Persone

Mario Draghi

Mario Draghi è nato il 3 settembre del 1947 a Roma ed è un economista e presidente della Bce.

Ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quello di Governatore della Banca d'Italia fino a ottobre 2011. Dal 1 novembre 2011 è presidente della Banca Centrale Europea (la carica dura 8 anni).

Alla nomina a governatore Draghi arriva nel 2006, succedendo al discusso predecessore Antonio Fazio.

Draghi fa anche parte del Consiglio direttivo della Banca centrale europea ed è consigliere della Banca dei regolamenti internazionali. Dal 2006 è anche presidente del Financial Stability Board, un organo internazionale che si occupa della vigilanza sui mercati finanziari per garantirne la stabilità.

Rappresenta inoltre l’Italia in numerosi altri organi internazionali.

Precedentemente, nel 1998, aveva contribuito grandemente al testo unico della finanza, che peraltro porta il suo nome (legge Draghi) e che attua una riforma del sistema finanziario italiano. Dal 1991 al 2001, è stato Direttore generale del Tesoro e dal 1993 al 2001 presidente del comitato per le liberalizzazioni. Tra il 1984 ed il 1990 è stato direttore esecutivo della Banca Mondiale.

Nei diversi anni ha ricoperto incarichi importanti anche in aziende e banche, quali l'IRI, la Banca nazionale del lavoro e l'Eni.

Dal 2002 è stato anche vicepresidente per l'Europa di Goldman Sachs. Prima di approdare a questo genere di incarichi Mario Draghi è stato per diversi anni docente universitario in diverse università, tra cui Venezia e Firenze.

Nel 1976 ha conseguito il dottorato negli Stati Uniti, presso il Massachussets Institute of Technology, dove ha collaborato anche con Franco Modigliani.

Mario Draghi è stimato come grande economista in tutto il mondo, anche in Italia riesce a riscuotere l'approvazione di tutte le forze politiche, economiche e sindacali.

Nel 2011 succede a Jean-Claude Trichet diventando Presidente della Banca centrale europea.

Il 31 dicembre del 2012 è stato nominato uomo dell'anno dai quotidiani inglesi Financial Times e The Times. Il riconoscimento è stato motivato con l'abilità dimostrata da Draghi nel gestire la crisi del debito sovrano europeo, nell'estate del 2012, evitando che la crisi finanziaria in atto contaggiasse le grandi economie come quella spagnola ed italiana.

Il suo nome è legato al lancio del noto "Quantitative easing", provvedimento con cui la la Banca Centrale Europea si è impegnata ad acquistare (dal 22 gennaio del 2015 fino al settembre del 2016) titoli di stato dei paesi dell'Eurozona per un controvalore di 60 miliardi di euro.

Mario Draghi è stato insignito di diversi titoli ed onorificienze:

— Laurea honoris causa in "Scienze statistiche" (Università degli studi di Padova, 18 dicembre 2009);

— Master honoris causa in "Business Administration" (Fondazione CUOA, 18 giugno 2010);

— Laurea honoris causa in "Scienze Politiche e Relazioni Internazionali" (LUISS Guido Carli, 6 maggio 2013);

— Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 27 dicembre 1991);

— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 5 aprile 2000).

E' sposato con Serena dal 1973, dalla loro unione sono nati due figli, Giacomo e Federica.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2016

Ultime notizie su Mario Draghi
    • News24

    BTp e CcT, qual è il titolo di Stato più «resistente» al rischio politico?

    In altre parole, qualcuno con cautela si sta preparando a un futuro rialzo dei tassi di mercato in previsione, se non della prima «stretta» della Bce (che non si prevede prima di 12 mesi), quantomeno di un'ulteriore riduzione o addirittura del termine del piano di riacquisti ideato da Mario Draghi .

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Da "abc" a "zero", il glossario della crisi politica

    A quarantacinque giorni dal voto e dopo due giri di consultazioni a vuoto al Quirinale, il capo dello Stato potrebbe a breve prendere una decisione per cercare di sbloccare quello che lui stesso ha definito lo stallo affidando un pre-incarico o un incarico di "esplorazione". In questo mese e mezzo

    – di Riccardo Ferrazza

    • Agora

    Cdu/Csu contro proposta Fondo monetario Ue, spazi sempre più stretti per grande riforma Eurozona

    Mentre il Bundestag discuterà della riforma della zona euro e in particolare della proposta di istituire un Fondo monetario europeo (termine che Mario Draghi invita sempre a non usare per non creare confusione con il Fondo monetario internazionale che ha funzioni ben diverse), il presidente francese Emmanuel Macron parlerà all'Europarlamento riunito a Strasburgo.

    – Antonio Pollio Salimbeni

    • News24

    Che cosa bisogna aspettarsi dai cambi al vertice delle big tedesche

    Deutsche bank, con la rimozione forzata del ceo John Cryan e la nomina di Christian Sewing "con effetto immediato" la scorsa domenica notte ha aperto le danze. E subito ieri Volkswagen ha annunciato un brusco cambio ai vertici con Herbert Diess, ora responsabile del marchio, in arrivo al posto

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Sanzioni, euro, debito: le scelte della Ue

    Non doveva succedere così. La formazione di un nuovo governo tedesco è durata così tanto che, solo dopo che le elezioni generali italiane del 4 marzo hanno provocato un terremoto politico, Francia e Germania hanno iniziato a lavorare sulla riforma dell'Eurozona.

    – di Jean Pisani Ferry

    • News24

    Fornero: «Non toccate le riforme o la spesa pensionistica salirà oltre il 20%»

    «Senza le ultime riforme, non solo quella del 2011, la spesa pensionistica arriverebbe al 20% del Pil nel 2020, cioè domani». Elsa Fornero non perde una battuta del dibattito di policy e scientifico sul modello pensionistico italiano. E parte da una stima della Ragioneria generale per rispondere

    – di Davide Colombo

    • News24

    Borse, non solo Trump. Le altre incognite che pesano sui listini

    La guerra dei dazi voluta dal presidente Usa Donald Trump concentra su di sé l'attenzione di investitori e media. Non potrebbe essere diversamente. L'ex presentatore di "The apprentice", piaccia o non piaccia, sta passando dai tweet a concrete mosse sul fronte economico-commerciale. Di là da ciò,

    – di Vittorio Carlini

    • News24

    La pazienza di Draghi e la grande paura di un calo della fiducia

    L'incertezza mina la fiducia. E il calo della fiducia ha conseguenze negative sulla crescita e quindi sull'andamento dell'inflazione. Questo è quel che teme la Bce. Ed è proprio al quadro che si è fatto più incerto, sui mercati finanziari e sul commercio internazionale, che guarda la Banca centrale

    – di Isabella Bufacchi

1-10 di 6797 risultati