Persone

Mario Capecchi

Mario Capecchi è uno scienziato italiano, naturalizzato statunitense. Specializzato in genetica, nel 2007 ha vinto il premio Nobel per la Medicina. É membro della National Academy of Science ed è Distinguished Professor all'Università di Salt Lake City.

Nato a Verona da Luciano Capecchi, dato disperso in guerra, all’età di 8 anni Mario Capecchi si è trasferito negli Usa con la madre americana Lucy Ramberg, precedentemente prelevata dalla Gestapo. Lo zio di Mario Capecchi l’ha introdotto a Princeton, dove ha conosciuto Albert Einstein. Trasferitosi nell'Ohio, nel 1961 Capecchi si è laureato in Chimica e Fisica. Ammesso ad Harvard, nel 1967 ha conseguito il dottorato in Biofisica e ha incontrato James Watson, uno degli scopritori della struttura del Dna. Nel 1969 Capecchi è diventato assistente al Dipartimento di Biochimica di Harvard. Nel 1971 è stato promosso professore associato. Nel 1973 si è trasferito all'Università dello Utah. Dal 1988 collabora con l'Howard Hughes Medical Institute. È anche membro della National Academy of Science ed è Distinguished Professor all'Università di Salt Lake City.

Mario Capecchi ha ricevuto diversi riconoscimenti: nel 2002 è stato premiato dal Presidente George W. Bush. Nel 2004 l'Università di Firenze lo ha insignito della laurea honoris causa in Medicina e Chirurgia e nel 2007 l’Università di Bologna di quella in Biotecnologie mediche. Nel 2007 ha vinto il Nobel per la Medicina grazie alla messa a punto di tecniche dette di gene targeting che, con l'utilizzo di cellule staminali embrionali, permettono di creare animali caratterizzati dall'assenza di uno specifico gene.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Mario Capecchi
    • News24

    Nobel, ecco come funzionano e perché quasi 1 su 2 va agli Usa

    Il più giovane, anzi, la più giovane premio Nobel è stata Malala Yousafza: l'attivista pakistana insignita all'onorificenza per la Pace quando aveva 17 anni. Il più anziano Leonid Hurwicz, premiato all'Economia nel 2007 a 90 anni insieme a Eric Maskin e Roger Myerson per la teoria del mechanism

    – di Alberto Magnani

    • News24

    La tempistica dei Nobel

    Alzi la mano chi conosce Nils Gustaf Dalén. Nessuno sicuramente ne ha mai sentito parlare. Eppure nel 1912 questo signore svedese fu insignito del premio Nobel per la fisica, già allora il più importante riconoscimento mondiale in campo scientifico. Si dirà: ben pochi degli scienziati che ricevono

    – di Vincenzo Barone

    • News24

    Brexit, scattata la corsa alle agenzie: ecco le sfidanti di Milano per l'Ema

    Entra nel vivo la competizione per aggiudicarsi le due agenzie in uscita dal Regno Unito per via della Brexit. E si annuncia una gara molto affollatta, soprattutto per la sede più ambita, cioè l'Agenzia del farmaco. Il Consiglio dell'Unione Europea ha infatti ricevuto 27 proposte relative a 23

    – di Laura Cavestri

    • News24

    I Nobel tornano a Biogem al Festival delle due culture

    Si svolgerà dal 7 all'11 Settembre 2016 l'ottava edizione del Meeting "Le Due Culture", che chiama a raccolta presso il Centro di ricerche Biogem di Ariano Irpino (AV) protagonisti mondiali nei campi delle scienze cosiddette "esatte" e delle scienze "umane". Giunto all'ottava edizione. Quest'anno

    • News24

    Le armi della medicina integrata

    In questi ultimi decenni l'utilizzo delle biotecnologie ha determinato importanti progressi nella diagnostica e nella terapia, aprendo la strada che conduce

    – di Francesca Cerati

    • News24

    E' un Nobel per le staminali

    Tra fecondazione assistita e ricerca sulle cellule staminali ci sono profondissimi legami. E' persino banale sottolinearlo. Di solito però questo intreccio

    – di Armando Massarenti

1-10 di 16 risultati