Persone

Mark Rutte

Mark Rutte, (nato a l'Aja il 14 febbraio 1967) è un politico olandese rappresentante del Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Volkspartij voor Vrijheid en Democratie VVD).

Primo ministro dal 14 ottobre 2010 è stato riconfermato nella carica a marzo 2017. I risultati delle elezioni che si sono svolte il 15 marzo hanno visto il suo partito conquistare quasi il 55% dei voti e ottenere 32 seggi sconfiggendo la temuta deriva populista rappresentata dal Partito della libertà di estrema destra di Geert Wilders che ha ottenuto 19 seggi.

Prima di diventare primo ministro ha svolto altri incarichi governativi, dal 2002 al 2004 come segretario di stato per gli affari sociali e l'occupazione e dal 2004 al 2006 come segretario di stato per l'istruzione, cultura e scienza.

Europeista convinto, ammiratore di Margaret Thatcher, in passato è stato un manager nelle risorse umane della Unilever e leader del partito VVD da maggio 2006. Ha conseguito nel 1992 la laurea in storia all’Università di Leida.

Non è sposato, viene da una famiglia di imprenditori protestanti, ha rinunciato alla carriera di musicista (suona il pianoforte) prima di darsi alla politica.

Ultimo aggiornamento 16 marzo 2017

Ultime notizie su Mark Rutte
    • News24

    Una ripresa ancora troppo lenta

    L'ultima rilevazione effettuata a dicembre del 2016 segnalava una rinnovata fiducia degli imprenditori italiani per quanto riguarda l'attività economica, l'occupazione e gli investimenti nel nostro Paese.

    – di Valerio De Molli

    • News24

    Borse in calo, si guarda alla Francia. A Milano giù Leonardo

    Seduta senza particolari spunti per i listini azionari europei (qui gli indici principali). Archiviato il voto olandese e il rialzo dei tassi Fed, gli investitori cominciano a concentrarsi sulle elezioni francesi di fine aprile. A Milano il FTSE MIB ha terminato la giornata a -0,53 per cento,

    – di A. Fontana e P. Paronetto

    • News24

    Olanda, la strada di Rutte è subito in salita

    AMSTERDAM - Il giorno dopo la nottata elettorale è quello dei primi bilanci, dei sospiri di sollievo, degli interrogativi sul possibile nuovo governo olandese, la cui formazione si annuncia laboriosa. «Non è stata la rivoluzione populista che Geert Wilders sperava», spiega Claes de Vreese,

    – dall'inviato Michele Pignatelli

    • News24

    Vince Rutte e populisti fermati, ma il vero antidoto è il pragmatismo olandese

    AMSTERDAM - L'Olanda ha risposto con una forte mobilitazione, nell'affluenza e nelle scelte di voto, al rischio di una deriva populista. Wilders non ha sfondato: ha guadagnato voti, ma rimane secondo e lontano dal governo, ipotesi che peraltro era stata esclusa anche alla vigilia per la

    – dal nostro inviato Michele Pignatelli

    • News24

    Le Borse festeggiano il voto in Olanda, Milano rivede quota 20mila dopo 14 mesi

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (segui qui i principali indici) all'indomani della decisione della Federal Reserve di alzare il costo del denaro di 25 punti base, portandolo nel range 0,75-1%. La numero uno dell'istituto centrale Usa, Janet Yellen, ha manifestato ottimismo sull'economia

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    L'oro non cede alla Fed, ma la soglia dei 1.200 dollari appare a rischio

    L'oro non è stato travolto dall'effetto Federal Reserve. La prima reazione, al termine della riunione del comitato monetario, è stata anzi uno strappo al rialzo delle quotazioni, che sono salite di oltre l'1% a superare 1.210 dollari l'oncia.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Renzi: ora presento querele a chi insulta. Consip? M5S cerca visibilità

    «Non avendo più responsabilità istituzionali, ho deciso anche io di farmi sentire: nelle prossime ore depositerò alcune querele molto corpose anche come richiesta di risarcimento danni contro chi in questa fase politica continua a insultare, offendere e denigrare». Lo ha detto l'ex premier Matteo

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Exit poll in Olanda: trionfa il premier Rutte, Wilders solo terzo

    AMSTERDAM - Il premier uscente Mark Rutte ha vinto le elezioni olandesi, il leader anti-Islam ed euroscettico Geert Wilders è stato sconfitto o, quantomeno, non ha sfondato. E l'Europa tira un sospiro di sollievo per il primo di tre temuti test elettorali (seguiranno Francia e Germania). Il

    – dall'inviato Michele Pignatelli

    • News24

    Olanda al voto, viaggio nella roccaforte di Wilders

    VOLENDAM - Alla sezione numero sei di Volendam, cittadina alle porte di Amsterdam, gli elettori arrivano alla spicciolata, ovviamente in bicicletta. Qualcuno si rifiuta di rivelare il voto espresso nel segreto dell'urna, diversi però accettano di parlarne. E non sembra, per quel che vale un

    – dall'inviato Michele Pignatelli

    • News24

    Perché i mercati non temono il voto olandese (e guardano invece alla Francia)

    Chi ha paura delle elezioni olandesi? A giudicare dai movimenti dei mercati pochi investitori sembrano essersi accorti che oggi nei Paesi Bassi si inaugura una delle stagioni elettorali più incerte e cruciali che l'Europa intera abbia vissuto negli ultimi decenni: sui listini azionari si scambia

    – di Maximilian Cellino

1-10 di 184 risultati