Persone

Marco Travaglio

Marco Travaglio è un giornalista italiano molto noto per le sue inchieste giudiziarie e per gli articoli critici nei confronti della politica. Travaglio scrive per più testate giornalistiche e collabora a diverse trasmissioni televisive. La più nota è, probabilmente, AnnoZero di Michele Santoro, di cui è collaboratore dal 2006. Attualmente Travaglio scrive per il Fatto quotidiano, un giornale di recente fondazione diretto da Antonio Padellaro. Prima di approdare al Fatto quotidiano, Travaglio ha lavorato per diversi anni all’Unità dove curava un rubrica di satira che gli è valsa gli strali di diversi personaggi politici. Prima dell’esperienza all'Unità, Travaglio ha collaborato con diverse testate tra cui Sette, Cuore, Il Messaggero, Il Giorno, L'Indipendente, Il Borghese e L'Espresso. La sua formazione giornalistica è però al fianco di Indro Montanelli, che lo aveva chiamato al Giornale. Con il quotidiano milanese Travaglio collabora dal 1988 al 1994, quando segue Montanelli alla Voce, dallo stesso fondata. Montanelli ha profondamente influenzato Travaglio anche dal punto di vista politico, tanto che quest'ultimo è arrivato a definirsi “liberal-montanelliano”. Sebbene infatti sia spesso additato come un giornalista schierato a sinistra, a causa di frequenti scontri con esponenti del centrodestra e, in particolare, con Berlusconi, Travaglio ha sempre dichiarato di non riconoscersi nell’ideologia di sinistra e di essere piuttosto un liberale. Nella sua lunga carriera Travaglio ha pubblicato innumerevoli articoli e numerosi libri, il più famoso dei quali è certamente l’Odore dei soldi, in collaborazione con Elio Veltri.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Marco Travaglio
    • News24

    Il corpo a corpo con la storia dell'Ilva

    «Il 26 luglio del 2012, mi trovavo nell'ufficio di presidente di Confindustria Taranto. Il mio socio, Tommaso Carone, mi chiamò al telefono: "All'Ilva stanno mandando via tutti. Sta succedendo qualcosa di grosso. In acciaieria, ci sono carabinieri ovunque"». Quella telefonata rappresenta per

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Renzi: il futuro sono gli Stati Uniti d'Europa

    «Il futuro sono gli Stati Uniti d'Europa e noi chiediamo agli altri partiti da che parte stanno. In Italia abbiamo i no euro, i boh euro e i sì euro». Lo ha detto il segretario Pd, Matteo Renzi, parlando oggi a Milano all'evento pro Europa organizzato insieme con gli eurodeputati dem. «In Italia la

    – di Redazione Roma

    • News24

    Renzi: con le alleanze possiamo fare il 40 per cento

    «Sono mesi che cercano di mettermi da parte, ma non ci riusciranno nemmeno stavolta». Matteo Renzi sbarra la strada, di netto, alle voci di sommovimenti in atto nell'area del centrosinistra dopo la deludente ultima performance alle urne per i dem. Alla domanda sulla necessità di togliersi di mezzo

    – di Nicola Barone

    • News24

    L'attualità di Einaudi con il suo «conoscere per deliberare»

    Gentile Carrubba, grazie al suo saggio incoraggiamento (si veda la sua risposta sul Sole del 9 ottobre) ho intrapreso una meticolosa perlustrazione del testo di riforma costituzionale. Numerosi stati d'animo contradditori, come la spontanea euforia emersa prendendo atto che l'eliminazione del

    – di Salvatore Carrubba

    • Agora

    Perché mai come ora la vita del pm Nino Di Matteo è a rischio: Palermo mai così pericolosa. L'opzione rientro in Dda

    Abituati - come siamo - a guardare al dito che la indica e non alla luna che sovrasta, non può e non deve apparire strano in questa Italia sbrindellata che la vicenda del Pm Nino Di Matteo segua la stessa sorte. Con una decisione assolutamente logica e coerente al suo profilo - vale a dire non accettare il trasferimento nella Dnaa romana solo perché in pericolo di vita e demolire i sospetti di una fuga dalle responsabilità giudiziarie del processo sulla trattativa - Di Matteo ha inevitabilmente...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Riforme, Renzi: pronti a iniziativa su Italicum. Zagrebelsky: democrazia a rischio

    «Zagrebelsky dice di preferire un bicameralismo paritario perché darebbe maggiori garanzie. Ma questo meccanismo crea un infinito ping pong con i testi delle leggi, dando corso a ritardi, come sulla legge contro l'omofobia. Sono 30 anni che tutta la classe politica dice che bisogna passare dal

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 154 risultati