Persone

Mark Rutte

Mark Rutte, (nato a l'Aja il 14 febbraio 1967) è un politico olandese rappresentante del Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Volkspartij voor Vrijheid en Democratie VVD).

Primo ministro dal 14 ottobre 2010 è stato riconfermato nella carica a marzo 2017. I risultati delle elezioni che si sono svolte il 15 marzo hanno visto il suo partito conquistare quasi il 55% dei voti e ottenere 32 seggi sconfiggendo la temuta deriva populista rappresentata dal Partito della libertà di estrema destra di Geert Wilders che ha ottenuto 19 seggi.

Prima di diventare primo ministro ha svolto altri incarichi governativi, dal 2002 al 2004 come segretario di stato per gli affari sociali e l'occupazione e dal 2004 al 2006 come segretario di stato per l'istruzione, cultura e scienza.

Europeista convinto, ammiratore di Margaret Thatcher, in passato è stato un manager nelle risorse umane della Unilever e leader del partito VVD da maggio 2006. Ha conseguito nel 1992 la laurea in storia all’Università di Leida.

Non è sposato, viene da una famiglia di imprenditori protestanti, ha rinunciato alla carriera di musicista (suona il pianoforte) prima di darsi alla politica.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Mark Rutte
    • Agora

    Sterzata nazionalista - L'arrivo al potere di Matteo Salvini e le prime conseguenze in Europa

    L'arrivo al potere in Italia della Lega ha provocato uno scossone politico in Europa, e una surrettizia sterzata verso destra di alcuni paesi o movimenti. In alcuni casi, il legame è chiaro; in altri la coincidenza è forriera di prese di posizioni simili. Il tema all'ordine del giorno è naturalmente l'immigrazione. A notare la sterzata è stata durante una recente riunione ministeriale in Lussemburgo la ministra svedese per l'immigrazione e le politiche di asilo. Heléne Fritzon ha spiegato che "i...

    – Beda Romano

    • News24

    l'agenda per la fiducia UE passa dalla direttrice roma-berlino

    Abbiamo alle spalle mesi di turbolenze politiche, a livello interno e internazionale. La divisione dell'Occidente è uno degli elementi più preoccupanti e urgenti degli ultimi due anni, con importanti ripercussioni sul benessere dell'Europa, dell'Italia e della Germania. E poi c'è la questione delle

    – di Guntram B. Wolff

    • News24

    Fondi condizionati al rispetto delle regole nel nuovo budget Ue

    La Commissione europea ha presentato ieri una attesa proposta di bilancio 2021-2027, che per la prima volta condiziona l'uso dei fondi europei al rispetto dello Stato di diritto. Inoltre, il pacchetto - che ora dovrà essere approvato all'unanimità dai Paesi dell'Unione - prevede la nascita di nuove

    – di Beda Romano

    • News24

    Ue, fronda dei Paesi ricchi sul budget comunitario: non vogliamo pagare di più

    Partono in salita i negoziati per l'approvazione del quadro finanziario pluriennale, la proposta di budget della Ue per il 2021-2027. I cosiddetti «contributori netti», i Paesi che versano a Bruxelles più denaro di quanto ricevono, hanno già iniziato ad arroccarsi contro i due aspetti più sensibili

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Apertura e riforme, Pechino si presenta con l'abito migliore

    Nuove riforme e nuove aperture. Il presidente cinese Xi Jinping ha scelto il forum asiatico di Bo'ao, la città cinese sull'isola di Hainan, per annunciare - oggi, nella giornata di inaugurazione - ulteriori passi avanti del suo programma economico. L'obiettivo, già annunciato nell'ultimo congresso

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Unilever, tasse e norme anti-scalata dietro la scelta di Rotterdam

    In gergo finanziario la chiamano poison pill, "pillola avvelenata". E' la strategia, garantita dalla legislazione olandese, che permette alle società di contrastare o scoraggiare le acquisizioni ostili. Ed è certamente, insieme alla generosa legislazione fiscale, uno dei fattori che hanno

    – di Michele Pignatelli

1-10 di 219 risultati