Persone

Mario Draghi

Mario Draghi è nato il 3 settembre del 1947 a Roma ed è un economista e presidente della Bce.

Ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quello di Governatore della Banca d'Italia fino a ottobre 2011. Dal 1 novembre 2011 è presidente della Banca Centrale Europea (la carica dura 8 anni).

Alla nomina a governatore Draghi arriva nel 2006, succedendo al discusso predecessore Antonio Fazio.

Draghi fa anche parte del Consiglio direttivo della Banca centrale europea ed è consigliere della Banca dei regolamenti internazionali. Dal 2006 è anche presidente del Financial Stability Board, un organo internazionale che si occupa della vigilanza sui mercati finanziari per garantirne la stabilità.

Rappresenta inoltre l’Italia in numerosi altri organi internazionali.

Precedentemente, nel 1998, aveva contribuito grandemente al testo unico della finanza, che peraltro porta il suo nome (legge Draghi) e che attua una riforma del sistema finanziario italiano. Dal 1991 al 2001, è stato Direttore generale del Tesoro e dal 1993 al 2001 presidente del comitato per le liberalizzazioni. Tra il 1984 ed il 1990 è stato direttore esecutivo della Banca Mondiale.

Nei diversi anni ha ricoperto incarichi importanti anche in aziende e banche, quali l'IRI, la Banca nazionale del lavoro e l'Eni.

Dal 2002 è stato anche vicepresidente per l'Europa di Goldman Sachs. Prima di approdare a questo genere di incarichi Mario Draghi è stato per diversi anni docente universitario in diverse università, tra cui Venezia e Firenze.

Nel 1976 ha conseguito il dottorato negli Stati Uniti, presso il Massachussets Institute of Technology, dove ha collaborato anche con Franco Modigliani.

Mario Draghi è stimato come grande economista in tutto il mondo, anche in Italia riesce a riscuotere l'approvazione di tutte le forze politiche, economiche e sindacali.

Nel 2011 succede a Jean-Claude Trichet diventando Presidente della Banca centrale europea.

Il 31 dicembre del 2012 è stato nominato uomo dell'anno dai quotidiani inglesi Financial Times e The Times. Il riconoscimento è stato motivato con l'abilità dimostrata da Draghi nel gestire la crisi del debito sovrano europeo, nell'estate del 2012, evitando che la crisi finanziaria in atto contaggiasse le grandi economie come quella spagnola ed italiana.

Il suo nome è legato al lancio del noto "Quantitative easing", provvedimento con cui la la Banca Centrale Europea si è impegnata ad acquistare (dal 22 gennaio del 2015 fino al settembre del 2016) titoli di stato dei paesi dell'Eurozona per un controvalore di 60 miliardi di euro.

Mario Draghi è stato insignito di diversi titoli ed onorificienze:

— Laurea honoris causa in "Scienze statistiche" (Università degli studi di Padova, 18 dicembre 2009);

— Master honoris causa in "Business Administration" (Fondazione CUOA, 18 giugno 2010);

— Laurea honoris causa in "Scienze Politiche e Relazioni Internazionali" (LUISS Guido Carli, 6 maggio 2013);

— Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 27 dicembre 1991);

— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 5 aprile 2000).

E' sposato con Serena dal 1973, dalla loro unione sono nati due figli, Giacomo e Federica.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2016

Ultime notizie su Mario Draghi
    • News24

    Pil Usa limita vendite in Borsa. Milano a -0,4% con Eni pesante

    Il calo di Eni e dei bancari porta Milano al terzo calo consecutivo in una seduta fiacca per i listini azionari europei che hanno chiuso comunque lontani dai minimi grazie al miglioramento della stima sul Pil americano del I trimestre (rivisto da +0,7% a +1,2%). Il FTSE MIBha ceduto lo 0,38%. Le

    – di E. Micheli e A. Fontana

    • News24

    Il maxi-rally dell'euro. Ecco perché in un mese ha fatto +5% sul dollaro

    Dalla vittoria di Emmanuel Macron al primo turno delle elezioni francesi di un mese fa l'euro si è apprezzato del 5% sul dollaro, del 7% sullo yen e del 3% sulla sterlina. In questi giorni la moneta unica si è consolidata oltre la soglia di 1,12 dollari. Chi alla fine del 2016 aveva scommesso sulla

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Il filo rosso che lega Carli, Krugman e Draghi

    In un passaggio cruciale della sua relazione, il presidente di Confindustria si è soffermato sulla contraddizione insita nella struttura produttiva che frena la marcia dell'Italia industriale. Vincenzo Boccia ha ricordato che le imprese «eccellenti» sono «ancora in minoranza», all'incirca il 20%

    – di Paolo Bricco

    • News24

    La successione a Draghi e Juncker per saldare il nuovo asse franco-tedesco in Europa

    La corsa è iniziata con un certo anticipo ma non è un caso che il martellamento sui giornali tedeschi per la successione di Mario Draghi alla guida della Bce sia partito subito dopo l'elezione di Emmanuel Macron alla presidenza della repubblica francese. Immediatamente dopo il voto, è tornato di

    – di Giuseppe Chiellino

    • News24

    La lunga rincorsa per la poltrona del presidente Bce

    E' partita una lunghissima volata per la successione a Mario Draghi, il cui mandato alla presidenza della Banca centrale europea scade fra quasi due anni e mezzo, il 31 ottobre 2019.

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Draghi: non ci sono bolle nel credito. Bassi margini delle banche non dipendono da Bce

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEFRANCOFORTE - La Banca centrale europea manterrà la sequenza indicata finora per l'uscita dallo stimolo monetario, prima la riduzione progressiva (il tapering) del Qe, gli acquisti di titoli, poi l'aumento dei tassi d'interesse, oggi in territorio negativo, ha detto il

    – di Alessandro Merli

    • News24

    La Bce avverte: rischi di bruschi rialzi dei rendimenti nei Paesi ad alto debito

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEFRANCOFORTE -Il rischio di una brusca reazione dei mercati finanziari a un cambio di aspettative sulla futura politica monetaria della Banca centrale europea è stato sottolineato dallo stesso istituto di Francoforte, il cui consiglio si prepara, l'8 giugno prossimo, a

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Europa debole dopo downgrade Cina. A Milano (-0,2%) crolla Ferragamo

    Seduta fiacca per le Borse europee, penalizzate dal downgrade al rating cinese decretato da Moody's (il primo da 28 anni), mentre il petrolio - alla vigilia del vertice Opec - avanza dello 0,1% dopo il calo oltre le attese delle scorte americane di greggio con il Wti a 51,5 dollari al barile.

    – di Cheo Condina

    • News24

    Una nuova governance economica dell'Eurozona

    Dagli interventi apparsi all'interno del dibattito sull'euro organizzato dal Sole 24 Ore emerge una convinzione molto diffusa: uscire dalla moneta unica creerebbe più problemi che opportunità. Lo dicono anche coloro che sostengono che sarebbe stato meglio non entrarci (Feldstein, Il Sole 24 Ore 28

    – di Carlo Dell'Aringa e Paolo Guerrieri

1-10 di 6461 risultati