Persone

Martin Schulz

Martin Schulz è un politico tedesco nato il 20 dicembre 1955 a Hehlrath, eurodeputato ha fatto parte parte del gruppo dell'Alleanza progressista di Socialisti e Democratici . Presidente del Parlamento europeo dal 17 gennaio 2012 al 2014 e poi rieletto nuovamente nel 2014. Ha ricoperto questo ruolo fino al 18 gennaio 2017 quando ha passato le consegne al neoletto Antonio Tajani. Candidato alle politiche del suo Paese del 24 settembre 2017, dopo che il suo partito Spd ha ottenuto il 20,8% dei voti (il peggior risultato della storia) ha annunciato che uscirà dalla Grosse Koalition e andrà all’opposizione.

Di professione libraio ha intrapreso da giovane la carriera politica in Germania. A 19 anni si iscrive al partito socialdemocratico e muove i suoi primi passi nella politica locale come consigliere comunale, poi come sindaco della piccola cittadina di Würselen (1987-1998) per approdare a diventare membro della direzione nazionale e dell'ufficio di presidenza del SPD. Nel 1994 diventa deputato al Parlamento europeo e nel 2004 presidente del gruppo PSE fino al 2012.

Nel 2003 ha fatto parlare di sè per il duro scambio di battute e accuse durante la seduta del Parlamento con Silvio Berlusconi, che allora era presidente di turno del Consiglio UE e lo appellò come kapò. Altri episodi simili si sono registrati con Marine Le Pen e Nagel Farage.

Il 24 novembre 2016 Schulz ha annunciato che non si ricandiva alla guida del Parlamento Europeo per la terza volta perché preferiva dedicarsi alla carriera politica in patria. Il 24 gennaio 2017 a seguito della rinuncia di Sigmar Gabriel, leader dell’SPD, alla candidatura alla cancelleria, Martin Shulz è diventato lo sfidante della Merkel alle elezioni politiche.

Schulz è sposato e ha due figli e parla, oltre al tedesco, francese, inglese, olandese e italiano.

Ultimo aggiornamento 25 settembre 2017

Ultime notizie su Martin Schulz
    • News24

    Annegret Kramp-Karrenbauer: chi è l'erede al «trono» della Merkel

    Tra i tanti a trattenere il respiro sull'esito del voto per posta dell'Spd sulla GroKo c'è Angela Merkel, già molto indebolita nel suo partito e contestata per aver fatto troppe concessioni ai Socialdemocratici pur di tenere in piedi a tutti costi la sua terza Grande Coalizione. Tra le tante

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Merkel indebolita e Spd-Csu a brandelli. Ma l'Europa chiama GroKo

    La terza Grande Coalizione tra Cdu-Csu e Spd sta diventando sempre più l'ancora di salvezza per l'attuale classe politica dirigente in Germania e per il processo di integrazione dell'Europa. La GroKo, se si farà, servirà - almeno per i prossimi due anni - soprattutto a nascondere una situazione

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Il sostegno «discreto» di Angela al fronte pro-Ue

    BERLINO - Angela Merkel accenna un sorriso quando a Paolo Gentiloni viene chiesto se, visti gli ultimi sondaggi pubblicabili prima del voto del 4 marzo, si profila il rischio che non via una maggioranza chiara e si apra anche in Italia l'ipotesi di una coalizione. Già perché questo tema, nuovo per

    – di Carlo Marroni

    • News24

    Germania: Spd nel caos, eletto ad interim il vice di Schulz

    Caos nell'Spd. Martin Schulz si è dimesso ieri da leader del partito socialdemocratico ma al suo posto, con un incarico ad interim, è stato nominato «come da protocollo» il suo vice, Olaf Scholz. Andrea Nahles si apprestava a passare alla storia ieri pomeriggio come la prima donna salita alla guida

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Germania, giovani in rivolta contro il nuovo asse Merkel-Schulz

    DALLA NOSTRA CORRISPONDENTEFRANCOFORTE - Si festeggia il Rosenmontag, il Lunedì delle Rose, oggi in Germania: una festa di carnevale molto sentita, corredata di carri, parate e balli in maschera. Ma il clima di allegria carnevalesco che si respira nell'aria non contagia la Cdu e l'Spd. I due

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Schulz rinuncia agli Esteri, partito nel caos

    Resa dei conti in casa Spd: Martin Schulz è stato costretto a rinunciare al ministero degli Esteri che aveva riservato a se stesso nell'accordo di Grande Coalizione con Angela Merkel, dopo aver giurato, in campagna elettorale, che non sarebbe entrato in un governo guidato dalla cancelliera.

    – di Roberta Miraglia

    • News24

    Martin Schulz rinuncia agli Esteri nel governo Merkel-Spd

    FRANCOFORTE. Volano gli stracci nel partito socialdemocratico tedesco. Martin Schulz, leader uscente dell'Spd, ha fatto un passo indietro e ha rinunciato al prestigioso posto di ministro degli Esteri nella formazione di governo che dovrebbe nascere dall'accordo sulla Grande Coalizione siglato

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    GroKo, Schulz deve convincere la base Spd a votare le intese

    FRANCOFORTE - A guardare i numeri, il destino della Grande Coalizione - e del sofferto accordo raggiunto dopo serrate trattative tra Cdu/Csu e Spd - è appeso a un filo sottile: i 464mila iscritti al partito socialdemocratico, che rappresentano lo 0,74% su 62 milioni aventi diritto al voto, sono

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Chi è Olaf Scholz, l'erede del falco Schäuble al ministero delle Finanze

    Wolfgang Schäuble è stato protagonista del racconto della Germania e dell'Europa negli ultimi anni. Durante la crisi finanziaria globale e quella dei debiti sovrani era il guardiano dei conti, la voce dell'austerity. Nella lunga tragedia greca - salvare o no Atene - era il «cattivo» per

    – di Angela Manganaro

1-10 di 479 risultati