Persone

Mario Monicelli

Mario Monicelli è nato il 16 maggio del 1915 a Viareggio ed è deceduto il 29 novembre del 2010 a Roma, è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Insieme a Dino Risi e Luigi Comencini è stato uno dei massimi esponenti della commedia all'italiana.

Figlio di Tomaso Monicelli (celebre giornalista e critico teatrale ed ex direttore de 'il Resto del Carlino' e dell'Avanti'), conobbe e frequentò grandi personalità della letteratura e dello spettacolo, ricevendo, grazie a questo ambiente fortemente intellettuale, un forte stimolo alla sua dimensione creativa che sfocerà nella produzione dei suoi capolavori cinematografici.

Lasciato Viareggio, frequentò le scuole elementari a Roma, per poi trasferirsi nuovamente a Viareggio, dove ha frequentato le medie, il ginnasio e due anni di liceo, quindi a Milano dove, finito il liceo, il giovane Monicelli inizia la carriera universitaria per poi laurearsi in Storia e Filosofia presso l'Università di Pisa, appena prima dell'inizio della seconda guerra mondiale.

Monicelli si avvicina al cinema grazie all'amicizia con Giacomo Forzano, figlio del commediografo Giovacchino Forzano, fondatore a Tirrenia di moderni studios cinematografici sotto il nome di Pisorno.

L'esordio cinematografico di Monicelli come regista avvenne nel 1934, quando girò insieme al cugino ed amico Alberto Mondadori, il cortometraggio "Cuore rivelatore", seguito dal mediometraggio muto "I ragazzi della via Paal", che venne premiato nella sezione 'passo ridotto' della Mostra del Cinema di Venezia.

Nel 1937 Monicelli diresse, sotto lo pseudonimo di Michele Badiek, il suo primo lungometraggio, "Pioggia d'estate".

La passione per il cinema portò Monicelli a ricoprire diversi ruoli minori su vari set, fin quando Giacomo Gentilomo, alla direzione del suo primo film "La granduchessa si diverte", lo chiamò come aiuto regista.

Nel 1940 entrò nella cavalleria dell'esercito ma ne uscì nel 1943 per ritornare a tempo pieno alla cinematografia.

Conobbe prima Stefano Vanzina poi Steno col quale diresse "Totò cerca casa", cui seguirono "E' arrivato il cavaliere" (1950), "Vita da cani " (1950), "Totò e i re di Roma" (1951).

Il 1951 fù anche l'anno di "Guardie e ladri", vincitore del premio per la miglior sceneggiatura a Cannes, del Nastro d'Argento e della Palma d'Oro per il migliore attore attribuita a Totò.

Nel 1955 diresse, con l'interpretazione di Alberto Sordi, il film "Un eroe dei nostri tempi" e nel 1957 vinse l'Orso d'argento per il film "Padri e figli" con Aldo Fabrizi ed una giovanissima Gina Lollobrigida.

Il 1956 fù l'anno de "I soliti ignoti", nel 1959 scrisse "La Grande guerra", che vinse il Leone d'oro alla Mostra del cinema di Venezia.

Nel 1966 diresse "L'armata Brancaleone", nonostante le iniziali perplessità del produttore Mario Cecchi Gori, il film ebbe enorme successo.

Nel 1968 diresse Monica Vitti ne "La ragazza con la pistola" e nel 1974 diresse Ugo Tognazzi e l'esordiente Ornella Muti nel dissacrante "Romanzo popolare".

Nel 1975 diresse con Pietro Germi l'allegra, scansonata e goliardica commedia de "Amici Miei", con la partecipazione di Ugo Tognazzi, Philip Noiret, Adolfo Celi e Gastone Moschin.

Nel 1977 diresse il toccante ruolo drammatico di Alberto Sordi ne "Un borghese piccolo piccolo".

Negli anni '80 diresse, tra l'altro, "Il marchese del grillo" (1981), premiato al Festival di Berlino per la migliore regia, "Amici miei atto II" (1982), "Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno" (1984), "Le due vite di Mattia Pascal" (1985), e "Speriamo che sia femmina" (1986) film vincitore di due David di Donatello (al film ed alla regia) e di un Nastro d'Argento.

Negli anni '90 diresse "Il male oscuro" (1990), tratto dall'omonimo libro di Giuseppe Berto, "Rossini! Rossini!" (1991), anno in cui vinse il Leone alla carriera,"Parenti serpenti" (1992), "Cari fottutissimi amici" (1994), "Facciamo paradiso" (1995) e "Panni Sporchi" (1999).

Negli anni 2000, occupandosi, tra l'altro anche di temi politici e di estrema attualità ha diretto "Come quando fuori piove" (TV 2000), "Un altro mondo è possibile" (2001), "Lettere dalla Palestina" (2002) e "Firenze il nostro domani" (2003).

Il 29 Novembre del 2010, ricoverato per un tumore alla prostata nel reparto di urologia, al quinto piano dell'Ospedale San Giovanni a Roma, muore suicida lanciandosi dal balcone del reparto.

Destino, quello del suicidio, peraltro già seguito nel 1946 anche dal padre Tomaso, che si era tolta la vita con un colpo di pistola.

Mario Monicelli è stato insignito delle seguenti onorifienze:

— Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Roma, 27 aprile 1987);

— Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Roma, 22 marzo 1994);

— Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte (Roma, 25 febbraio 2000).

Nel 2015, Lorenzo Bassi e Franco Longobardi hanno dedicato, al grande regista italiano, un Docufilm antologico "Mario Monicelli : Il Re della Commedia all'italiana"..

