Persone

Marco Pantani

Marco Pantani è nato il 13 gennaio del 1970 a Cesena ed è deceduto a Rimini il 14 febbraio del 2004, è stato un ciclista italiano su strada eccellente nelle scalate pure.

Era alto 172 cm e pesava 54 Kg.

Ciclista professionista tra il 1992 ed il 2003, ha collezionato 46 vittorie in carriera primeggiando nelle corse a tappe ed ha vinto un Giro d'Italia, un Tour de France e la medaglia di bronzo ai mondiali di ciclismo su strada del 1995.

E' stato uno dei pochissimi atleti insieme a miti del ciclismo come Fausto Coppi, Jacques Anquetil, Eddy Merckx, Bernard Hinault, Stephen Roche e Miguel Indurain, ad essere riuscito a vincere nello stesso anno (1998) Giro d'Italia e Tour de France.

Battezzato dai tifosi come "il Pirata", Marco Pantani dimostrò fin da giovanissimo la sua attitudine per il ciclismo, appassionandosi alla scalata delle vette romagnole.

Tesseratosi al G.C. Fausto Coppi di Cesenatico, iniziò a cimentarsi nelle sue prime competizioni, prima amatoriali, poi agonistico/dilettantistiche ed infine a partire dagli anni '90 professionistiche.

Durante la sua carriera da professionsita fù vittima di diversi incidenti, uno dei quali occorsogli nell'ottobre del 1995

lo portò vicino alla possibilità di dover abbandonare prematuramente la carriera ciclistica ma, salito in sella riusci sempre a ripartire con grande slancio.

Il 1998 fù per "il Pirata" l'anno magico, in quanto riusci a vincere contemporaneamente il Giro d'Italia ed il Tour de France, rimanendo per ben 16 anni (fino al 2014, con la vittoria di Vincenzo Nibali) l'ultimo italiano ad aver vinto il Tour francese.

Il mattino del 5 giugno del 1999, durante il Giro d'Italia e dopo una memorabile vittoria di tappa (Predazzo - Madonna di Campiglio) che lo avrebbe quasi sicuramente consacrato campione del Giro, ad un controllo antidoping i valori ematici di Pantani risultarono disallineati rispetto a quelli consentiti, in particolare il valore di ematocrito rilevato risultò pari al 52% (ossia superiore dell'l'1% al limite massimo del 50% consentito dai regolamenti). La conseguenza fù per il ciclista la sospensione per 15 giorni dalle competizioni, che gli valse l'esclusione dal Giro d'Italia.

Iniziò per Pantani un perido di depressione e di ritiro dalle gare, che lo vide prendere parte alle competizioni professionistiche soltanto a partire dal 2000, senza però riuscire ad eguagliare gli straodinari risultati del passato.

Il 14 febbraio del 2004, Marco Pantani è stato trovato privo di vita nella stanza D5 del residence "Le Rose" di Rimini. Per molti anni la procura competente è stata sul punto di dichiarare definitivamente chiuso il caso sembrando riconducibile la morte dell'atleta ad un caso di overdose da cocaina ma di recente (nel marzo del 2016) le intercettazione di un detenuto vicino ad ambienti legati alle scommesse clandestine, hanno riaperto il caso.

L'ipotesi inquietante, che sarebbe emersa, è che Marco Pantani, sempre dichiaratosi innocente, sarebbe rimasto vittima di un complotto, ordito nei suo confronti dalla camorra per essersi rifiutato di cedere ai ricatti del racket delle scommesse clandestine.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Marco Pantani
    • News24

    L'ultima fuga del Pirata

    Era il 30 maggio: il giorno precedente, Marco Pantani - già provato da quattro anni, vissuti tra eccessi di ogni tipo, dopo lo stop per ematocrito alto a Madonna di Campiglio del 1999 - era caduto sulla discesa del Colle di Sampeyre, sotto la... Sicuramente "Gibo" non fu magnanimo: lo scalatore trentino, dopo avere agguantato Pantani a 5 km dall'arrivo, si involò con Fabio Pellizotti per poi batterlo allo sprint. ... Neppure un anno dopo, il 14 febbraio 2004, il corpo di Marco Pantani veniva...

