Persone

Mario Draghi

Mario Draghi è nato il 3 settembre del 1947 a Roma ed è un economista ed alto funzionario di statura internazionale.

Ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quello di Governatore della Banca d'Italia fino a ottobre 2011.

Il 24 giugno 2011 è stata formalizzata la sua investitura alla Presidenza della Banca Centrale Europea a partire dal 1º novembre 2011.

Alla nomina a governatore Draghi arriva nel 2006, succedendo al discusso predecessore Antonio Fazio.

Draghi fa anche parte del Consiglio direttivo della Banca centrale europea ed è consigliere della Banca dei regolamenti internazionali.

Dal 2006 è anche presidente del Financial Stability Board, un organo internazionale che si occupa della vigilanza sui mercati finanziari per garantirne la stabilità.

Rappresenta inoltre l’Italia in numerosi altri organi internazionali.

Precedentemente, nel 1998, aveva contribuito grandemente al testo unico della finanza, che peraltro porta il suo nome (legge Draghi) e che attua una riforma del sistema finanziario italiano.

Dal 1991 al 2001, è stato Direttore generale del Tesoro e dal 1993 al 2001 presidente del comitato per le liberalizzazioni.

Tra il 1984 ed il 1990 è stato direttore esecutivo della Banca Mondiale.

Nei diversi anni ha ricoperto incarichi importanti anche in aziende e banche, quali l'IRI, la Banca nazionale del lavoro e l'Eni.

Dal 2002 è stato anche vicepresidente per l'Europa di Goldman Sachs. Prima di approdare a questo genere di incarichi Mario Draghi è stato per diversi anni docente universitario in diverse università, tra cui Venezia e Firenze.

Nel 1976 ha conseguito il dottorato negli Stati Uniti, presso il Massachussets Institute of Technology, dove ha collaborato anche con Franco Modigliani.

Mario Draghi è stimato come grande economista in tutto il mondo, anche in Italia riesce a riscuotere l'approvazione di tutte le forze politiche, economiche e sindacali.

Nel 2011 succede a Jean-Claude Trichet diventando Presidente della Banca centrale europea.

Il 31 dicembre del 2012 è stato nominato uomo dell'anno dai quotidiani inglesi Financial Times e The Times. Il riconoscimento è stato motivato con l'abilità dimostrata da Draghi nel gestire la crisi del debito sovrano europeo, nell'estate del 2012, evitando che la crisi finanziaria in atto contaggiasse le grandi economie come quella spagnola ed italiana.

Il suo nome è legato al lancio del noto "Quantitative easing", provvedimento con cui la la Banca Centrale Europea si è impegnata ad acquistare (dal 22 gennaio del 2015 fino al settembre del 2016) titoli di stato dei paesi dell'Eurozona per un controvalore di 60 miliardi di euro.

Mario Draghi è stato insignito di diversi titoli ed onorificienze:

— Laurea honoris causa in "Scienze statistiche" (Università degli studi di Padova, 18 dicembre 2009);

— Master honoris causa in "Business Administration" (Fondazione CUOA, 18 giugno 2010);

— Laurea honoris causa in "Scienze Politiche e Relazioni Internazionali" (LUISS Guido Carli, 6 maggio 2013);

— Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 27 dicembre 1991);

— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 5 aprile 2000).

E' sposato con Serena dal 1973, dalla loro unione sono nati due figli, Giacomo e Federica.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Mario Draghi
    • News24

    Effetto Fed: dollaro ai massimi da due mesi

    La prospettiva di un rialzo dei tassi Fed si fa sempre più vicina nelle aspettative degli investitori. Il cambio di passo decisivo si è avuto settimana scorsa con la pubblicazione dei verbali della riunione di aprile (minute) del direttivo Fed, dai quali è emerso un orientamento favorevole da parte

    – Andrea Franceschi

    • News24

    Helicopter money, è davvero l'ultima spiaggia per l'Eurozona?

    La politica monetaria le sta provando tutte per rimettere in moto l'economia ma per il momento senza grandissimi successi. L'Eurozona sembra anzi ripiombata da qualche mese sotto il tallone della deflazione. Per far ripartire i prezzi molti economisti ritengono che l'unico strumento adatto sia

    – Vito Lops

    • News24

    Rossi (Bankitalia): «Deflazione e recessione pesano più dei bassi tassi»

    Il peggior nemico della stabilità del sistema finanziario, e della redditività delle compagnie di assicurazione e delle banche, sono la deflazione e la recessione, non i tassi d'interesse bassi o negativi, ha detto Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d'Italia e presidente dell'Ivass,

    – Alessandro Merli

    • News24

    Il superdollaro al nuovo test della Fed

    «Never fight the Fed», ossia mai mettersi contro la banca centrale americana. L'adagio ben noto agli operatori deve essere spesso tornato in mente anche al governatore della Bce Mario Draghi e della Bank of Japan Haruhiko Kuroda. L'efficacia delle loro scelte di politica monetaria è infatti

    – Andrea Franceschi

    • News24

    Eurozona di nuovo in deflazione

    Nessuna correzione. L'inflazione di aprile resta, anche nella seconda lettura, deludente come nel dato flash annunciato alla fine del mese scorso: -0,2% la variazione annuale, con un'inflazione di fondo, core, piuttosto bassa, allo 0,7 per cento.

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Se la caccia ai rendimenti stanca il mercato

    Anche quando è «prudente», il mercato ha le scommesse nel sangue: rischio, liquidità, tassi, recessioni, crisi geopolitiche possono cambiare destinazione e profilo degli investimenti, ma non la necessità di guadagnare. Per chi lavora con il denaro, una sola regola non cambia: l'equilibrio tra

    – Alessandro Plateroti

    • News24

    Visco, Draghi e Lagarde nudi al G7? Li «salva» la deregulation negli onsen

    TOKYO - Il vertice dei ministri delle Finanze e dei Governatori delle banche centrali del G7 che si apre dopodomani in Giappone sarà all'insegna di una clamorosa deregulation: quella degli onsen, i bagni termali giapponesi. Il ministro delle Finanze nipponico Taro Aso ha voluto che il summit si

    – Stefano Carrer

    • News24

    Perché le politiche espansive non debellano la deflazione?

    La deflazione è la malattia silenziosa dell'economia. Ne è sintomo e causa. Innesca, infatti, il circolo vizioso di aspettative di prezzi calanti, cosa che induce a rinviare le scelte future come investimenti e consumi), motori propulsori della crescita. Ad aprile, nonostante il balzo del petrolio,

    – Alberto Annicchiarico

    • News24

    Surplus tedesco sotto accusa al vertice dei grandi in Giappone

    FRANCOFORTE - Per i tedeschi è un fiore all'occhiello e il frutto della super-competitività della loro industria. Per il resto del mondo, è un freno alla crescita mondiale e il risultato di un eccesso di risparmio e di una carenza di investimenti. Il surplus delle partite correnti della Germania,

    – Alessandro Merli

1-10 di 5763 risultati