Mario Monicelli ha convissuto per oltre 30 anni con Chiara Rapaccini, artista, designer e scrittrice italiana, che lo ha reso padre di una figlia.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Mario Monicelli
    • News24

    Addio a Carlo Vanzina, regista della commedia all'italiana

    ricordava, riconoscente, la figura del padre e il fatto che nella sua casa fossero passati tutti: personaggi come Totò, Ugo Tognazzi, Mario Monicelli, Ennio Flaiano, Mario Camerini e Dino Risi. Diplomatosi alla scuola francese Chateaubriand di Roma, Carlo inizia la carriera nel cinema nei primi anni '70 come aiuto regista di Mario Monicelli nei film "Brancaleone alle crociate" (1970) e poi ne "La mortadella" (1971).

    • Agora

    Il nuovo premier Conte e il vizio dei politici italiani di taroccare il curriculum

    Diciamolo. Il possibile caso, fatto emergere dal New York Times, del "taroccamento" dei curriculum di Giuseppe Conte, premier indicato da Luigi Di Maio per il governo M5s-Lega, sta mettendo sotto i riflettori un nuovo trend per i politici italiani. Tra chi il curriculum non lo ha proprio (come Luigi Di Maio, Matteo Salvini e Giorgia Meloni che non sono neanche laureati ma almeno lo ammettono) e chi tarocca il proprio curriculum, esce fuori l'immagine di una nuova classe politica italiana degna d...

    – Carlo Festa

    • Agora

    Mediaset, con Iris celebra le Cinque Giornate (e il Risorgimento)

    La presentazione è alla Pasticceria Cova di via Montenapoleone a Milano. Luogo ricercato, certo. Ma nel 1848 era il posto scelto dai patrioti che volevano scacciare gli austriaci. Insomma un luogo simbolo quello scelto da Mediaset per presentare la serie di film che andannno in onda su Iris fra il 18 e il 22 marzo. Cinque giorni quindi, a ricordare - 170 anni dopo - le Cinque Giornate del 1848. A introdurre e commentare i film della rassegna "La lunga Primavera" saranno il giornalista Alessa...

    – Andrea Biondi

    • News24

    La canzone tra i vicoli e i salotti

    Un anno fa, come strenna einaudiana, venne pubblicato un ampio saggio di Roberto De Simone su La canzone napolitana, dove la i al posto della e era molto di più che un vezzo, mentre 16 anni addietro, a inizio del Duemila, nel 2001, erano usciti i due volumi di La canzone napoletana di Salvatore

    – di Goffredo Fofi

    • Agora

    Il Godard desacralizzato di Hazanavicius

    «Non avevo nessun interesse a girare un film serio su Godard; lo avrei potuto fare su Mel Brooks o Charlie Chaplin, ma non su Godard. La gente ha fatto di lui un pezzo da museo, ma è ancora vivo e ha 87 anni; la commedia è un modo per renderlo umano e accettare i paradossi cui ci ha sempre messo davanti». E' una excusatio non petita quella di Michel Hazanavicius, che, dopo la proiezione a Cannes di Il mio Godard (dal 26 ottobre nei cinema), si è visto rovinare addosso le ire di parte della critic...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Commedia comunista

    «Non avevo nessun interesse a girare un film serio su Godard; lo avrei potuto fare su Mel Brooks o Charlie Chaplin, ma non su Godard. La gente ha fatto di lui un pezzo da museo, ma è ancora vivo e ha 87 anni; la commedia è un modo per renderlo umano e accettare i paradossi cui ci ha sempre messo

    – di Cristina Battocletti

    • News24

    E' morto Gastone Moschin, l'architetto di «Amici miei»

    Dopo il Sassaroli, il Mascetti, il Necchi e il Perozzi, se ne va anche il Melandri. Gastone Moschin era Rambaldo l'architetto, l'«ultimo cavaliere» della saga cinematografica di Amici miei rimasto in vita, artefice di memorabili zingarate e testimone diretto - per quanto non sempre protagonista -

    – di Fr.Pr.

    • News24

    Addio a Elsa Martinelli, la diva italiana che conquistò Hollywood

    Una delle prime dive del cinema italiano che seppe conquistare Hollywood. E' morta a Roma nella sua casa di via Flaminia l'attrice Elsa Martinelli. Nata nel 1935 a Grosseto, era malata da tempo. Scoperta da Kirk Douglas, ha lavorato con tutti i grandi del cinema da Orson Welles a Mario Monicelli, da

    • NovaCento

    MEME' PERLINI R.I.P.

    Se n'è andato anche l'attore e regista Memè Perlini, alcuni riportano che sia distrattamente scivolato dalla finestra, avendo terrore di trascrivere e divulgare la parola vera, che non piace. Alla fine degli anni Settanta a Prato avevo fatto una prova di spettacolo con Memè, improvvisazione teatrale con alcuni amici (Maria Pia, Manifestone, che se n'è andato a sua volta da tre lustri almeno) e alcuni attori conosciuti lì per lì. Memè Perlini, di cui alcuni cronisti hanno sottolineato comunqu...

    – Luca Boschi

    • News24

    Da Tom Hanks a Meryl Streep, i protagonisti degli "Incontri ravvicinati"

    Star del cinema come Tom Hanks e Meryl Streep, celebri registi come Oliver Stone e Bernardo Bertolucci, fino allo scrittore e sceneggiatore americano Don De Lillo. Spazio anche alla musica con gli incontri con Jovanotti, Paolo Conte, Renzo Arbore. Sono alcuni dei protagonisti degli "Incontri

    – di Nicoletta Cottone

1-10 di 254 risultati