    • News24

    L'inizio della leggenda del Pirata

    Mentre il gruppetto dei migliori era - come si suol dire - "a tutta", Marco Pantani, quasi spazientito, si rivolse al fido gregario Roberto Conti: "Oh ma quando inizia sta Marmolada?". ... E Pantani, che indossava la maglia verde di miglior scalatore, scattò: alla sua ruota rimase solo Vincenzo Guerini, perfetto compagno di viaggio nella discesa verso Canazei, nell'ultima scalata verso Passo Sella e infine verso l'arrivo a Selva di Val Gardena, dove Pantani lasciò da signore la vittoria di tappa...

    • News24

    Vent'anni di un'automobile di «rottura»

    Sono passati 20 anni e 20 centimetri tra la presentazione della prima Ford Focus e la quarta generazione svelata a Londra. Era infatti il 1998 quando l'erede della Escort debuttava e in 4.17 metri, contro i 4.37 dell'attuale, rivoluzionava il concetto di vettura media. Mentre l'Euro prendeva forma,

    – di Si.Pi.

    • News24

    Il grande ciclismo si ritrova in Toscana per la Tirreno-Adriatico

    ll grande ciclismo, dopo tanto girovagare per mondi lontani, si ritrova in Toscana per la 53esima Tirreno-Adriatico, la corsa dei due mari che gode ancora, prima della Milano-Sanremo, di un particolare privilegio: quello di far ritrovare una comunità dispersa, quella del ciclismo, che da tempo ha

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Salite in bici sulle Alpi/Mortirolo e Zoncolan

    Ci si divide quasi come si faceva tra Coppi e Bartali: è più duro il Mortirolo o lo Zoncolan? Il Giro ha scoperto entrambe le salite relativamente tardi: il Mortirolo fino agli anni Ottanta era una poco nota salita sterrata che i più ricordavano per esser stata sede di alcuni scontri tra i

    • News24

    Giro 2017, Quintana chiude secondo: "Potevo fare di più"

    Nairo Quintana non nasconde i propri rimpianti. Il colombiano chiude la 100esima edizione del Giro d'Italia al secondo posto in classifica generale alle spalle di Tom Dumoulin dopo l'ultima decisiva tappa a cronometro. Quintana, partito da Monza con la maglia rosa sulle spalle, non riesce a

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia, Dumoulin maglia rosa più che mai. Scintille con Nibali

    Ma che cosa sta succedendo al Giro d'Italia? Oggi si va a Piancavallo, ultimo arrivo in salita di questa terza settimana sulle Grandi Montagne. Una tappa non facile, dove nel 1998 Marco Pantani diede spettacolo. Una tappa quindi da bollino rosso, di quelle che sulla carta possono ancora fare la

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Le mani di sua maestà Tom Dumoulin sul Giro d'Italia

    Niente da fare. In una tappa col diavolo in corpo, arrivata a Bergamo con mezz'ora di anticipo, con discesa e risalite ubriacanti e un sole quasi africano, l'olandese Tom Dumoulin ribadisce che il leader del Giro è lui. Che la maglia rosa non ha nessuna intenzione di cederla. Che gli avversari

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Giro del centenario, Cairo: «Innovando colmeremo il gap con il Tour de France»

    «Il Giro d'Italia non ha nulla da invidiare al Tour de France. Certo c'è ancora un gap notevole in termini di fatturato. La corsa francese ha un giro d'affari notevolmente superiore. Parliamo di circa 110 milioni a fronte di introiti italiani che sfiorano i 40. Ma se guardo alla storia, ai campioni

    – di Marco Bellinazzo

1-10 di 126 risultati