Persone

Mark Rutte

Mark Rutte, (nato a l'Aja il 14 febbraio 1967) è un politico olandese rappresentante del Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Volkspartij voor Vrijheid en Democratie VVD).

Primo ministro dal 14 ottobre 2010 è stato riconfermato nella carica a marzo 2017. I risultati delle elezioni che si sono svolte il 15 marzo hanno visto il suo partito conquistare quasi il 55% dei voti e ottenere 32 seggi sconfiggendo la temuta deriva populista rappresentata dal Partito della libertà di estrema destra di Geert Wilders che ha ottenuto 19 seggi.

Prima di diventare primo ministro ha svolto altri incarichi governativi, dal 2002 al 2004 come segretario di stato per gli affari sociali e l'occupazione e dal 2004 al 2006 come segretario di stato per l'istruzione, cultura e scienza.

Europeista convinto, ammiratore di Margaret Thatcher, in passato è stato un manager nelle risorse umane della Unilever e leader del partito VVD da maggio 2006. Ha conseguito nel 1992 la laurea in storia all’Università di Leida.

Non è sposato, viene da una famiglia di imprenditori protestanti, ha rinunciato alla carriera di musicista (suona il pianoforte) prima di darsi alla politica.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Mark Rutte
    • News24

    Ma i partner europei corrono più veloci

    Una buona notizia per il premier ad interim Mark Rutte, vincitore alle elezioni di marzo ma ancora impegnato in difficili trattative per la formazione di un nuovo governo.

    – Michele Pignatelli

    • Agora

    Brexit e la caccia al doppio passaporto

    Mark Rutte, premier olandese, lo ha peraltro già messo in chiaro ai propri connazionali alcuni giorni fa: se prendete il passaporto britannico scordatevi quello olandese.

    – Marco Niada

    • News24

    Gentiloni a Berlino: «Siamo sotto pressione». Macron: «No a migranti economici»

    Al summit partecipano il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro britannico Theresa May, il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, il primo ministro olandese Mark Rutte, il primo ministro norvegese Erna Solberg, il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker e il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk.

    – di Carlo Marroni

    • News24

    Banche venete, Gentiloni: «Garantiremo risparmiatori e correntisti»

    BRUXELLES. «Stiamo seguendo la situazione, in continuo contatto tra il ministero del'Economia, le autorità finanziarie italiane ed europee. Se ci saranno decisioni da prendere le prenderemo, siamo in continuo contatto con le autorità competenti». In ogni caso «le garanzie per i risparmiatori e i

    – dal nostro inviato Carlo Marroni

    • News24

    Per i mercati Russiagate non fa rima con Watergate

    Il fatto è che gli investitori stanno aspettando da diverso tempo un'occasione buona per portare a casa i profitti incamerati nell'ultimo semestre. Dalla vittoria di Trump dello scorso novembre le Borse europee sono salite del 18%, Wall Street del 14%. In questo trend all'insù sono però mancati i

    – di Vito Lops

    • News24

    Da Coblenza al Louvre, il declino dei populisti Ue

    Sono passati appena tre mesi e mezzo dal raduno dei leader euroscettici a Coblenza, in Germania. Eppure le istantanee di quel meeting - una sorta di "internazionale europea del populismo", chiamata a raccolta dall'ambizioso movimento tedesco Alternative für Deutschland (AfD) all'indomani

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Macron e i conti in sospeso dell'Italia

    Sotto la crosta spessa e assordante dei populismi d'assalto, da qualche mese in Europa si sentono voci e voti in controtendenza, una traccia sottile che continua e ingrossarsi e probabilmente scriverà la storia di un'altra Europa e di un altro europeismo: pragmatico e confederale, business-like.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Spauracchio Brexit sul Belgio

    Per molti europei, il porto di Zeebrugge è tristemente famoso. Il 6 marzo del 1987, il traghetto MS Herald of Free Enterprise si inabissò al largo delle coste belghe, provocando per un errore umano la morte di 193 persone. A trent'anni di distanza, l'incidente non è stato dimenticato, e ancora il

    – di Beda Romano

    • News24

    Le spinte anti-sistema che agitano anche Roma

    Queste presidenziali di Francia non saranno come le altre, che pure spesso sono state drammatiche e combattute. Due le ragioni: questa volta, per la vita o per la morte, il futuro dell'Europa e del consustanziale asse franco-tedesco passeranno di lì. Senza scappatoie possibili. E mai come questa

    – di Adriana Cerretelli

1-10 di 194 risultati