenzialità della casta e le incrostazioni del potere: il divieto dei due mandati, ovvero l'impossibilità di ricoprire più

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Dalla Valle d'Aosta alla Puglia, Lega alla scalata del centrodestra nei territori

    Dalla Valle d'Aosta, dove prosegue il percorso autonomo della Lega rispetto al centrodestra. Fino alla Puglia, dove nei comuni di Lecce e Nardò è in procinto di costituirsi per la prima volta il gruppo del Carroccio. Passando per le amministrazioni comunali e regionali in Friuli Venezia Giulia,

    – di Andrea Marini

    • News24

    M5S-Lega, la convergenza dei programmi oltre lo stallo

    A cinque giorni dall'avvio delle consultazioni al Colle, slittato al 4 aprile, oltre allo stallo c'è di più: una trama fittissima di incontri, telefonate e confronti sui programmi che vedono come interlocutori privilegiati Matteo Salvini e Luigi Di Maio, ma che non si fermano a loro. E' la rete

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Mediazione nel Pd, Delrio-Marcucci alla guida dei gruppi parlamentari

    Graziano Delrio sarà il capogruppo del Partito democratico alla Camera.Il nome del ministro dei Trasporti è frutto della mediazione del reggente del partito, Maurizio Martina, che è riuscito a evitare che a guidare i parlamentari dem per la legislatura fossero due esponenti considerati fedelissimi

    – di Redazione Roma

    • News24

    Le elezioni non finiscono mai, ad aprile-maggio al voto Molise, Friuli e Valle d'Aosta

    Il 2018 sarà ricordato come l'anno elettorale per eccellenza. Le politiche del 4 marzo hanno rivoluzionato la geografia politica italiana. Lo stesso giorno si sono tenute le regionali in Lazio e Lombardia. Il 22 aprile ci saranno le regionali in Molise, il 29 (una settimana dopo) sarà la volta del

    – di Andrea Marini e Marta Paris

    • News24

    Presidenze Camere, dopo la riunione dei capigruppo posizioni ancora distanti

    Sulla partita per le presidenze di Camera e Senato M5S e centrodestra, i vincitori delle elezioni, cercano la quadra. Che però sembra ancora lontana. Dopo il no dei Cinque Stelle al nome proposto dal centrodestra per la presidenza del Senato, Paolo Romani, si riparte infatti da zero. Domani le due

    – di Redazione Roma

1-10 di 68 risultati