Persone

Mario Draghi

Mario Draghi è nato il 3 settembre del 1947 a Roma ed è un economista ed alto funzionario di statura internazionale.

Ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quello di Governatore della Banca d'Italia fino a ottobre 2011.

Dal 1 novembre 2011 è presidente della Banca Centrale Europea (la carica dura 8 anni).


Alla nomina a governatore Draghi arriva nel 2006, succedendo al discusso predecessore Antonio Fazio.

Draghi fa anche parte del Consiglio direttivo della Banca centrale europea ed è consigliere della Banca dei regolamenti internazionali. Dal 2006 è anche presidente del Financial Stability Board, un organo internazionale che si occupa della vigilanza sui mercati finanziari per garantirne la stabilità.

Rappresenta inoltre l’Italia in numerosi altri organi internazionali.

Precedentemente, nel 1998, aveva contribuito grandemente al testo unico della finanza, che peraltro porta il suo nome (legge Draghi) e che attua una riforma del sistema finanziario italiano. Dal 1991 al 2001, è stato Direttore generale del Tesoro e dal 1993 al 2001 presidente del comitato per le liberalizzazioni. Tra il 1984 ed il 1990 è stato direttore esecutivo della Banca Mondiale.

Nei diversi anni ha ricoperto incarichi importanti anche in aziende e banche, quali l'IRI, la Banca nazionale del lavoro e l'Eni.

Dal 2002 è stato anche vicepresidente per l'Europa di Goldman Sachs. Prima di approdare a questo genere di incarichi Mario Draghi è stato per diversi anni docente universitario in diverse università, tra cui Venezia e Firenze.

Nel 1976 ha conseguito il dottorato negli Stati Uniti, presso il Massachussets Institute of Technology, dove ha collaborato anche con Franco Modigliani.

Mario Draghi è stimato come grande economista in tutto il mondo, anche in Italia riesce a riscuotere l'approvazione di tutte le forze politiche, economiche e sindacali.

Nel 2011 succede a Jean-Claude Trichet diventando Presidente della Banca centrale europea.

Il 31 dicembre del 2012 è stato nominato uomo dell'anno dai quotidiani inglesi Financial Times e The Times. Il riconoscimento è stato motivato con l'abilità dimostrata da Draghi nel gestire la crisi del debito sovrano europeo, nell'estate del 2012, evitando che la crisi finanziaria in atto contaggiasse le grandi economie come quella spagnola ed italiana.

Il suo nome è legato al lancio del noto "Quantitative easing", provvedimento con cui la la Banca Centrale Europea si è impegnata ad acquistare (dal 22 gennaio del 2015 fino al settembre del 2016) titoli di stato dei paesi dell'Eurozona per un controvalore di 60 miliardi di euro.

Mario Draghi è stato insignito di diversi titoli ed onorificienze:

— Laurea honoris causa in "Scienze statistiche" (Università degli studi di Padova, 18 dicembre 2009);

— Master honoris causa in "Business Administration" (Fondazione CUOA, 18 giugno 2010);

— Laurea honoris causa in "Scienze Politiche e Relazioni Internazionali" (LUISS Guido Carli, 6 maggio 2013);

— Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 27 dicembre 1991);

— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 5 aprile 2000).

E' sposato con Serena dal 1973, dalla loro unione sono nati due figli, Giacomo e Federica.

Ultimo aggiornamento 21 novembre 2016

Ultime notizie su Mario Draghi
    • News24

    La Bce pronta a prolungare il Qe

    Oggi sono 80 miliardi, dei quali circa 60 in titoli pubblici, ma non è escluso - lo stesso presidente Mario Draghi, in un'intervista a El País non ha respinto l'ipotesi - che si possa passare a 60 miliardi. ... Il presidente Mario Draghi, del resto, ha sempre insistito sul fatto che per spingere l'economia occorra anche una corretta politica fiscale, rispettosa del Patto di stabilità ma allo stesso tempo orientata alla crescita: più investimenti produttivi (ma la scelta non è per nulla facile),...

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Lo spread scende sotto 160 punti

    Mario Draghi ne è consapevole e comprensibilmente farà valere il suo punto di vista.

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Ma l'Europa si svegli e dia le risposte che servono

    Lo scudo della Bce di Mario Draghi e la lunga fase dei tassi bassi ci aiutano, e molto, ma non dureranno in eterno: nel migliore degli scenari il Qe si protrarrà fino a fine 2017 ma protrebbe anche finire prima. ... A meno che la Bce di Draghi non provveda ancora una volta a metterci una pezza.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Tra pericoli scampati e minacce imminenti

    Lo scudo della Bce di Mario Draghi e la lunga fase dei tassi bassi ci aiutano, e molto, ma non dureranno in eterno: nel migliore degli scenari il Qe si protrarrà fino a fine 2017 ma protrebbe anche finire prima. ... A meno che la Bce di Draghi non provveda ancora una volta a metterci una pezza.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Mattarella «congela» le dimissioni di Renzi fino al varo della manovra

    Molti sono stati i contatti e le valutazioni che ha scambiato ai massimi livelli - anche con Mario Draghi - e alla fine ha maturato la convinzione che senza un varo definitivo della legge di stabilità non ci sono le condizioni per aprire la crisi e le consultazioni.

    – di Lina Palmerini

    • News24

    La Bce prepara le «munizioni» anti-panico

    L'incertezza politica, ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi nei giorni scorsi in una intervista a "El Pais", resta però un elemento «dominante». ... Per i prossimi due anni, difficilmente le cifre si discosteranno molto da quelle di settembre, ma l'indicazione per il 2019 è significativa, in quanto lo stesso Draghi ha affermato che a cavallo della fine del 2018 e l'inizio del 2019, l'inflazione potrà essere in vista dell'obiettivo. ... Una frase di Draghi, secondo cui la banca può agire...

    – Alessandro Merli

    • News24

    Perché lo spread non si è impennato dopo il voto

    Inoltre, i prezzi dei BTp sono protetti e sostenuti dagli acquisti del QE della BCE, dal programma PSPP che questo giovedì potrebbe essere esteso da Mario Draghi oltre la scadenza del marzo 2017 con ammontari di acquisti mensili invariati (circa 12 miliardi la quota italiana).

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    «Poco ottimista sui titoli bancari Ue»

    Uno dei modi con cui Mario Draghi ha risolto il problema nel 2012, quando fece la famosa affermazione del "whatever it takes", è stato quello di favorire l'acquisizione di debito sovrano da parte delle banche europee. ... Ma come aveva detto Draghi nel 2012, l'Europa potrebbe ora fare il suo "whatever it takes". ... Nel 2012 certamente non avevo previsto che Draghi potesse mandare alle stelle il mercato del debito sovrano solo con una frase.

    – di Claudio Gatti

    • Agora

    Solo Italia, Francia e Portogallo sostengono Juncker sulla 'svolta' espansiva

    Mario Draghi è stato molto più cauto, limitandosi a sottolineare che l'esecuitivo europeo non ha gli strumenti per obbligare un paese a condurre una politica di bilancio espansiva, mentre esiste un'architettura, esistono strumenti legali, che vincolano gli Stati in misura più o meno rigida per ridurre l'indebitamento.

    – Antonio Pollio Salimbeni

1-10 di 6199 risultati