Persone

Mark Rutte

Mark Rutte, (nato a l'Aja il 14 febbraio 1967) è un politico olandese rappresentante del Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Volkspartij voor Vrijheid en Democratie VVD).

Primo ministro dal 14 ottobre 2010 è stato riconfermato nella carica a marzo 2017. I risultati delle elezioni che si sono svolte il 15 marzo hanno visto il suo partito conquistare quasi il 55% dei voti e ottenere 32 seggi sconfiggendo la temuta deriva populista rappresentata dal Partito della libertà di estrema destra di Geert Wilders che ha ottenuto 19 seggi.

Prima di diventare primo ministro ha svolto altri incarichi governativi, dal 2002 al 2004 come segretario di stato per gli affari sociali e l'occupazione e dal 2004 al 2006 come segretario di stato per l'istruzione, cultura e scienza.

Europeista convinto, ammiratore di Margaret Thatcher, in passato è stato un manager nelle risorse umane della Unilever e leader del partito VVD da maggio 2006. Ha conseguito nel 1992 la laurea in storia all’Università di Leida.

Non è sposato, viene da una famiglia di imprenditori protestanti, ha rinunciato alla carriera di musicista (suona il pianoforte) prima di darsi alla politica.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Mark Rutte
    • News24

    Europa e Usa in gara sul Fisco leggero

    Ora che il dado è stato lanciato sul tavolo verde della fiscalità internazionale, all'Europa non resta che correre. La riforma annunciata da Donald Trump dopo 18 mesi di mezze e contraddette anticipazioni (a partire dai Blue print repubblicani dell'estate 2016) produrrà un effetto domino, di cui

    – di Alessandro Galimberti

    • News24

    L'Europa e il virus dell'estremismo

    In modo palese o camuffato, l'Europa non smette di sbandare a destra. Quasi tutti lo chiamano populismo, un modo per condannare, denigrandoli, i partiti anti-sistema che stanno facendo terra bruciata ai tradizionali, autori della politica del dopoguerra, oggi in costante perdita di consensi.

    – di Adriana Cerretelli

    • Agora

    Dijsselbloem ubiquo, consigliere di se stesso all'Esm

    Da un lato c'è una ragione economica, in termini di remunerazione, che riguarda il quasi ex ministro delle finanze olandesi Jeroen Dijsselbloem. Insieme a una prospettiva di lavoro futuro. Da un altro lato c'è un problema politico dell'Eurogruppo. Dal terzo lato (più corto degli altri lati) l'interesse dell'Esm di avvalersi di una 'expertise' di tutto rilievo, tra politica e finanza. E' davvero un 'triangolo anomalo' quello composto dai ministri finanziari della zona euro, concordato dopo l'u...

    – Antonio Pollio Salimbeni

    • News24

    Evangelici e progressisti insieme nel nuovo governo olandese

    Accordo raggiunto in Olanda per un nuovo governo, a 208 giorni dalle elezioni legislative del 15 marzo: un record che quantomeno eguaglia quello del 1977. Ma l'intesa per un nuovo esecutivo di centrodestra - che, salvo ripensamenti dell'ultim'ora, sarà ufficializzata domani dal premier in carica

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Estremismo e vecchi partiti, la Germania somatizza i mali dell'Europa

    Nell'autunno 2014 un quarantenne che a volte si traveste da Hitler a volte si fa selfie con la maglietta «Moet & cocaine» invitava a passeggiate notturne gli abitanti di Dresda. A volte sono accorsi in cinquemila, a volte in venticinquemila. Marciavano per l'Occidente e contro l'immigrazione

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Nell'Olanda senza governo record di crescita dal 2007

    Una crescita stimata al 3,3% quest'anno e al 2,5% nel 2018, quando il surplus raggiungerà lo 0,8% del Pil, il debito pubblico scenderà al 54,4% e la disoccupazione al 4,3 per cento. Benvenuti in Olanda, Paese in cerca di governo da ormai oltre 185 giorni, ennesimo caso in cui la politica e

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Ma i partner europei corrono più veloci

    Non è solo la Germania a trainare la ripresa dell'Eurozona. Dopo i dati positivi diffusi a Ferragosto dall'Ufficio di statistica tedesco (crescita congiunturale a +0,6% nel secondo trimestre, tendenziale al 2,1%), ieri sono arrivate le stime di Eurostat sull'intera area: un incremento congiunturale

    – Michele Pignatelli

    • Agora

    Brexit e la caccia al doppio passaporto

    Nella società à la carte in cui viviamo, in cui si va a caccia di ogni opportunità possibile e immaginabile, il tema del doppio passaporto non poteva mancare all'appello. < Oggigiorno, nello stato di incertezza in cui ci troviamo, mi pare indispensabile possedere almeno un paio di passaporti > sillabava perentoria una distinta signora a un'amica, nel bar di un grande albergo londinese in cui mi trovavo seduto in attesa di un incontro di lavoro. Già, quale migliore assicurazione sulla vita se non...

    – Marco Niada

1-10 di 201 risultati